Tiago Cukur: talento turco classe 2002

INFORMAZIONI: Tiago Cukur

Nome: Tiago Süer Barbaros Çukur
Ruolo: Punta centrale
Data di nascita: 30/11/2002
Altezza: 185 cm.
Piede: Destro

Tiago Cukur

Nonostante si sia appena chiusa la finestra di mercato invernale, la Roma del direttore sportivo Gianluca Petrachi non ha perso tempo nel portare a casa uno dei più interessanti talenti dell’Academy della florida Academy dell’AZ, il centravanti turco classe 2002 Tiago Cukur.

Per accaparrarselo giallorossi hanno bruciato sul tempo la forte concorrenza dei Inter e Valencia. Il ragazzo in questi giorni è stato in prova al centro tecnico Fulvio Bernardini, convincendo tutti i tecnici con le sue qualità tecniche abbinate alle evidenti dote fisiche. Lo stesso giocatore si è dimostrato entusiasta del suo passaggio alla Roma, che verrà ufficializzato solo a giugno (probabilmente a parametro 0).

Tiago sarà inizialmente inserito nella squadra Primavera del prossimo anno, un innesto importante visto che, dopo la partenza di Agostinelli (passato a gennaio alla Fiorentina), non vi è più un centravanti classe 2002 a disposizione (il gruppo che rappresenterà lo “zoccolo duro” della prossima squadra U19 romanista).

Nato ad Amsterdam il 30 novembre del 2001 (ma di origini turche), Tiago ha iniziato a giocare a calcio a 3 anni nel PSCK, in seguito si è trasferito allo Zaanlandia e allo Zeeburgia, dove è rimasto fino al 2012 quando è stato acquistato dal Feyenoord che, come ricorda il ragazzo in un’intervista di qualche tempo fa a zaanssoccertalent.nl, era riuscito a battere la concorrenza di Ajax e PSV.

Il ragazzo non ha avuto particolari problemi ad ambientarsi nella nuova realtà, ha continuato a segnare un buon numero di gol, ma ha sofferto i lunghi viaggi quotidiani per andare al campo di allenamento (viveva a Zaandam).

“Non è stato difficile all’inizio, ma in seguito è diventato un po’ pesante. Perché nei primi 2 anni mio padre mi ha portato ogni giorno, ma negli ultimi 2 anni sono dovuto andare da solo facendo 2 ore in treno per Rotterdam ogni giorno e altre 2 al ritorno. Inoltre i treni ritardano regolarmente, il che significa che ho dovuto viaggiare ancora più a lungo”.

Al Feyenoord Tiago Cukur ha giocato nelle categorie E1, D2, D1 e l’ultimo anno nella C2, avendo come tecnici Gaston Taument, Cor Adriaanse e Roy Makaay, dal quale ha potuto apprendere i segreti dei grandi attaccanti. Successivamente, nell’estate del 2016, Tiago si è trasferito all’AZ.

“L’AZ è un club davvero bello. Ho formatori molto bravi e professionali e di conseguenza posso sicuramente migliorare ulteriormente. L’AZ è una delle migliori Academy olandesi. Inoltre vivo a 3 minuti dal complesso sportivo dell’AZ”.

Sempre nell’intervista precedentemente citata, Cukur aveva dichiarato di voler giocare un giorno in Premier League, magari insieme al suo migliore amico Jay Kruiver, terzino classe 2001 in forza alla squadra U19 del Volendam. Un’aspirazione che dovrà almeno rimandare visto che, dopo 4 anni all’AZ, Tiago si sta trasferendo alla Roma.

Nella scorsa stagione, con la formazione U17 dell’AZ, Tiago ha messo a segno 11 gol in 27 presenze.

Pur essendo nato in Olanda, il ragazzo ha optato per la nazionale turca (ha 2 presenze in U17), essendo troppo grande la concorrenza nelle selezioni giovanili “Oranje”.

Caratteristiche tecniche e tattiche

Tiago Cukur è una punta centrale forte fisicamente, dinamica e dotata di una buona tecnica di base.

E’ un attaccante che pratica un calcio associativo, che gioca per la squadra creando dei varchi importanti per i compagni oltre ad essere un buon finalizzatore.

Bravo nel dribbling nello stretto, nel controllo e nella protezione della palla, non è molto veloce, ma sa smarcarsi bene ed è in possesso di un tiro potente e preciso (è anche rigorista e tira le punizioni).

Molto competitivo nel gioco aereo e nei duelli spalla a spalla, è un giocatore molto difficile da marcare anche per i difensori più esperti.

E’ una punta mobile, che ama indietreggiare sulla trequarti lanciando i profondità i suoi compagni con precisi passaggi filtranti.

Fisicamente longilineo, ma dotato di una corporatura già abbastanza formata, Tiago ha nella prestanza atletica uno dei suoi principali punti di forza.

Caratterialmente un po’ spavaldo, non patisce le pressioni esterne e non ha paura nel tentare le giocate più difficile nei momenti “caldi” della partita.

Tatticamente il suo ruolo è quello di punta centrale che può rendere al meglio con ai lati due esterni offensivi abili nel crossare e nell’inserirsi in area di rigore.

Analisi finale

Punti di forza: Tecnica, fisicità, dribbling, smarcamento, dinamismo, gioco aereo, protezione della palla, assist, calci da fermo, personalità, dribbling, controllo di palla.
Punti di debolezza: Può essere più continuo. Non è molto veloce.
A chi somiglia: Marko Arnautovic
Valutazione: 3/5

(Fonte foto: Spek/Soccrates/Getty Images)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *