Contattaci: info@worldfootballscouting.com

Contattaci: info@worldfootballscouting.com

Home Schede Giocatore Jóhannes Kristinn Bjarnason: talento islandese classe 2005

Jóhannes Kristinn Bjarnason: talento islandese classe 2005

0
Jóhannes Kristinn Bjarnason: talento islandese classe 2005
Johannes Kristinn Bjarnason con la nazionale U15 islandese. (Fonte foto: Instagram)

Scheda giocatore

  • Nome: Jóhannes Kristinn Bjarnason
  • Classe: 2005
  • Ruolo primario: Trequartista - Altri ruoli: Mezzala / Punta centrale
  • Data di Nascita: 24/02/2005
  • Nazionalità: Islanda
  • Altezza: 177 cm.
  • Piede: Destro

Jóhannes Kristinn Bjarnason

Jóhannes Kristinn Bjarnason ha nel sangue il dna del calciatore, essendo circondato da parenti che hanno giocato, o giocano attualmente, a buoni livelli sia a livello nazionale che internazionale.

Questo interessante centrocampista offensivo classe 2005 che, ha già avuto la possibilità di esordire con la prima squadra del KR Reykjavik dopo avere giocato costantemente sotto età nell’Academy del club di appartenenza, è infatti il figlio di Bjarni Gudjónsson (ora vice allenatore del KR), nipote di ben 3 zii calciatori (tra cui Björn Sigurdarson del Lillestrøm), suo nonno è Gudjón Thórdarson (allenatore dell’UMF Víkingur Ólafsvík) e, soprattutto, è il cugino di primo grado del nuovo grande talento del calcio islandese Ísak Bergmann Jóhannesson, attualmente in forza agli svedesi dell’IFK Norrköping.

Bjarnason ha iniziato a giocare a calcio nel Íþróttafélagið Grótta, club di secondo livello del paese, ma è nel settore giovanile del club della capitale che si è messo particolarmente in evidenza, giocando sotto leva ed entrando nel giro dell’Under 15 islandese, con le quale è stato anche capitano.

Campione islandese Under 17, il classe 2005 islandese, Johannes è anche riuscito a portarsi a casa la Chicago Cup Champion 2019 sempre con il suo club di appartenenza.

Nel calcio dei grandi Jóhannes ha subito avuto un impatto eccellente, avendo totalizzato 2 presenze in prima squadra, riuscendo anche a mettere a segno un gol ed un assist.

Le qualità del giovane talento nordico non sono sfuggite neanche agli scout di diversi club, svolgendo diversi provini con società importanti. E’ stato testato dal Norrköping (dove gioca il cugino ed inoltre, insieme a Johannes è stato testato anche il coetaneo e connazionale Quental Arnason), dall’FC Copenaghen, dal Genk (club noto per il suo ottimo scouting), dai Rangers di Glasgow e dallo Stoke City.

Ísak Bergmann Jóhannesson ha così descritto il cugino al sito fotbollskanalen.se: “È molto più forte di me quando avevo 15 anni. Può giocare anche come attaccante. Direi che è più bravo di me.”

Prosegue poi il classe 2003: “È divertente. Quando eravamo più giovani giocavamo a calcio insieme tutto il tempo, quindi è divertente che sia qui ora (erano i giorni del provino per il Norrköping). È stato bravissimo e ha gestito bene il ritmo. Sarà davvero un bravo calciatore.”

Una curiosità, scorrendo le diverse foto sul suo social network, abbiamo notato che Bjarnason ha una particolare simpatia per la Roma, visto che indossa più volte la maglia del club giallorosso.

Caratteristiche tecniche e tattiche

Jóhannes Kristinn Bjarnason è principalmente un centrocampista offensivo anche se in qualche occasione (come il match contro la Russia U15) è stato impiegato da finto nove.

Dotato di una buona tecnica di base, bravo nel controllo della sfera negli spazi stretti, sa disimpegnarsi bene anche quando è pressato in modo serrato dagli avversari.

Indubbiamente uno dei pezzi forti del suo ampio repertorio tecnico è sicuramente il tiro dalla distanza, una qualità che gli permette di essere decisivo anche su calcio piazzato (ha un calcio molto forte e pulito).

Molto bravo negli inserimenti offensivi, sa smarcarsi con i giusti tempi facendosi trovare spesso al posto giusto al momento giusto.

Abile nell’uno contro uno, è un giocatore creativo che riesce anche ad essere determinante in fase di assistenza palesando una discreta visione di gioco. Ha una buona progressione palla al piede che gli consente di tentare più volte l’assolo personale.

Fisicamente non è il classico gigante scandinavo, ma è un giocatore normolineo che ha ulteriori margini di crescita muscolare che possono renderlo più performante nei contrasti e nei duelli spalla a spalla. Un altro aspetto su cui può sicuramente migliorare e la fase difensiva, svolgendo un più intenso e continuo sotto palla nell’arco della partita. Inoltre, può perfezionare il “piede debole”, rendere ancora meno leggibili le sue giocate.

Ha una spiccata personalità, è grintoso e determinato, parla molto con i compagni, non soffre le pressioni esterne, la palla non gli scotta tra i piedi e si prende sempre le sue responsabilità tentando anche delle giocate tecnicamente difficili.

Tatticamente il ruolo dove sembra dare il meglio di sé è quello di trequartista, ma può anche adattarsi a giocare da finto nove.

(Fonte foto: Instagram)

 

 

 

 

 

 

Analisi finale

  • Punti di forza: Tecnica
    - Controllo palla
    - Creatività
    - Dribbling
    - Calci da fermo
    - Accelerazione palla al piede
    - Capacità balistiche
    - Assist
    - Dinamismo
    - Visione di gioco
    - Inserimenti offensivi
  • Punti di debolezza: Piede sinistro - Fase difensiva
  • Valutazione complessiva:
  • A chi somiglia: Henrikh Mkhitaryan

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui