Contattaci: info@worldfootballscouting.com

Contattaci: info@worldfootballscouting.com

Home Schede Giocatore Melayro Bogarde: talento olandese classe 2002

Melayro Bogarde: talento olandese classe 2002

0
Melayro Bogarde: talento olandese classe 2002
Melayro Bogarde, difensore dell'Hoffenheim (Photo by Ronald Wittek - Pool/Getty Images)

Scheda giocatore

  • Nome: Melayro Bogarde
  • Classe: 2002
  • Ruolo primario: Difensore centrale - Altri ruoli: Mediano/regista / Terzino destro
  • Data di Nascita: 28/05/2002
  • Nazionalità: Olanda
  • Altezza: 184 cm.
  • Piede: Destro

Melayro Bogarde

Melayro Bogarde è diventato il più giovane olandese a debuttare in Bundesliga a 18 anni e 2 giorni battendo il record che apparteneva al centravanti del Bayern Monaco Joshua Zirkzee.

Dopo 4 panchine con la prima squadra dell’Hoffenheim, il nipote di Winston, ex difensore di Ajax, Milan, Barcellona e Chelsea, si è preso la scena dimostrando fin da subito una spiccata personalità al debutto tra “i grandi” contro il Magonza (il 5 maggio scorso).

Impiegato nell’insolito ruolo di terzino destro in occasione dell’esordio nella massima divisione tedesca (il suo ruolo è quello di difensore centrale, in particolare di una difesa a 3), successivamente Melayro è riuscito ad accumulare altre 8 presenze in prima squadra, comprese 3 apparizioni in Europa League.

Nato a Rotterdam il 28 maggio del 2002, Bogarde ha iniziato a giocare a calcio nello Swift Boys, piccolo club dal quale è stato preso nel 2009 dal Feyenoord (nella cui Academy c’era anche il fratello minore Lamare, altro prospetto molto interessante ora in forza all’Aston Villa).

Nel club della città portuale olandese Melayro è restato fino al 2018, quando è stato ingaggiato con prontezza dall’Hoffenheim battendo la concorrenza di molte importanti società del Vecchio Continente, in primis il Manchester City di Pep Guardiola.

“Non volevo andare in un club che poi mi avrebbe girato in prestito per anni”, ha motivato così il talento olandese il suo passaggio al team tedesco. Recentemente, il nazionale giovanile olandese Under 15, 16, 17 e 18 è diventato un obiettivo di mercato di Milan e Barcellona, allettate dalla possibilità di prendere Bogarde a costi abbastanza contenuti in quanto ha il contratto in scadenza nel 2021.

Caratteristiche tecniche e tattiche

Melayro Bogarde è un difensore centrale perfetto per la difesa a 3, veloce, in possesso di una buona tecnica di base ed intraprendente quando c’è da impostare il gioco.

Bravo nell’anticipo, aggressivo in marcatura, il classe 2002 si propone con frequenza anche in fase offensiva risultando un terzino destro aggiunto. anche quando gioca da centrale.

Valido nel gioco aereo, pur regalando qualche centimetro di troppo agli attaccanti avversari più prestanti (è alto 184 cm.), Melayro può andare in sofferenza nelle diagonali difensive (soprattutto sui cross alti provenienti dalal fascia opposta.

In possesso di una buona tecnica di base, è preciso nei passaggi ed ha anche un buon lancio lungo. Difficile da superare nell’uno contro uno, è in grado di fare dei prodigiosi recuperi in velocità quando con la sua esuberanza atletica sbaglia il posizionamento in un primo momento.

Fisicamente longilineo e muscolarmente “elastico”, Melayro Bogarde deve rinforzare la sua struttura corporea in modo da essere più performante nei duelli spalla a spalla.

E’ un ragazzo estremamente intelligente, grintoso (talvolta un po’ troppo irruento), dotato di una spiccata personalità, che è molto migliorato nelle ultime due stagioni, diventando uno dei migliori difensori classe 2002 a livello europeo.

Tatticamente versatile, Bogarde è un difensore centrale di destra di una difesa a 3, ma può anche adattarsi a giocare nel ruolo di terzino e persino di mediano.

 

Analisi finale

  • Punti di forza: Tecnica
    - Rapidità
    - Visione di gioco
    - Gioco aereo
    - Senso della posizione
    - Versatilità
    - Lancio lungo
    - Tackle
    - Personalità
    - Recupero in velocità
    - Fase di spinta
  • Punti di debolezza: Ha ulteriori margini di crescita muscolare e può soffrire gli attaccanti fisicamente ben strutturati - Deve migliorare nella concentrazione ed essere meno istintivo in certe situazioni
  • Valutazione complessiva:
  • A chi somiglia: Antonio Rüdiger (ma più tecnico)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui