Brian Brobbey: 2002 – Olanda

Nome: Brian Ebenezer Adjei Brobbey
Ruolo: Prima punta
Data di nascita: 01/02/2002
Altezza: 185 cm
Piede: Destro

BIOGRAFIA

Brian Brobbey è stato colui che ha stroncato i sogni di gloria della nazionale Under 17 di Mr Carmine Nunziata; a 6 minuti dalla fine della partita ha fissato il gol sul 2 a 2 mandando gli Azzurri ai calci di rigori. Dal dischetto gli italiani hanno messo a segno solo un tiro dagli 11 metri e così la vittoria finale è andata alla nazionale Oranje.
Brobbey, centravanti dell’Ajax classe 2002, è già noto agli attenti osservatori del calcio giovanile, nelle varie squadre dell’Academy de i Lancieri ha sempre realizzato gol a grappoli, come nell’ultima stagione dove è andato a segno per 28 volte, tra Under 17 e Under 19 diventando capocannoniere dell’Ajax.
Brobbey nasce in una famiglia di calciatori, tre suoi fratelli fanno il suo stesso mestiere: Samuel Brobbey, di 4 anni più grande è un difensore dell’Almere City, Derrick Luckassen, classe 1995, gioca in Eredivisie con il PSV e Kevin Luckassen, il più “anziano” gioca in Inghilterra al Northampton Town.
Derrick Luckassen è stato il primo della famiglia a vincere il titolo nazionale. “Appena ha vinto mi sono congratulato con lui. Pensavo che fosse la cosa giusta da fare. Gli ho detto: Congratulazioni, tra due anni sarò lì come campione”, ha dichiarato Brian in una recente intervista.
Nato ad Amsterdam, ma di origini ghanesi, Brian ha iniziato a giocare a calcio nell’AFC Amsterdam e dal 2010 è entrato a far parte del settore giovanile dei Lancieri. Ora il suo sogno è quello di debuttare presto con la prima squadra. “Tra due anni spero di giocare nella prima squadra dell’Ajax”.
D’altronde Brobbey è un ragazzo molto ambizioso e determinato, che fin da piccolo è stato abituato ad uno stile di vita molto professionale, come per esempio per quanto riguarda l’alimentazione. Una dieta a base di frutta e acqua: questa è il segreto per avere i muscoli impressionanti dell’attaccante sedicenne. Ogni mattina inizia con un frutto e un bicchiere d’acqua. “E quando sono al club, mangio un sacco di avocado e verdure. E alla sera broccoli con patate. Questo è ciò che ti rende forte “, ha affermato Brobbey a ajax1.nl.
Per il suo stile di gioco e soprattutto per la sua fisicità è stato paragonato spesso a Romelu Lukaku. “Sì, ho sentito spesso questo paragone. Io sono solo il nuovo Brian Brobbey, non il nuovo Lukaku “, ha detto l’attaccante in una chiacchierata con ELF Voetbal. “Lo ammiro sempre. Mi piace come difende la palla ma soprattutto perché Lukaku è molto bravo.” Eppure è un altro attaccante per il quale Brian ha una grande ammirazione: “Preferisco guardare Klaas-Jan Huntelaar. Lui è così bravo. Klaas-Jan può tirare perfettamente sia con il sinistro che con il destro. Un giorno dopo un allenamento è venuto da me e mi ha detto scherzando: “Non devi fare un sacco di allenamento per la forza, vero?”
Il nome di Brobbey in ogni finestra di mercato viene accostato a quello dei principali club inglesi, in primis le due squadre di Manchester, ma nelle interviste ripete sempre: “Di queste cose se ne occupa il mio agente. Ma non escludo nulla.”

CARATTERISTICHE TECNICHE E TATTICHE

Brobbey è una punta centrale dalla struttura fisica imponente, “con gambe come tronchi d’albero, le braccia come cavi d’acciaio e le spalle così larghe che si trovano in diversi fusi orari” (cit. dal sito ajax1.nl). Effettivamente a primo impatto Brobbey colpisce per la sua prestanza atletica, che non ha rivali tra i pari età; non a caso viene sempre utilizzato contro avversari più grandi.
Non bisogna pensare però che Brian sia un giocatore tecnicamente sprovveduto, ma anzi ha una discreta tecnica di base (come dimostrano i suoi 3 gol all’europeo di categoria) e anche una sufficiente agilità negli spazi stretti.
Eccezionale nel gioco spalle alla porta, dotato di un grande senso del gol e di una spiccata capacità nel gioco aereo, Brobbey è un giocatore che si fa molto apprezzare anche per il gioco di sponda. Potente e spesso inarrestabile quando parte in progressione, non è lento, risultando così un perfetto mix tra forza fisica e velocità, che mette a disagio gli interi pacchetti arretrati avversari.
Ha buone capacità balistiche e un tiro abbastanza forte e “pulito”, che innesca spesso dopo essere scattato al limite del fuorigioco; la sua capacità nell’attaccare gli spazi è veramente notevole.
Caratterialmente estroverso e un po’ guascone, Brobbey non risente minimamente delle pressioni esterne, palesando una forte personalità.
Tatticamente è in grado di fare reparto da solo, sfruttando la sua grande fisicità e mobilità; messo al centro di un tridente può risultare un’arma letale.

ANALISI FINALE

Punti di forza: Forza fisica, tecnica, senso del gol, personalità, gioco aereo, dinamismo, gioco spalle alla porta, capacità nell’attaccare gli spazi.
Punti di debolezza: Capacità di gestire le energie nel corso della partita.
A chi assomiglia: Romelu Lukaku
Valutazione: 4/5

(Fonte foto: www.modernghana.com)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *