Speciale WFS: La Top 11 della Serie B 2018/19

La Top 11 della Serie B 2018/19

La Serie B è terminata qualche giorno fa, i verdetti per ora dicono che nella massima serie italiana andranno Brescia e Lecce, mentre, per aspettare la terza squadra promossa bisognerà attendere l’esito dei play off, che vedono protagoniste: Benevento, Pescara, Verona, Spezia, Cittadella e Perugia.

Come ormai tutti sapranno, il Palermo è stato retrocesso all’ultimo posto della classifica del campionato di serie B appena concluso e quindi in Serie C per illecito amministrativo (ma ci saranno ricorsi).

Con la retrocessione dei rosanero in C non verranno disputati i play out e così, oltre al club siciliano, scenderanno di una categoria Foggia, il Padova e il Carpi.

Noi di WFS, abbiamo voluto realizzare la Top 11 della Serie B, comprensiva dei migliori “millennials” che sono riusciti a debuttare quest’anno nella serie cadetta. La formazione risulterà un po’ “forzata” per l’assenza di un portiere debuttante e di terzini. Per questo abbiamo scelto un paio di talenti dalle buone prospettive delle squadre di B, che sicuramente si faranno valere nei prossimi anni.

Modulo 3-4-3

Axel Desjardins (2000) Spezia: Portiere di origini franco-canadesi, dotato di una buona struttura fisica e di una notevole reattività. Si è messo in evidenza nel campionato Primavera B totalizzando 16 presenze.

Davide Bettella (2000) Pescara: Solido difensore centrale, dotato di una buona tecnica di base e di fisicità, fa parte della nazionale italiana Under 20 che parteciperà al prossimo mondiale di categoria in Polonia. Bettella ha totalizzato quest’anno 3 presenze nel club abruzzese.

Marash Kumbulla (2000) Verona: Arcigno difensore centrale, ma anche abbastanza abile in fase di costruzione, ha racimolato in Serie B solo una presenza. Kumbulla è nel giro delle nazionali giovanili albanesi.

Iyenoma Destiny Udogie (2002) Verona: Grande talento della fascia sinistra, il giovane scaligero sta disputando un ottimo Europeo Under 17 con la maglia azzurra. Corsa, fisicità e qualità tecniche sono i pezzi forti del suo repertorio.

Sandro Tonali (2000) Brescia: Probabilmente il giocatore più noto della Top 11, Tonali è ormai pronto al salto in una grande squadra. Tecnica, visione di gioco e personalità sono le qualità che gli hanno permesso di essere paragonato ad Andrea Pirlo (oltre al fatto di essere entrambi cresciuti al Brescia), ma Tonali ha anche una notevole grinta, che gli consente di essere molto utile in fase di recupero palla. Per lui 34 presenze 3 gol e 7 assist nella Serie cadetta.

Mattia Viviani (2000) Brescia: Pur avendo racimolato appena 6 presenze in B, il centrocampista centrale ha palesato maturità e qualità in un ruolo delicato come quello del regista basso dimostrando di poter giocare anche assieme a Tonali all’occorrenza.

Filippo Ranocchia (2001) Perugia: Mediano con un passato da attaccante, Ranocchia, fratello del difensore dell’Inter, è stato il secondo più giovane esordiente in Serie B (dopo il beneventano Sanogo).

Mattia Zennaro (2000) Venezia: Zennaro è stato uno dei giocatori rivelazione della Serie B, non a caso le sue qualità fisiche e atletiche non sono sfuggite agli osservatori del Genoa, che se lo è assicurato per la prossima stagione. Mattia ha totalizzato 10 presenze in B.

Luca Moro (2001) Padova: Fiore all’occhiello del settore giovanile biancoscudato, Moro ha giocato la Viareggio Cup in prestito al Torino. Durante la kermesse in Versilia, Moro ha dimostrato un buon fiuto per il gol, mettendo a segno una doppietta. In B ha racimolato un paio di presenze, ma non è escluso per lui un passaggio in estate a qualche club della massima serie.

Kevin Cannavò (2000) Palermo: Probabilmente il miglior elemento della formazione Primavera rosanero. Cannavò è una punta potente, veloce e dotata di una buona tecnica di base, qualità che gli hanno consentito di raccogliere due caps in Serie B.

Mattia Felici (2000) Lecce: Prodotto del florido settore giovanile romano della Nuova Tor Tre Teste, la seconda punta è stato fatto debuttare nella serie cadetta da Fabio Liverani, che conosce bene il talento romano, visto che è uno dei proprietari della NTTT.

Top 11
Top 11 Serie B

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *