Thomas Rekdal: giovane talento norvegese classe 2001

INFORMAZIONI

Nome: Thomas Grevsnes Rekdal
Ruolo: Mediano
Data di nascita: 16/03/2001
Altezza: 179 cm
Piede: Sinistro

Thomas Rekdal

Thomas Rekdal, centrocampista centrale del Fredrikstad e capitano della nazionale norvegese Under 17, è stato uno dei migliori nel suo ruolo all’ultimo europeo di categoria giocato in Inghilterra dove gli scandinavi hanno raggiunto lo storico risultato dei quarti di finale.

Ultimo discendente di una famiglia di buoni calciatori norvegesi, Thomas è figlio di Sindre Rekdal, nipote dell’ex nazionale Kjetil Rekdal e ha un fratello maggiore, Markus, che fa il difensore in patria nel Krakeröy. Nato in Belgio, a Wetteren, quando il padre giocava nell’Eendracht Aalst, Rekdal è cresciuto calcisticamente nello Skogstrand Idrettslag, dove è rimasto fino al 2015, prima di passare al Fredrikstad.

Nel 2016 Rekdal ha firmato il contratto per altri due anni con il Fredrikstad. “Thomas è un giocatore entusiasmante che ha tutte le opportunità per ottenere molto dal calcio. Siamo molto lieti che abbia scelto di rimanere all’ FFK per continuare a crescere qui “, ha affermato Joacim Heier, direttore generale del FFK sul sito web del club. Sempre sul canale ufficiale del club si è espresso Magnus Meling responsabile del settore giovanile del Fredrikstad. “È malato per i dettagli del suo allenamento. È sempre preparato, estremamente attento e fa tutto al 100%! Un giocatore che vive e respira per il calcio”.

Il 18 aprile scorso Thomas Rekdal ha avuto anche l’occasione di debuttare giovanissimo e giocare tutti i 90 minuti in prima squadra nel match di NM Cup (la coppa nazionale norvegese), contro l’Odds BK (match vinto 0-4).

Rekdal che da molti addetti ai lavori gli viene attribuito “il migliore piede sinistro di Norvegia”, ha sempre lasciato un buon ricordo di sé, ben educato da papà Sindre. Il tecnico svedese Joacim Jonsson che lo ha allenato dagli 11 ai 15 anni, quando giocava allo Skogstrand, lo ricorda così a Nettavisen: “Quando è stato portato in nazionale per la prima volta, sono passati diversi giorni prima che qualcuno lo sapesse, perché non lo aveva detto a nessuno. Normalmente, questi ragazzi tendono ad essere appassionati di Instagram, Snapchat e scrivono tutto sui social network, ma non lui. Poi qualcuno che era nella sua squadra e aveva letto da qualche altra parte la notizia online lo ha detto a tutti. Thomas è sempre molto rilassato”.

Jonsson prosegue analizzando tecnicamente il ragazzo: “È estremamente intelligente e ha un’ottima conoscenza del gioco. La sua più grande forza è davvero quella di giocare bene con gli altri giocatori. Fin da quando era un ragazzino ha sempre giocato per gli altri, facendoli rendere meglio. Anche se poteva fare un’azione da solista e segnare molti gol, ha sempre favorito i compagni che erano in una posizione migliore. Non è un calciatore appariscente che cattura l’attenzione, ma è un giocatore incredibilmente riflessivo. In quell’età 99 su 100 i ragazzi pensano solo a segnare gol, ma lui no. Ha reso felici molti giovani ragazzi nel corso degli anni, che hanno segnato tanti gol grazie a lui”.

CARATTERISTICHE TECNICHE E TATTICHE

Thomas Rekdal è un mediano che sa svolgere perfettamente i compiti di playmaker davanti alla difesa. In possesso di una buona tecnica di base e di un piede sinistro educato, Thomas sa svolgere un importante “lavoro oscuro”, recuperando numerosi palloni e impostando la manovra con grande semplicità e ordine.

Sa svolgere bene entrambe le fasi, privilegiando un gioco fatto di precisi e veloci passaggi corti. Non disdegna qualche inserimento offensivo, avendo anche un buon tiro dalla distanza. E’ un giocatore dinamico, fisicamente presente in ogni duello di centrocampo. Ha un passo normale, non rapidissimo nel lungo, ma negli spazi stretti è comunque competitivo e riesce ad uscire bene dal serrato pressing avversario, proteggendo bene la sfera.

In campo è un leader, non a caso è stato quasi sempre capitano nelle varie squadre dove ha giocato (nazionali comprese). Thomas Rekdal può essere definito un facilitatore/equilibratore di gioco, un elemento dotato di un spiccata sapienza tattica abbinata a un grande carisma.

Tatticamente il suo ruolo è quello di mediano davanti alla difesa, sia in un 4-3-3 che in 4-2-3-1, il suo apporto alla squadra, pur non essendo visibile agli occhi più attenti, è comunque preziosissimo.

ANALISI FINALE

Punti di forza: Dinamismo, intelligenza tattica, protezione della palla, senso della posizione, passaggi, personalità.
Punti di debolezza: Può migliorare in fase di finalizzazione.
A chi assomiglia: Fabian Delph
Valutazione: 3/5

(Fonte foto: www.nettavisen.no)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *