Agustin Almendra: 2000 – Argentina

Nome: Agustín Ezequiel Almendra
Ruolo: Centrocampista centrale, mezzala destra, trequartista
Data di nascita: 11/02/2000
Altezza: 182 cm
Piede: Destro

BIOGRAFIA

Agustin Almendra ha avuto la possibilità di debuttare giovanissimo, a 18 anni, con la maglia del Boca Juniors, in occasione della partita di Primera División contro l’Indipendente del 16 aprile scorso. Il centrocampista “Xeneize” ha disputato 66 minuti a buon livello, ripentendosi con un minutaggio minore nell’incontro successivo contro il Newell’s.
“Mi è piaciuto molto, nonostante una partita dura e difficile. La sua sostituzione non è stata figlia di una cattiva prestazione, ma della necessità di inserire un altro attaccante”, sono state le parole del suo allenatore, Guillermo Barros Schelotto, nel post partita.
Il suo esordio tra i professionisti è stato facilitato dalla contemporanea assenza di molti giocatori della prima squadra nel suo settore di competenza, ma “Agus” (così viene chiamato dagli amici) era già da tempo seguito dall’occhio vigile del tecnico Schelotto, che lo aveva visto segnare un buon numero di gol con la squadra riserve guidata dal “Flaco” Schiavi.
Cresciuto con il mito di Roman Riquelme, al quale è stato spesso paragonato, in occasione del suo esordio Almendra ha dovuto avanzare un po’ il suo raggio d’azione, facendo le veci di un altro grande campione, Carlos Tevez. Ma Agustin è un giocatore duttile, come conferma Roberto Passucci, ex centrocampista del Boca che lo ha allenato nel settore giovanile: “Almendra può giocare sia da centrocampista centrale che da mezzala e anche da trequartista”.
Almendra ha trovato terreno fertile con “El Mellizo” (il gemello, è il soprannome di Schelotto), che ha sempre avuto un occhio di riguardo per i giovani talenti; non a caso il classe 2000 è stato il nono debuttante della sua gestione.
Augustin è nato a San Francisco Solano, una località situata tra Quilmes e Almirante Brown, ha iniziato a giocare a calcio nel Club Social y Deportivo 7 de Agosto, situato a Rosa 6099, tra Cala y Charcas e Claypole. In quel periodo, a detta degli allenatori, Agustin già faceva la differenza: “Nel baby fútbol è stato una cosa straordinaria. Era uno dei giocatori più riconosciuti, aveva un sacco di temperamento. Hanno detto che era ribelle, ma sapevamo che non era così”, è il ricordo di Mr Diego Meirinho. Quest’ultimo ci tiene poi a ricordare come Agus abbia ancora mantenuto una particolare caratteristica: “Ha un modo speciale di correre e lo ha anche ora. Lui trotta e non piega le ginocchia, è strano” e aggiunge: ” In una partita dribblò fino a quattro giocatori dell’Indipendente, è una caratteristica che ha sempre avuto. Era molto normale in lui. ” (tratto da debrown.com.ar)
Prima di arrivare al Boca, a circa 10 anni, il ragazzo ha avuto alcune esperienze fugaci nel settore giovanile del Lanus e dell’Indipendente. A scoprirlo è stato l’osservatore “Xeneize” Roberto Madoery, che lo descrive così: “Almendra è simile a Bentancur ma con più potenziale”.
Un paragone sicuramente meno impegnativo rispetto a quello con Riquelme, che però viene confermato dall’ex allenatore della nazionale argentina, Gerardo “El Profe” Salorio: “È come Riquelme quando era un bambino”.
Secondo Rolando Schiavi e i suoi collaboratori, Agus era una delle è una delle migliori promesse della squadra. Il ragazzo ha avuto delle importanti attestazioni di stima anche dal prestigioso giornale Olé, che esaltando il suo stile gioco e le sue prestazioni, lo ha inserito nel numero del 25 dicembre 2017, usando per lui queste parole: “La personalità e l’atteggiamento, la visione di gioco, la velocità e il senso del gol, sono le principali virtù di Almendra”.
Naturalmente, il talento del Boca ha già fatto parte delle nazionali Under 17 e Under 20 argentine; con quest’ultima ha anche recentemente svolto il ruolo di sparring partner in un allenamento pre-mondiale della Selección. (tratto da goal.com e www.lanacion.com.ar)

CARATTERISTICHE TECNICHE E TATTICHE

Agustin Almendra è un centrocampista in grado di ricoprire diverse posizioni sulla linea mediana del campo. Per la sua andatura e per l’altezza, come già detto, è stato paragonato a Riquelme, ma il classe 2000 del Boca non raggiunge i livelli di qualità tecnica del suo illustre predecessore. Almendra è però più duttile, usando una terminologia cara agli argentini, è un “volante” di piede destro che può giocare vicino al “volante” centrale o anche da “enganche” (trequartista).
Tecnicamente abile, fisicamente longilineo, forte nel gioco aereo, Almendra è un centrocampista dalle attitudini principalmente offensive, in possesso di un buon dribbling, di una visione di gioco periferica e dotato di un grande tempismo negli inserimenti offensivi.
Agus distribuisce la palla con sicurezza e tranquillità e subito dopo si fa trovare pronto nell’area avversaria per finalizzare i cross provenienti dalle corsie esterne.
Fisicamente è abbastanza forte e ciò gli permette di difendere la palla con discreta tranquillità. A livello caratteriale sembra avere una notevole personalità, esaltata ulteriormente dalla determinazione e “garra” che mette nei contrasti.
Tatticamente Almendra può occupare diverse posizioni del centrocampo, ma quella di trequartista incursore sembra essere la più adatta alle sue caratteristiche. In un 4-2-3-1 il ruolo dietro la punta centrale gli permette di andare in gol con una certa frequenza, riuscendo a sorprendere spesso i pacchetti arretrati avversari.

ANALISI FINALE

Punti di forza: Tempi d’inserimento offensivi, tecnica, progressione palla al piede, senso del gol, gioco aereo, forza fisica, dribbling.
Punti di debolezza: Può essere più veloce nella scelta della giocata.
A chi assomiglia: Emerson da Rosa
Valutazione: 3,5/5

(Fonte foto: www.debrown.com.ar)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *