Contattaci: info@worldfootballscouting.com

Contattaci: info@worldfootballscouting.com

Home Schede Giocatore Alex Timossi Andersson: talento svedese classe 2001

Alex Timossi Andersson: talento svedese classe 2001

0
Alex Timossi Andersson: talento svedese classe 2001
Alex Timossi Andersson attaccante svedese classe 2001. (Fonte foto: www.sport.de)

Scheda giocatore

  • Nome: Alex Timossi Andersson
  • Classe: 2001
  • Ruolo primario: Ala - Altri ruoli: Punta centrale
  • Data di Nascita: 19/01/2001
  • Nazionalità: Svezia
  • Altezza: 170 cm.
  • Piede: Destro

Alex Timossi Andersson

Ultimamente le sue apparizioni nelle nazionali giovanili svedesi si sono un po’ diradate, nonostante Alex Timossi Andersson sia uno dei punti di forza della squadra Under 19 del Bayern Monaco che ha partecipato alla UEFA Youth League e abbia anche totalizzato finora 18 presenze 4 gol e 2 assist in A-Junioren Bundesliga Süd/Südwest.

Le ultime presenze con le nazionali scandinave risalgono alla selezione Under 17, con la quale ha avuto la possibilità di mettersi in mostra all’Europeo di categoria.

Nato a Helsinborg il 19 gennaio del 2001, Alex ha iniziato a giocare a calcio nello Stattena IF, poi a 12 anni si è trasferito all’Helsingborg. All’età di 15 anni, ha fatto il suo debutto nella seconda divisione con la maglia della Helsingborg IF Academy e durante la stagione ha anche fatto il suo primo gol a livello senior in un match amichevole. La stagione seguente, nel 2017, l’attaccante ha potuto debuttare nella squadra maggiore del club, poco dopo aver compiuto 16 anni, nell’incontro di coppa con IF Brommapojkarna. Nello stesso anno, ha anche trovato il suo debutto in campionato con l’Helsingborg, in Superettan, nel match contro il Gefle IF il 17 aprile.

Dopo aver racimolato 32 presenze complessive e 5 gol nella prima squadra (niente male per un 16enne), Alex viene acquistato dal Bayern Monaco per circa 125.000 euro.

Dapprima i tedeschi decidono di lasciarlo in prestito nella sua città natale, ma poi, visto lo scarso impiego in prima squadra, decidono di portarlo prima in Baviera nel luglio del 2018 (sarebbe dovuto arrivare nell’estate del 2019).

Per acquistarlo, il Bayern ha vinto la concorrenza del Manchester United, che nel 2016 aveva avuto la possibilità di provarlo sui propri campi di allenamento.

I dirigenti tedeschi puntano forte sul ragazzo, almeno così si evince dalle dichiarazioni del ds Hasan Salihamadzic: “È un giocatore di grande talento che siamo convinti che sarà a lungo al Bayern.”

Caratteristiche tecniche e tattiche

Impiegato da centravanti in Svezia, sia nel club che con le varie selezioni nazionali, nelle squadre giovanili del Bayern ha dovuto defilare la sua posizione nello scacchiere tattico, andando ad agire da attaccante esterno destro.

Giocatore rapido, intelligente tatticamente, Alex ed è dotato di discrete capacità tecniche, qualità che gli hanno permesso di essere una punta versatile.

Interpreta il ruolo di centravanti in modo molto dinamico, fungendo da attaccante di manovra, lavorando tanto per la squadra e ciò lo porta a perdere un po’ di lucidità nel momento della finalizzazione.

Al Bayern si sta sacrificando con buon profitto nel ruolo di ala destra, in quanto, nel ruolo di centravanti, gli viene preferito il forte olandese Joshua Zirkzee.

Fisicamente può irrobustire ancora la sua struttura, in modo tale da essere più competitivo nei duelli corpo a corpo.

Principalmente di piede destro, è in anche grado di giocare discretamente anche con il sinistro.

La sua rapidità e l’agilità, sono probabilmente i pezzi forti del suo repertorio che, aggiunti al suo notevole dinamismo, lo rendono una punta difficile da marcare per i difensori, in quanto non dà mai punti di riferimento ai pacchetti arretrati avversari.

Tecnicamente valido, risulta essere un attaccante abbastanza imprevedibile, essendo abile con entrambi i piedi, oltre ad avere delle discrete capacità balistiche (non a caso tira anche i calci piazzati).

Bravo nel dribbling e nei passaggi, sa smarcarsi bene in area di rigore ma, come già detto, può sicuramente segnare un maggior numero di reti.

Timossi Andersson è un attaccante generoso, che compensa questo difetto realizzativo con la grande mole di lavoro che svolge per la squadra, favorendo con i suoi movimenti i compagni.

Tatticamente può svolgere indifferentemente il ruolo di ala destra e di punta centrale di un 4-2-3-1 o di un 4-3-3.

(Fonte foto: www.sport.de)

Analisi finale

  • Punti di forza: Velocità
    - Tecnica
    - Versatilità
    - Dribbling
    - Accelerazione palla al piede
    - Capacità balistiche
    - Assist
  • Punti di debolezza: Fisicità - Fase difensiva
  • Valutazione complessiva:
  • A chi somiglia: Fabio Borini

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui