Contattaci: info@worldfootballscouting.com

Contattaci: info@worldfootballscouting.com

Home Schede Giocatore Alexis Gonzales: talento argentino classe 2005

Alexis Gonzales: talento argentino classe 2005

0
Alexis Gonzales: talento argentino classe 2005
Alexis Gonzales, ennesimo interessante talento del River Plate. (Fonte foto: Instagram)

Scheda giocatore

  • Nome: Alexis Gonzales
  • Classe: 2005
  • Ruolo primario: Punta centrale - Altri ruoli: Seconda punta
  • Data di Nascita: 13/01/2005
  • Nazionalità: Argentina
  • Altezza: 182 cm.
  • Piede: Destro

Alexis Gonzales

A cura di Christian Maraniello

Dopo l’analisi di Gonzalo Sosa, Fabricio Ventresca e Milton Delgado il mio viaggio in Argentina prosegue con un altro classe 2005, Alexis Gonzales, attaccante esplosivo del River Plate, che mi è piaciuto da subito per la sua solida perimetralità offensiva e per la notevole cattiveria agonistica che dimostra dentro il gioco.

La prima partita che vidi di Gonzales fu il Superclasico (contro il Boca Jrs.) e già dai primi minuti intuii le sue enormi potenzialità, che invero andavano ben oltre la semplice finalizzazione; parlo di evidenti abilità nel gioco associativo e nella tecnica applicata, che lo rendono un profilo certamente interessante, pur da extracomunitario. Tra l’altro ho voluto cercare notizie sul suo background, giusto per capire la formazione pregressa e ho scoperto che Mono (suo soprannome) ha iniziato a giocare nel “Club Atletico Posadas” (società del suo paese natale) sino al 2016, quando il River Plate, dopo un provino durato solo tre giorni, lo ha ingaggiato immediatamente.

Le sue prime caratteristiche le ha descritte il ragazzo stesso sul canale ufficiale del club: “sono un giocatore tecnico e ho un ottimo gioco di passaggi. Mi piace lasciare l’area per entrare in contatto con la palla (…). Non ho problemi di profilazione (…). Siamo una squadra molto tecnica e offensiva, incessantemente pressante e con buone individualità. Stiamo molto bene anche dal punto di vista fisico. E la cosa principale è che abbiamo un ritmo intenso durante il gioco”  (https://www.cariverplate.com.ar/alexis-gonzalez-por-la-camiseta-de-river-siento-un-orgullo-tremendo).

Alexis – che è molto orgoglioso di vestire la storica casacca del River – ha diversi modelli di riferimento tra cui “Cavenaghi: ho guardato tutti i suoi movimenti (…). La facilità che aveva nel segnare gol. E dall’estero mi piace Luis Suárez, perché combatte contro tutti e non dà la palla per persa. Segna gol in tutti i modi. Ecco perché guardo i suoi video e cerco di imparare. Poi Pratto, per come tiene palla, per il gioco aereo, per come segna gol e gioca per la squadra.

Caratteristiche tecniche e tattiche 

Alexis Gonzales è un attaccante centrale di movimento, con attitudine di rifinitura, dotato di buone doti condizionali a cui combina qualità tecniche funzionali, che gli consentono di essere performante sia nello sviluppo del gioco che nella finalizzazione, palesando altresì adeguati parametri nella fase di non possesso.

Fisicamente è un normotipo che tende al longitipo, di struttura e statura media (non abbiamo dati ufficiali ma a mio parere misura circa 1.82 mt.); la muscolatura è tonica e in evidente delineazione, e inoltre possiede una notevole elasticità muscolare a cui associa pari mobilità tibio-tarsica/articolare. Dal punto di vista condizionale è potente nella corsa in allungo, mentre nel breve ha un buon cambio-ritmo ed è rapido, disvelando altresì forza resistente.

Nella partita analizzata contro il Boca Jrs., Alexis agiva in un attacco combinato 1-2 (che diventava a 3 a seconda delle situazioni), dove era chiamato a dare riferimento tra i due centrali difensivi, nonchè a offrire opzioni di passaggio sia attraverso i movimenti in ampiezza che quelli d’incontro; in questo senso ha dimostrato di essere un attaccante perimetrale, in grado cioè di garantire un solido lavoro spalle alla porta, aiutato da una fisicità adeguata e da un baricentro particolare che lo agevola nella protezione della palla sui close-out:

Dal punto di visto dei fondamentali tecnici Alexis possiede buoni parametri complessivi: ha destrezza e trasformazioni adeguate per configurarsi nel dribbling in 1 vs 1, anche se non è certamente la sua specialità avendo funzioni diverse, mentre sulla tecnica applicata risulta efficace nell’attenzione selettiva e nei tempi di gioco, specie nella rifinitura corta di spalle o fronte-porta:

Di contro, Gonzales non è sempre morbido nel primo controllo, risultando alle volte un pò troppo disordinato, in particolare quando è perquisito dal difendente in una marcatura stretta, come vediamo in questa situazione di gioco:

(qui lo vediamo ricevere di spalle sotto pressione avversaria: come vedete la palla gli scappa ma poi con una incisiva presa di posizione, e reattività, riesce ad aprire)

Alexis, quindi, sa fidelizzarsi con l’ambiente muovendosi su tutto il fronte offensivo, anche se, essendo destro naturale, predilige l’attacco ad uscire da sinistra verso destra. Inoltre ha la potenza per l’attacco della profondità ed è valido sia in conduzione-palla che nel tiro in movimento, come in occasione del gol contro il Boca Jrs.:

Pur non essendo di elevata statura, Gonzales risulta prezioso nel gioco aereo facendo leva sulla forza esplosiva che – diciamo – caratterizza la sua ludi artis globale; così il n. 9 aiuta la squadra sia in fase difensiva che in quella offensiva, ma soprattutto nei flussi di gioco con i flick-on. Vi faccio vedere alcune sequenze emblematiche:

Per quanto riguarda, infine, la fase di non possesso Gonzales è un giocatore che garantisce discreti parametri, soprattutto nel timing della pressione e a livello posizionale, sotto-palla. Certamente è reattivo ed energico nel pressing, anche se a mio parere non è sempre continuo, specie in quello offensivo o ultra-offensivo.

L’analisi caratteriale evidenza una certa – e forse eccessiva – determinazione in alcuni frangenti, in particolare quando subisce falli cattivi; in effetti Alexis a tratti è troppo nervoso soprattutto nei confronti degli avversari, cedendo alle facili provocazioni. Chiaro che non è mai facile dare un giudizio reale da video, però sembra che questo aspetto derivi più dalla sua generosità che non dal carattere difficile; ma ad ogni modo è la testa che fa tutto in questo sport altamente complesso, pertanto la valutazione viene fatta con riserva.

In ogni caso, tirando le fila, direi che il giovane argentino è un offendente flessibile e con attitudini di buon livello; ovviamente deve essere ancora costruito sulle frequenze di gioco e ammorbidito a livello caratteriale, però credo che i margini siano interessanti. 
Quanto infine ai contesti tattici, come abbiamo visto, Alexis può giocare come punta centrale di movimento di ogni mosaico, quindi in solitaria in un tridente o sue varianti (1-4-3-3 o 1-4-2-3-1) oppure in un attacco a due combinato (1-4-4-2 o 4-3-1-2 e varianti). Date poi le sue abilità tecniche secondo me è adattabile come seconda punta o sotto-punta di un 1-4-2-3-1, mentre ho qualche dubbio come attaccante laterale di un tridente puro.

Analisi finale

  • Punti di forza: Finalizzazione
    - Gioco associativo (spalle e fronte-porta)
    - Forza esplosiva
    - Movimenti / smarcamenti
    - Attacco della profondità
    - Balistica
    - Gioco aereo
    - Fondamentali tecnici
    - Fase di non possesso
  • Punti di debolezza: Primo controllo - Pressione offensiva e ultraoffensiva - Continuità e concentrazione nei singoli momenti - Eccessiva esuberanza agonistica
  • Valutazione complessiva:
  • A chi somiglia: Fernando Cavenaghi

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui