Contattaci: info@worldfootballscouting.com

Contattaci: info@worldfootballscouting.com

Home Schede Giocatore Paulos Abraham: talento svedese classe 2002

Paulos Abraham: talento svedese classe 2002

0
Paulos Abraham: talento svedese classe 2002
Paulos Abraham ala classe 2002 dell'AIK Solna. (Fonte foto: Instagram)

Scheda giocatore

  • Nome: Paulos Abraham
  • Classe: 2002
  • Ruolo: Ala
  • Data di Nascita: 19/07/2002
  • Nazionalità: Svezia
  • Altezza: 178 cm.
  • Piede: Destro

Paulos Abraham

A cura di Alessio Croce e Massimiliano Palma

Paulos Abraham è stato “l’eroe del derby” contro l’Hammarby, la promettente ala sinistra ha spaccato in due la difesa avversaria servendo a Bilal Hussein un assist al bacio per il gol dell’1 a 0 (il match è terminato 2 a 0).

Il talento arrivato la scorsa primavera dal IF Brommapojkarna, club con il quale aveva racimolato in prima squadra 3 presenze un gol e un assist, Paulos si è subito integrato nella nuova realtà, conquistando la fiducia del tecnico del club di Stoccolma Rikard Norling.

“La fiducia del tecnico è stata enorme. Dopotutto, significa che l’allenatore pensa che io sia bravo e che crede in me, quindi mi dà ancora più sicurezza”, ha dichiarato Abraham a fine partita che, prima dell’incontro cittadino, era già stato impiegato nelle altre 2 partite di Allsvenskan (con l’esordio in campionato con l’AIK dal primo minuto).

All’inizio del derby, Paulos ha un po’ sofferto l’emozione, ma con il passare dei minuti si è preso la scena, facendo la differenza con le sue prepotenti accelerazioni palla al piede.

“È stato fantastico, molto divertente. Non sono davvero contento della mia prestazione, ma la cosa più importante è che la squadra abbia vinto. Sono molto felice per questo. Non ho mostrato tutto quello che potevo, ma sono anche le prime partite. Probabilmente il mio talento uscirà fuori dopo. Voglio fare gol e creare possibilità da gol. Sono elettrizzato dal mio ruolo. Mi sta perfettamente”, chiosa il talento nel post partita del derby. (tratto da fotbollskanalen.se)

Abraham (che è nel giro delle nazionali svedesi) ha anche ricevuto i complimenti dell’esperto compagno Goitom (ex giocatore dell’Udinese), il quale è una sorta di chioccia della squadra che vanta 3-4 “millennials” interessanti.

“È uno dei giocatori che è stato tra i migliori in allenamento. Non ha molta esperienza nel calcio senior, quindi è chiaro che inizialmente voleva conoscere i tempi e i requisiti per giocare. È diventato rapidamente un titolare. Vuole avere sempre la palla e ha qualità nell’uno contro uno, è bravo nella gestione e nella chiusura dell’azione. Ha raggiunto il livello successivo nello sviluppo e, il terzo livello, è giocare una partita. Se mostra ciò che ha mostrato in allenamento quando giochiamo una partita, non penso che rimarrà all’AIK per così tanto tempo”, ha dichiarato Goitom dopo aver visto in azione il talentino scandinavo. (tratto da fotbollskanalen.se)

Caratteristiche tecniche e tattiche

Paulos Abraham è principalmente un’ala sinistra “a piede invertito” che può anche adattarsi a giocare sulla corsia opposta.

Agile, tecnico e dotato di una notevole progressione palla al piede, riesce spesso a superare in slancio il suo dirimpettaio, creando la superiorità numerica nel settore di competenza.

Pur essendo destro se la cava discretamente anche con il mancino inoltre, ha buone capacità balistiche che gli permettono di essere pericoloso su punizione e su calcio di punizione (al “Brommo” era anche rigorista).

E’ un giocatore che sa essere determinante sia in fase di assistenza che di finalizzazione (per qualità tecniche può segnare più gol), ma che può migliorare nella fase difensiva.

Ama venire a prendere la palla sulla linea di metà campo per poi partire in accelerazione palla la piede verso la porta avversaria.

Intelligente e maturo nelle scelte, talvolta si “allunga la palla” quando è in piena accelerazione.

Fisicamente normolineo ma forte, resiste abbastanza bene alle spallate, ma può sicuramente rinforzare ancora la sua struttura corporea.

Ha una spiccata personalità, è intraprendente, non patisce minimamente le pressioni esterne giocando con grande disinvoltura.

Tatticamente è un esterno offensivo che può dare il meglio di sé sia in 4-2-3-1 che in un 4-3-3.

(Fonte foto: Instagram)

Analisi finale

  • Punti di forza: Tecnica
    - Dribbling
    - Velocità
    - Calci piazzati
    - Progressione palla al piede
    - Personalità
    - Capacità balistiche
    - Visione di gioco
    - Assist
    - Attacco della profondità
    - Cross
  • Punti di debolezza: Continuità - Fase difensiva - Può irrobustirsi ulteriormente
  • Valutazione complessiva:
  • A chi somiglia: Yacine Brahimi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui