Contattaci: info@worldfootballscouting.com

Contattaci: info@worldfootballscouting.com

Home Schede Giocatore Rabby Mateta: talento belga classe 2006

Rabby Mateta: talento belga classe 2006

0
Rabby Mateta: talento belga classe 2006
Rabby Mateta, trequartista mancino del Bruges. (Fonte foto: Instagram)

Scheda giocatore

  • Nome: Rabby Mateta Pepa
  • Classe: 2006
  • Ruolo primario: Trequartista - Altri ruoli: Mediano/regista
  • Nazionalità: Belgio
  • Altezza: 170 cm.
  • Piede: Sinistro

Rabby Mateta

Il Bruges (o Club Brugge) ha dimostrato di puntare fortemente sui ragazzi della propria Academy anche ai massimi livelli, impiegandoli con buona frequenza persino in Champions League.

Proprio in occasione dell’attuale edizione della massima competizione europea, i giovani talenti belgi non hanno sicuramente sfigurato contro avversari del calibro di Borussia Dortmund, Zenit e Lazio, confermando il grande lavoro svolto dagli scout e dai tecnici Blauw en Zwart.

Andando a scandagliare le diverse squadre del florido vivaio del club belga abbiamo individuato altri prospetti molto interessanti che, tra qualche anno, potrebbero anche loro imporsi a livello internazionale. In particolare siamo rimasti colpiti dal numero 10 dell’Under 15 del Bruges, il trequartista/playmaker mancino di origini congolesi Rabby Mateta.

Caratteristiche tecniche e tattiche

Rabby Mateta è un centrocampista offensivo, un trequartista dotato di un’ottima tecnica di base e di una grande visione di gioco.

Il suo fisico brevilineo ma già discretamente strutturato, aggiunto al baricentro basso e alla considerevole forza nelle gambe, gli permette di difendere molto bene la sfera anche quando è pressato in molto serrato e deciso dagli avversari.

Sa agire bene spalla alla porta per poi girarsi e lanciare in profondità con grande precisione i compagni.

Rabby riesce a trovare delle linee di passaggio originali, mai scontate, che pochi altri calciatori della sua età riescono solo a pensare. E’ un elemento estremamente creativo, abile nell’uno contro uno e divertente per chi guarda la partita.

E’ molto bravo nel dare profondità alla manovra eccellendo in fase di assistenza inoltre, ha notevoli capacità balistiche che gli permettono di essere pericoloso dalla media-lunga distanza e su calcio piazzato.

Molto abile negli spazi stretti, ha anche una buona accelerazione palla al piede che gli consente di superare in slancio gli avversari.

Si applica sufficientemente bene nella fase difensiva (svolge un discreto “sotto palla”) ed inoltre, ama indietreggiare nella propria metà campo per impostare il gioco in prima persona, qualità che gli permette di giocare anche da playmaker.

Pur essendo mancino non disdegna i passaggi con il destro, un aspetto non di poco conto considerando che gran parte dei mancini sanno usare bene solo il “piede forte”.

Non essendo alto va in sofferenza nel gioco aereo, deve poi migliorare nell’intensità di gioco e nella continuità di rendimento nell’arco della partita. Un ragazzo con le sue qualità tecniche deve essere maggiormente nel vivo del gioco, crescendo anche in personalità.

Tatticamente il suo ruolo è quello di trequartista, ma può anche agire da centrocampista centrale con compiti di regia.

(Fonte foto: Instagram)

Analisi finale

  • Punti di forza: Tecnica
    - Visione di gioco
    - Dribbling
    - Protezione della palla
    - Capacità balistiche
    - Calci da fermo
    - Assist
    - Verticalizzazioni
    - Accelerazione palla al piede
  • Punti di debolezza: Deve irrobustirsi uteriormente - Intensità di gioco - Continuità - Gioco aereo
  • Valutazione complessiva:
  • A chi somiglia: Renato Sanches

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui