João Pedro: talento brasiliano classe 2001

INFORMAZIONI: João Pedro

Nome: João Pedro Junqueira de Jesus
Ruolo: Punta centrale
Data di nascita: 26/09/2001
Altezza: 182 cm
Piede: Destro

João Pedro

João Pedro Junqueira de Jesus, più semplicemente chiamato João Pedro, è il nuovo “craque” del calcio brasiliano. Il centravanti del Fluminense ha avuto un impatto straordinario con il calcio professionistico, mettendo a segno 8 reti in 11 gare disputate.

Uno score che non si discosta molto da quello avuto nelle squadre giovanile del “Flu”, dove si è evoluto da centravanti dopo che per i primi anni della sua giovane carriera era stato utilizzato da ala.

Fu il tecnico Marcelo Veiga, 54 anni, coordinatore delle giovanili del Fluminense, e per 20 anni tecnico di club minori paulisti, fra cui Bragantino, Mogi Mirim e Botafogo paulista, a cambiare il ruolo al talentino verdeoro. Veiga vide João Pedro giocare da esterno o da 10 e lo spostò nella posizione centravanti.

Da allora, con la Sub 17, ha messo a segno 32 gol in 29 match, fra campionato e coppe, con un debutto da n.9 il 26 giugno 2018 col Goytacaz, nel quale Joao ha firmato ben 5 gol. João Pedro è diventato capocannoniere del Carioca Sub 17, della Coppa del Brasile (8 gol) e vice “top scorer” della Coppa BH, durante la quale è stato scoperto dagli scout del Watford.

Gli osservatori del club della famiglia Pozzo, sono stati talmente veloci da anticipare persino i selezionatori delle nazionali giovanili brasiliane che, fino a quel momento, non avevano mai convocato João Pedro (ora è in U19).

Il giocatore sbarcherà in Inghilterra nel gennaio del 2020, ma non è escluso che possa essere ceduto dagli “Hornets” prima di debuttare con la maglia giallonera, in quanto su di lui si è fatto forte l’interesse del Liverpool, pronto ad investire moltissimi soldi pur di portarlo ad Anfield, sicuramente più dei 50 milioni pagati dai Pozzo.

Nato a Ribeirão Preto, comune di San Paolo, il 26 settembre del 2001, João Pedro è cresciuto nel settore giovanile del Fluminense, con il club carioca è arrivato presto in prima squadra grazie alle notevoli prestazioni nel vivaio del team Tricolor.

La consacrazione con “i grandi” è avvenuta in occasione della partita di Coppa Sudamericana del 23 maggio, nella splendida cornice del Maracanà di Rio de Janeiro.

Al debutto internazionale, il talento del Fluminense ha affrontato i colombiani dell’Atletico Nacional di Medellin, il club più titolato di Colombia. In poco più di mezzora João Pedro, numero 23 sulle spalle, ha realizzato una tripletta di pregevole fattura: di testa, di sinistro scavalcando il portiere in uscita, e di destro di rapina dopo aver colpito il palo. In mezzo un assist sempre di destro, il suo piede preferito, per Luciano.

Prima del “battesimo di fuoco” in campo internazionale, João Pedro aveva già messo in mostra tutto il suo talento e, soprattutto, le sue doti realizzative, mettendo a segno una doppietta al Cruzeiro in campionato entrando al 70’, un gol nel derby carioca contro il Flamengo e un altro sempre al Cruzeiro in Coppa del Brasile.

Al momento il ruolino personale della punta del “Flu” è di 8 gol in 11 spezzoni di partita, per un minutaggio complessivo di 303’, una rete ogni 38 minuti. Uno score migliore di quello di talenti del calibro di Ronaldo, Neymar, Vinicius Jr e Rodrygo.

Così lo ricorda il suo scopritore, Marcelo Veiga: “Dai 12 anni ha sempre giocato da 10, ma da centravanti è cresciuto in modo incredibile. Fra gli Under 14, 15 e 16 non si era mai messo in luce, non l’avevamo mai notato, anzi era riserva. Non sembrava una grande promessa. Anche perché è maturato e cresciuto fisicamente tardi: nel 2019 è fiorito in altezza, peso e in muscoli. E in fiducia in sé stesso”.

“Io penso solo a giocare, a essere felice in campo. Non mi interessa se ho fatto già più gol di Ney o di Rodrygo o di Vinicius alla mia età. Ma questi sono frutto di un grande lavoro. Devo solo continuare così e dare sempre il massimo”, è stato il semplice commento del talento brasiliano dopo le sue ripetute ottime prestazioni. (tratto da gazzetta.it)

Caratteristiche tecniche e tattiche

João Pedro è una punta centrale completa, tecnica, veloce, dotato di uno spiccato senso del gol.

In grado di segnare di destro, di sinistro, in acrobazia e di testa, essendo in possesso di un notevole stacco aereo.

Bravo nell’uno contro uno, sa attaccare bene la profondità, scattando spesso con i tempi giusti e smarcandosi continuamente.

E’ un centravanti moderno, che sa battagliare con forza, ma anche giocare con qualità; alterna perfettamente il gioco “di spada e di fioretto”, difendendo la palla con determinazione, ma anche mettendo in mostra “tricks”, tunnel e pregevoli giocate ad effetto, tipiche del repertorio sudamericano.

Inoltre, il fatto di saper calciare bene anche con il sinistro, lo rende ancora più imprevedibile per i difensori avversari, che spesso non riescono a leggere le sue intenzioni.

Il suo tiro è preciso, ma non molto potente, non a caso molte delle sue marcature sono state realizzate dentro i confini dell’area di rigore.

Ha uno stile di gioco molto dinamico, non resta mai fisso in area di rigore, ma ama svariare su tutto il fronte offensivo, scambiando la palla con i compagni e non dando punti di riferimenti ai pacchetti arretrati avversari.

Fisicamente longilineo, è molto cresciuto negli ultimi anni, ma per essere maggiormente competitivo in contesti atleticamente più impegnativi come quelli europei, ha bisogno irrobustire ancora la sua struttura corporea.

Caratterialmente è un ragazzo umile, laborioso, che in campo palesa sempre un forte personalità.

Analisi finale

Punti di forza: Senso del gol, rapidità, dribbling, progressione palla al piede, smarcamento, dinamismo, gioco aereo, protezione della palla, smarcamento, visione di gioco.
Punti di debolezza: Può rafforzarsi fisicamente.
A chi assomiglia: Luis Fabiano
Valutazione: 4/5

(Fonte foto: Mailson Santana / Fluminense FC)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *