Jesús Gómez: talento messicano classe 2002

INFORMAZIONI: Jesús Gómez

Nome: Jesús Alejandro Gómez Molina
Ruolo: Difensore centrale
Data di nascita: 31/01/2002
Altezza: 183 cm.
Piede: Sinistro

Jesús Gómez

Jesús Alejandro Gómez Molina, più semplicemente Jesús Gómez, si sta mettendo in mostra come uno dei migliori difensori centrali presenti al Mondiale Under 17 che si sta disputando in questi giorni in Brasile.

Il “suo” Messico è arrivato ai quarti di finale, dopo aver sconfitto con un secco 2 a 0 l’organizzata nazionale giapponese.

Se il percorso della selezione “Tricolor” è stato così positivo, molto lo deve anche alle qualità di questo baluardo mancino che, prima di partecipare alla kermesse continentale di categoria, aveva anche avuto la possibilità di esordire precocemente in prima squadra, in coppa nazionale (a gennaio), nel match tra Club Deportivo Atlas de Guadalajara (suo team di appartenenza) e Santos. Jesús Gómez ha giocato tutti i 90 minuti nell’insolito ruolo di terzino sinistro, lui che di solito occupa il ruolo di centrale difensivo, contribuendo a mantenere inviolata la porta della sua squadra.

“Avevo 13 anni quando sono arrivato qui. Ho partecipato alle Olimpiadi di Tijuana, ero lì con la selezione di Sonora ed è stato in quel torneo che mi hanno visto gli osservatori dell’Atlas”, ha dichiarato il ragazzo al sito del club.

“Era la semifinale del torneo contro Sinaloa e alla fine della partita vedo che mia madre stava parlando con una persona. Mi avvicinai e mi disse che Atlas era interessato a me. Dopo tre mesi hanno parlato con mio padre per vedere se potevo venire a Guadalajara per partecipare a un torneo, poi mi hanno chiamato per l’U-13 e tornando da lì ha capito che sarei rimasto nel club. Avevo già parlato con mio padre, che se una squadra di fuori mi avesse cercato, sarei partito senza pensarci. È stato difficile, ma mi ci sono abituato. “, ha chiosato il centrale.

Nato a Hermosillo, Sonora, il 31 gennaio del 2002, Jesús ha vinto il campionato nazionale Under 15 (segnando in finale contro il Chivas all’Azteca) ed in seguito, è sempre stato nel giro delle selezioni giovanili messicane, trionfando nella CONCACAF U15.

Nel club, in questo inizio di stagione, ha giocato inizialmente con la formazione Under 17 ma, nell’ultimo semestre è stato portato in prima squadra sia nella Copa che nella Liga MX.

“El Pue” così viene soprannominato il ragazzo, vive al pensionato del club e ormai si è perfettamente integrato nell’ambiente dei “Los Rojinegros”. “I miei amici sono Leonardo Correa e Michael Barragan. Ultimamente, quando Rafael Martínez è arrivato all’Atlas, ho legato anche con lui e con Kevin Esquivel. Stiamo sempre stati insieme alla Casa Club, usciamo ovunque insieme, viviamo nella stessa stanza e siamo molto legati.” (tratto da www.atlasfc.com.mx)

Caratteristiche tecniche e tattiche

Jesús Gómez viene descritto così da Jair Vázquez, uno dei tecnici che ha avuto nell’Under 15 dell’Atlas: “Ho avuto la gioia di dirigerlo nell’U-15. È un ragazzo molto più avanti della sua età, calcisticamente parlando, per il suo profilo mancino, la sua altezza, la velocità, il gioco aereo, la sua capacità con la palla e il suo tiro. Si è sempre distinto all’interno della squadra, per le sue buone condizioni è così è stato chiamato nella Selección. Come persona è un ragazzo tranquillo, umile e concentrato”. (tratto da www.atlasfc.com.mx)

Effettivamente, la descrizione del suo tecnico è molto attinente, Jesús Gómez è un difensore centrale tecnico, molto bravo ad impostare la manovra ed in possesso di una buona visione di gioco.

Bravo in marcatura, sa rimanere concentrato nell’arco dei 90 minuti anche se, in certe occasioni, risulta essere un po’ troppo energico nei tackle.

Elegante nelle movenze e in possesso di un buon passo, il suo stile di gioco e molto propositivo, fungendo spesso da regista arretrato, sfruttando il suo “educato” piede mancino (è pericoloso anche sui calci di punizione).

Bravo nel gioco aereo (è pericoloso quando avanza in occasione dei corner), carismatico, è indubbiamente il leader della sua squadra, tramettendo tanta tranquillità e sicurezza all’intero pacchetto arretrato.

Fisicamente longilineo con i suoi 183 cm. (non molti per un centrale), può ulteriormente irrobustire la sua struttura corporea, in modo tale da essere ancora più performante nei duelli spalla a spalla.

Tatticamente il suo ruolo è quello di centrale sinistro di una difesa a 4 ma, in certe occasioni, soprattutto in prima squadra, è stato utilizzato nella posizione di terzino.

Analisi finale

Punti di forza: Tecnica, visione di gioco, gioco aereo, lancio, senso del gol, leadership, velocità, calci da fermo.
Punti di debolezza: In certe occasioni può essere meno irruento e deve rafforzarsi fisicamente.
A chi assomiglia: Clément Lenglet
Valutazione: 3,5/5

(Fonte foto: www.atlasfc.com.mx)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *