Wilfried Gnonto: talento italiano classe 2003

INFORMAZIONI: Wilfried Gnonto

Nome: Degnand Wilfried Gnonto
Ruolo: Ala sinistra/destra, seconda punta
Data di nascita: 05/11/2003
Altezza: 165 cm
Piede: Destro

Wilfried Gnonto

Wilfried Gnonto, ala sinistra dell’Inter Under 16, è indubbiamente uno dei “gioielli” del settore giovanile del club milanese.

Già vincitore del campionato nazionale Under 15 nella passata stagione “Willy” è stato protagonista anche in questa annata, dove è stato determinante per il raggiungimento della finale da parte del gruppo di Mr. Bonacina.

Nato a Verbania il 5 novembre del 2003, da genitori di origini ivoriane, Gnonto inizia a giocare nella scuola calcio di Baveno per passare poco dopo in quella di Suno, club affiliato all’Inter che lo preleva giovanissimo, tanto che già a 9 anni percorre 3 volte a settimana 120 chilometri per potersi allenare. Gnonto (che non vuole essere chiamato con la pronuncia alla francese), entra così a far parte dell’Inter fin dalle categorie pulcini, dove di certo non spiccava per la sua struttura fisica, essendo all’epoca uno dei più piccoli.

In questa stagione ha già avuto la possibilità di giocare sotto età con l’Under 17, con la quale è riuscito a mettere a segno la bellezza di ben 7 reti e un assist in 8 partite (memorabile la tripletta al Genoa).

Con l’Under 16, dopo aver messo a segno una decina di reti stagionali, è stato praticamente imprendibile per gran parte della finale di categoria persa 4 a 3 contro l’Empoli di Mr. Buscè, realizzando 2 reti e creando scompiglio nel suo settore di competenza con le sue continue accelerazioni palla al piede.

Naturalmente le sue grandi qualità gli sono valse già 9 convocazioni (condite con un gol) con la nazionale Under 16 italiana.

La “Giovane Italia” lo ha definito il “latinista del gol”, in quanto il ragazzo studia al lieco classico e la sua materia preferita è proprio il latino.

Caratteristiche tecniche e tattiche

Wilfred Gnonto è principalmente un’ala sinistra, molto abile nel dribbling in piena velocità che, a campo aperto, diventa un’arma letale per le difese avversarie.

Il suo stile di gioco, fatto di continui strappi ed accelerazioni, sfianca i suoi dirimpettai, che vengono costantemente superati nell’uno contro uno.

Pur essendo di piede destro, Gnonto sa cavarsela bene anche con il sinistro, risultando molto meno prevedibile per i difensori avversari.

Dotato di buone capacità balistiche e di un eccellente controllo di palla in piena corsa, con la sua velocità stratosferica crea sempre la superiorità numerica nel suo settore di competenza, risultando determinante sia in fase di finalizzazione che di assistenza.

Inoltre, pur essendo dotato di una corporatura minuta, Gnonto riesce ad essere competitivo nel gioco aereo, essendo dotato di una straordinaria elevazione.

Frizzante e spettacolare nel modo di intrepretare la partita, esalta gli spettatori, che rimangono incantati dalla sua notevole tecnica di base.

Svaria su tutto il fronte offensivo, si smarca continuamente, ama avere la palla tra i piedi e puntare gli avversari.

I compagni gli affidano sempre la sfera, in quanto sono sicuri che Willy potrà fare la differenza con le sue qualità.

Fisicamente esplosivo, ma minuto, si è molto irrobustito negli ultimi mesi, costruendosi una corporatura massiccia che gli permette di difendere bene la palla e di essere reattivo negli spazi stretti (anche in virtù del baricentro basso e delle cosce potenti).

Caratterialmente allegro e socievole, in campo mostra, talvolta, un certo nervosismo, un aspetto questo su cui deve lavorare ancora.

Tatticamente il ruolo dove dà il meglio di sé è quello di ala sinistra, dove ha possibilità di accentrarsi ed andare al tiro con il suo piede forte. Inoltre, essendo molto dinamico, Gnonto può anche agire da “finto nove” e seconda punta, palesando una buona versatilità tattica.

Analisi finale

Punti di forza: Tecnica, velocità, dribbling, accelerazione, capacità balistiche, assist, personalità, tagli esterni, dinamismo.
Punti di debolezza: Deve mantenere la calma nei momenti di tensione e, talvolta, essere meno individualista.
A chi assomiglia: Moussa Diaby
Valutazione: 3,5/5

(Fonte foto: www.facebook.com)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *