Abdoulaye Dabo: talento francese classe 2001

INFORMAZIONI: Abdoulaye Dabo

Nome: Abdoulaye Dabo
Ruolo: Centrocampista centrale, mediano, mezzala destra/sinistra
Data di nascita: 04/03/2001
Altezza: 182 cm
Piede: Sinistro

Abdoulaye Dabo

Abdoulaye Dabo, centrocampista del Nantes, è da tempo uno dei talenti francesi più considerati e già in ambito giovanile il suo nome era stato accostato ai più grandi club europei.

In questo avvio di stagione Dabo ha potuto debuttare con la prima squadra del “Canarini”, l’11 agosto in occasione del match di Ligue 1 contro il Monaco.

Abdoulaye Dabo, nato a Nantes, ma originario della Guinea, ha mosso i primi passi nel mondo del calcio nel JSC Bellevue Nantes, dove è rimasto fino al 2014, prima di passare al club gialloverde.

Con “Les Canaris” si è rapidamente imposto nelle varie categorie del settore giovanile, giocando sotto età e diventando conseguentemente un punto fermo delle selezioni Under 16 (13 presenze e 4 gol) e Under 17 (10 presenze e un gol). Con i sedicenni transalpini è stato il miglior giocatore del Mondiale di Montaigu di 2 anni fa, perso in finale contro il Portogallo per 1 a 3 e Dabo ha realizzato l’unica marcatura dei francesi.

Dopo queste ottime prestazioni il dg della Juventus, Beppe Marotta, la scorsa stagione, è arrivato ad offrire circa 7 milioni di euro al Nantes, pur di portarlo all’ombra della Mole. Un interesse confermato anche dal presidente del Nantes, Waldemar Kita.

“Abbiamo respinto delle offerte per lui: sono felice di vedere questo giovanotto restare a Nantes, in tanti si sono bruciati le ali partendo troppo presto”, conclude il massimo dirigente del club dell’Atlantico.

Dopo aver respinto le avances dei top team del Vecchio Continente, Kita è stato bravo a far firmare al ragazzo il primo contratto da professionista, il 7 ottobre del 2017, con scadenza giugno 2022. Un accordo che segue quello che poco prima aveva siglato con il colosso dell’abbigliamento sportivo della Nike per la durata di 3 anni.

“E’ molto positivo quando si sa che il 95% dei giovani partono e lasciano casa all’età di 17-18 anni”, ha detto l’ex allenatore della squadra francese U 17, Patrick Gonfalone, che lo ha allenato al Mondial de Montaigu. “Nonostante sia molto maturo, Abdoulaye rimane un giovane calciatore da allenare e accompagnare durante la sua adolescenza. “

Abdoulaye in mezzo al campo crea un volume impressionante di gioco, avendo la tecnica giusta e una visione di gioco periferica. “Con le dovute proporzioni, senza dimenticare la sua giovane età, c’è in lui qualcosa di Paul Pogba e Ngolo Kanté”, osa l’allenatore dei Blues. È una gemma. E come tutti i diamanti, bisogna lavorarli per dargli tutto il suo splendore”, conclude il tecnico Gonfalone.

Dabo ha dimostrato personalità e maturità non accettando le ricche offerte estere, diversamente da molti altri suoi coetanei. “Non voglio montarmi la testa ma progredire ancora”, è stata la risposta del talentino francese alle ricche proposte provenienti da tutta Europa.

“Per noi, l’importante non è oggi”, ha affermato all’epoca Samuel Fenillat, direttore del centro di formazione dell’FCN (dove è presente anche il fratello minore di Abdoulaye, Souareba). “Vogliamo vederlo giocare più tardi a Beaujoire con i professionisti. Ma ci sono ancora molti passi da fare”, un desiderio diventato realtà in questi giorni. (tratto da ouest-france.fr)

Caratteristiche tecniche e tattiche

Abdoulaye Dabo sa prima degli altri dove atterrerà la palla. Inventa soluzioni. Respira il calcio”, dice di lui Samuel Fenillat.

Dabo è un centrocampista mancino che può giocare sia davanti alla difesa che qualche metro più avanti, avendo una buona tecnica di base ed una spiccata sapienza tattica. Può verticalizzare il gioco con grande precisione, ma anche rallentare la manovra al momento opportuno, preferendo dei passaggi orizzontali.

Risulta essere un centrocampista moderno, forte fisicamente e bravo in entrambe le fasi.

Sa inserirsi in avanti con i giusti tempi, mettendo a segno un buon numero di gol (e assist) e allo stesso tempo contrastando con vigoria gli attacchi avversari.

Ha buone capacità balistiche, è difficile da arginare quando parte in progressione palla al piede ed inoltre sa farsi apprezzare nel gioco aereo.

Ha una forte personalità, in campo palesa le doti del leader, guidando con autorevolezza la sua squadra. Non a caso è stato capitano delle squadre giovanili del Nantes pur essendo uno dei più giovani in campo.

Tatticamente può dare il meglio di sé in un 4-2-3-1, posizionandosi in una delle due posizioni davanti alla difesa. Per caratteristiche fisiche e tecniche può anche agire da mezzala di un 4-3-3, avendo un buon passo e buoni tempi d’inserimento.

Analisi finale

Punti di forza: Tecnica, forza fisica, dinamismo, leadership, intelligenza tattica, senso della posizione, capacità balistiche, visione di gioco.
Punti di debolezza: Può essere più continuo nell’arco dei 90 minuti.
A chi assomiglia: Corentin Tolisso
Valutazione: 3,5/5

(Fonte foto: www.goal.com)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *