Riccardo Pagano: talento italiano classe 2004

INFORMAZIONI: Riccardo Pagano

Nome: Riccardo Pagano
Ruolo: Mezzala sinistra/destra, trequartista
Data di nascita: 28/11/2004
Altezza: 175 cm
Piede: Destro

Riccardo Pagano

Riccardo Pagano è il capitano della Roma Under 15 di Tanrivermis che si è laureata Campione d’Italia proprio ieri, battendo nettamente in finale il Milan per 2 a 0.

Il giovane talento romanista è stato grande protagonista della stagione, trascinando la sua squadra finale, mettendo a segno ben 19 reti stagionali, di cui 2 nella difficilissima semifinale contro il Napoli, imbattuto fino a quel momento.

La doppietta di Pagano ai partenopei è stata di pregevole fattura (i suoi gol non sono mai banali): il primo con una conclusione al volo dal limite dell’area di rigore, mentre il secondo con un bolide su calcio piazzato da distanza siderale.

“Un’emozione indescrivibile, un traguardo assurdo che meritavamo e che sentivamo sin dall’inizio. Siamo stati grandi a farci forza sempre, in ogni momento stagionale. Non è stato per niente facile ma abbiamo sempre creduto nei nostri mezzi. Ora godiamoci questo successo e poi testa alla Supercoppa. Dedico il trionfo alla mia famiglia, un sostegno fisso al netto di un anno a distanza per via del mio alloggio nel convitto” , sono state le sue parole alla Gazzetta Regionale, nell’immediato post partita.

Nato a Tivoli il 28 novembre del 2004, Riccardo ha iniziato a giocare a calcio nel Villanova, società dilettantistica che all’epoca era affiliata alla Roma.

Nonostante il rapporto di collaborazione, Riccardo non era stato segnalato agli osservatori della Roma, a differenza del suo compagno di squadra Chesti, anche lui formatosi nel club tiburtino.

Fortunatamente per la Roma, un conoscente degli scout che lavoravano all’epoca per il settore giovanile giallorosso, segnalò in tempo reale questo ragazzino di 9 anni che faceva impazzire gli avversari con i suoi dribbling.

Di lui aveva impressionato non solo la tecnica e la coordinazione, ma anche la grinta. Giocando contro il Cinecittà Bettini, Riccardo aveva subito più di una dura entrata da Mauro Arciero (il fratello minore John gioca con i 2005 della Roma) e, ad un certo punto, stressato dalla marcatura serrata spinse via con forza l’avversario, nonostante fosse il doppio più grande di lui.

Appena visto in azione il ragazzo, gli osservatori della Roma hanno preso contatto con i dirigenti del Villanova e così Riccardo è stato ad allenarsi a Trigoria almeno una volta a settimana.

Pagano non ci ha messo molto a convincere tutti e la stagione successiva è stato tesserato per i giallorossi.

Nel vivaio della Roma, Riccardo si è affermato sempre di più, guadagnandosi i gradi di capitano ed entrando stabilmente nel giro della nazionale Under 15 italiana.

Caratteristiche tecniche e tattiche

Riccardo Pagano è principalmente una mezzala offensiva/trequartista, anche se, nel corso della sua pur breve carriera, ha ricoperto con profitto anche il ruolo di esterno offensivo e di “finto nove”.

Elegante nelle movenze, dotato di grandi capacità balistiche, Pagano può risultare letale dalla media-lunga distanza e su calcio piazzato.

Abile negli inserimenti offensivi, sia con che senza palla, sa farsi trovare con puntualità al posto giusto nel momento giusto.

Pur essendo di piede destro, sa disimpegnarsi bene anche con il sinistro, risultando imprevedibile per i suoi avversari.

Bravo nel controllo di palla, sia negli spazi stretti che nel largo, Riccardo è in possesso di una visione di gioco periferica, come dimostra lo splendido assist per Koffi nella finale Under 15 contro il Milan.

Dotato di un buon passo, è un giocatore che ama essere sempre nel vivo del gioco, si smarca continuamente per ricevere la palla dai compagni, posizionandosi spesso tra le linee.

Negli ultimi tempi è molto migliorato anche nella fase difensiva, mantenendo le giuste posizioni e rubando qualche prezioso pallone agli avversari.

Caratterialmente è un leader, come dimostra la sua fascia di capitano al braccio con la Roma Under 15 campione d’Italia.

Fisicamente ha bisogno di irrobustire la sua struttura corporea, in modo tale da essere più competitivo nei duelli spalla a spalla. Inoltre, può migliorare nella continuità nell’arco dei 90 minuti, imparando a gestire meglio le energie.

Tatticamente il suo ruolo è quello di mezzala di un 4-3-3, ma anche trequartista di un 4-2-3-1.

Analisi finale

Punti di forza: Tecnica, capacità balistiche, visione di gioco, dribbling, calci piazzati, assist, inserimenti offensivi, abilità con entrambi i piedi.
Punti di debolezza: Deve rafforzarsi ancora un po’ fisicamente e migliorare nella continuità nell’arco dei 90 minuti.
A chi assomiglia: Hernanes
Valutazione: 4/5

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *