Pietro Rovaglia: talento italiano classe 2001

INFORMAZIONI: Pietro Rovaglia

Nome: Pietro Rovaglia
Ruolo: Punta centrale
Data di nascita: 26/02/2001
Altezza: 188 cm
Piede: Destro

Pietro Rovaglia

Pietro Rovaglia, centravanti classe 2001 del Chievo, è uno degli uomini mercato del momento, essendo finito nel mirino di squadre del calibro di Inter e Juventus.

Il talento clivense è reduce da una buona stagione personale, con 8 reti (una delle quali segnata nel playoff pareggiato contro la Roma) in 32 presenze.

Uno score che gli ha permesso di entrare nel giro della nazionale italiana Under 18, con la quale è subito andato a segno nel match d’esordio contro l’Austria (in precedenza aveva fatto una comparsata anche con l’Under 15 azzurra).

Nato a Verona il 26 febbraio del 2001, Rovaglia ha iniziato a giocare a calcio nel Dossobuono, a 8 anni è entrato a far parte della squadra pulcini del Chievo, con il quale si è messo in luce in ogni categoria.

Nelle ultime 3 stagioni, Pietro si è dimostrato un attaccante affidabile, andando a segno con una certa regolarità. Nel 2016-2017, con il Chievo U17, Rovaglia ha realizzato 9 gol in 26 presenze (da sotto età), l’annata successiva si è anche migliorato, andando in rete 14 volte in 24 caps oltre a racimolare, sempre da sotto età, le sue prime 4 presenze nella squadra Primavera.

Il resto è storia di questi giorni, con il ragazzo appetito dai più importanti club italiani dopo aver gonfiato la rete della porta avversaria in 8 occasioni.

Con il Chievo, Rovaglia ha un contratto che scade il 30 giugno del 2023 ed ora, il giovane centravanti dovrà decidere se giocarsi le sue carte con la prima squadra del Chievo in Serie B, oppure entrare a far parte di una squadra Primavera di un top club di A.

Caratteristiche tecniche e tattiche

Pietro Rovaglia è una punta centrale dotata di un fisico longilineo, molto alto (sfiora i 190 cm.), in possesso di una discreta tecnica di base e di notevoli abilità nel gioco aereo.

E’ un attaccante dinamico, interprete di un calcio associativo, non è il classico centravanti statico d’area di rigore, ma anzi, ama spaziare su tutto il fronte offensivo, facendosi apprezzare per le sue sponde e per i preziosi varchi che crea per i compagni con i suoi movimenti.

Considerando la mole, non è un giocatore lento, il suo passo gli permette di essere pericoloso anche a campo aperto, essendo bravo a scattare sul filo del fuorigioco.

Ha buone capacità balistiche, sa farsi valere nei duelli spalla a spalla e nella protezione della sfera, anche se, può ulteriormente rinforzare la parte alta del suo corpo, così come può perfezionare il suo sinistro.

Caratterialmente è un ragazzo introverso e di poche parole, ma in campo si trasforma, mettendo in gioco la sua forte personalità.

E’ una punta che gioca molto per la squadra, lavorando con il suo corpo e pressando costantemente gli avversari; questa sua generosità lo porta, talvolta, ad essere poco preciso “sotto porta”.

Tatticamente il suo ruolo è quello di punta centrale che, se inserito nel mezzo di un tridente, può dare il meglio di sé.

Analisi finale

Punti di forza: Gioco aereo, intelligenza tattica, senso del sacrificio, capacità balistiche, sponde, personalità, fisicità.
Punti di debolezza: Può ulteriormente rafforzare la sua struttura fisica e migliorare “il piede debole”
A chi assomiglia: Roberto Inglese
Valutazione: 3/5

(Fonte foto: chievoverona.it)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *