Rodrygo: 2001 – Brasile

Nome: Rodrygo Silva de Goes
Ruolo: Ala sinistra/destra
Data di nascita: 09/01/2001
Altezza: 175 cm
Piede: Destro

BIOGRAFIA

Rodrygo Silva de Goes, meglio noto come Rodrygo, è l’ultimo dei grandi talenti prodotti dal florido settore giovanile del Santos; quello che ha formato calcisticamente “fenomeni” del calibro di Pelé e Neymar.
Nato ad Osasco, il 9 gennaio del 2001, Rodrygo è entrato a far parte del settore giovanile del team di Vila Belmiro all’età di 8 anni (come Robinho e Neymar), prima giocava nel Ceará Sporting Club. Con il Santos ha avuto una rapida crescita professionale, facendo spesso la differenza pur giocando un anno sotto età. Nell’ultimo campionato Under 17 brasiliano, ha realizzato 24 reti in 22 partite, per un totale complessivo di 52 gol stagionali, dei quali 6 nella storica vittoria per 15-0 su Jabaquara.
Sempre lo scorso anno è stato convocato con il Brasile Under 16 per il Mondial Football di Montaigu, manifestazione nella quale il talento del Santos si è messo in grande evidenza mettendo a segno 3 gol in 4 partite. In seguito Rodrygo è stato convocato al centro federale di Granja Comary per uno stage in vista del mondiale Under 17 che si sarebbe disputato nei mesi successivi in India; kermesse a cui il ragazzo non ha preso parte venendo preferito ad altri giocatori più esperti.
il 21 luglio 2017, Rodrygo ha firmato il primo contratto professionistico con il Peixe, della durata di cinque anni e con una clausola rescissoria di 50 milioni di euro. “È un altro passo nella mia carriera e questo è molto importante, poiché è il mio primo contratto professionale. Ringrazio Dio, la mia famiglia, i miei agenti, il Club e i fan che mi hanno sostenuto durante tutto questo periodo. Sono felice di avere la possibilità di continuare il mio lavoro nel club che amo così tanto. Continuerò a lavorare, come è sempre stato da quando sono arrivato, per essere in grado di ricambiare e fare la storia “, ha dichiarato Rodrygo subito dopo aver firmato.
“È nella nostra tradizione trattare bene gli atleti delle categorie di base. Il contratto professionale con Rodrygo rientra in questa pianificazione, all’interno della quale il consiglio direttivo spera per il futuro. Abbiamo molta fiducia in lui e speriamo che d’ora in poi abbia la serenità di mostrare tutto il potenziale. Siamo sicuri che darà molte soddisfazioni a sostenitori del club Santista”, ha affermato Raphael Vita, membro del consiglio direttivo del Santos FC. (tratto da santosfc.com.br)
Il 1° novembre Rodrygo è stato promosso in prima squadra dal neo-tecnico Elano e ha esordito in Série A tre giorni dopo, nella partita vinta per 3-1 contro l’Atlético Mineiro. Il 1° marzo 2018 ha debuttato in Coppa Libertadores a 17 anni e 50 giorni, diventando così il più giovane calciatore della storia del club a giocare nella competizione, battendo il record che era di Diego risalente al 2003. Il 15 marzo ha segnato la prima rete in carriera, nella vittoria per 3-1 contro il Nacional: a 17 anni, due mesi e sei giorni è diventato il brasiliano più giovane a segnare nel torneo e lo scorso 15 aprile si è ripetuto contro il Ceará.
In Brasile si sono già sperticati in grandi lodi e paragoni molti impegnativi, normale quello con il suo più illustre predecessore, Neymar; una similitudine che effettivamente non è poi così poco attinente.

CARATTERISTICHE TECNICHE E TATTICHE

Rodrygo è una ala, preminentemente mancina, in possesso di una tecnica sopraffina abbinata ad un notevole spunto in velocità. Quando parte in progressione palla al piede può seminare avversari “come birilli”, facendo leva sul suo dribbling straordinario. Nell’uno contro uno è difficile da arginare, i marcatori vanno spesso in difficoltà con i vari “tricks” di Rodrygo, a tal punto da essere costretti a fermarlo con le maniere forti.
Tratta la palla con “gentilezza”, tocchi con la suola, “scavetti”, doppi passi, tiri dalla distanza all’incrocio dei pali, sono solo alcune delle principali caratteristiche dell’ampio bagaglio tecnico del prospetto di Vila Belmiro.
Fisicamente deve irrobustire un po’ la sua struttura, come deve migliorare anche nella fase difensiva, due aspetti che si possono perfezionare facilmente con gli allenamenti specifici.
Caratterialmente ha una personalità spiccata, non ha paura di niente, è quasi sfacciato e irriverente nelle giocate che effettua contro giocatori molto più grandi di lui; le pressioni esterne sembrano rimbalzargli addosso non scalfendolo per nulla.
Tatticamente rende meglio quando gioca sulla fascia destra, dove ha la possibilità di accentrarsi ed andare a tiro con il suo “educato” piede destro; ma anche a destra sa rendersi pericoloso sfornando cross interessanti per i compagni di squadra (anche se il ragazzo è più finalizzatore che uomo-assist). Il ruolo di ala sinistra di un 4-3-3 è indubbiamente quello che meglio si presta alle caratteristiche tecniche ed atletiche del ragazzo.

ANALISI FINALE

Punti di forza: Tecnica, velocità, dribbling, finalizzazione, creatività
Punti di debolezza: Deve migliorare nella fase difensiva ed anche irrobustirsi muscolarmente.
A chi assomiglia: Neymar
Valutazione: 4/5

(Fonte foto: www.santosfc.com.br)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *