Zito: talento angolano classe 2002

INFORMAZIONI: Zito

Nome: Zito André Sebastião Luvumbo
Ruolo: Ala destra/sinistra
Data di nascita: 09/03/2002
Altezza: 178 cm.
Piede: Sinistro

Zito

Dopo essere stato premiato miglior giocatore dell’ultima Coppa d’Africa Under 17, Zito sta confermando tutte le sue qualità anche al Mondiale Under 17 che si sta disputando in questi giorni in Brasile.

Ala destra di piede sinistro, Zito è l’elemento di spicco del più forte Angola degli ultimi anni, una squadra che ha dalla metà campo in avanti alcuni talenti veramente interessanti come: la punta centrale di movimento Zini, l’ala sinistra Capita e il centrocampista centrale Domingos Andrade.

Dopo essersi messo in grande evidenza in patria, vincendo la coppa nazionale praticamente da solo (un gol realizzato e un rigore guadagnato) e aver fatto faville in vari tornei regionali e internazionali, tra cui la già citata Coppa D’Africa di categoria, Zito è entrato nel mirino di alcuni importanti club europei.

Così, nel mese di febbraio, il giovane esterno offensivo del CD 1º de Agosto, club dell’esercito con sede a Luanda che prende il nome dal giorno di nascita della società, è andato in prova al Manchester United (era seguito anche da West Ham, Lille e Boavista).

I “Red Devils” erano anche disposti a tesserare immediatamente il giocatore, il quale sarebbe potuto diventare l’erede di Manucho (l’unico angolano a vestire la maglia del Man Utd) ma, a causa di problemi legati al permesso di lavoro, l’ingaggio del giocatore africano è saltato.

Successivamente, Zito ha anche avuto la possibilità di esordire precocemente con la maglia della nazionale maggiore delle “Palancas Negras” (Antilopi Nere), è successo in occasione della partita di qualificazione al mondiale contro il Gambia, dove ha subito dimostrato di essere un giocatore di livello superiore, creando diverse opportunità da gol.

Naturalmente, l’eco delle prestazioni del ragazzo ha raggiunto anche le orecchie degli scout di altre società europee, le quali si sono notevolmente interessate a Zito e, in particolar modo il Barcellona, ha mandato degli osservatori in Brasile per seguire da vicino le prestazioni del ragazzo.

Nella prima partita del Mondiale U17, vinta 2 a 1 contro la Nuova Zelanda, Zito è stato uno dei migliori in campo, ha completato 12 dei suoi 16 dribbling, ha anche vinto 14 dei suoi 23 duelli offensivi, ha compiuto 5 progressioni palla al piede, raggiungendo una percentuale di giocate di successo davvero alta.

Nella seconda partita, vinta 2 a 1 contro il Canada, pur evidenziando le sue indubbie qualità tecniche, Zito è sembrato un po’ troppo fumoso e ha cercato con troppa insistenza la giocata ad effetto.

Caratteristiche tecniche e tattiche

Zito è principalmente un’ala destra (ma può adattarsi anche a sinistra), posizione che gli consente di partire in accelerazione palla al piede e di andare a tiro con il suo “educato” piede mancino.

Ha una notevole variazione di ritmo, è veloce, abile nell’uno contro uno ed in possesso di un buon primo controllo della sfera, qualità che gli consentono spesso creare la superiorità numerica nel suo settore di competenza.

Ha un discreto tiro ma, più di tutto, sa essere determinante dalla trequarti in avanti, non solo in fase di finalizzazione, ma anche sfornando degli assist invitanti per i compagni.

Naturalmente ha anche dei punti deboli, in particolare deve migliorare il destro e svolgere una fase difensiva più intensa, dando un maggiore aiuto alla squadra quando non è in possesso della sfera.

Fisicamente normolineo, ha però una struttura corporea già discretamente formata, che gli permette di essere abbastanza competitivo a livello giovanile.

E’ un giocatore dotato di una spiccata personalità, che non ha timori nel tentare le giocate difficili nei momenti “caldi” del match, prendendosi sempre le sue responsabilità.

Tatticamente il ruolo dove rende meglio è quello di ala destra ma, in più di un’occasione, è stato utilizzato anche sul lato opposto.

Analisi finale

Punti di forza: Tecnica, velocità, dribbling, accelerazione palla al piede, assist, personalità, controllo di palla.
Punti di debolezza: Può segnare più gol, migliorare il destro e perfezionare la fase difensiva.
A chi somiglia: Maxwel Cornet
Valutazione: 3/5

(Fonte foto: Twitter.com)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *