Oscar Bobb: talento norvegese classe 2003

INFORMAZIONI: Oscar Bobb

Nome: Oscar Bobb
Ruolo: Ala destra/sinistra, trequartista
Data di nascita: 13/07/2003
Altezza: 172 cm.
Piede: Sinistro

Oscar Bobb

Oscar Bobb è un giocatore di cui sicuramente sentiremo parlare nei prossimi anni, infatti, l’ala destra del Manchester City, nonostante la giovane età, è stato già al centro di alcuni intrighi di mercato.

Nato a Oslo il 13 luglio del 2003, Bobb fin da piccolissimo ha messo in luce la sua tecnica sopraffina, esordendo con il Lyn in Coppa di Norvegia a soli 11 anni (diventando molto popolare in tutta Europa), attirando l’interesse del Porto che l’ha invitato in Portogallo.

I lusitani hanno cercato di tesserare il giovane talento, ma la FIFA ha bloccato il trasferimento, essendo Oscar un calciatore minorenne. I “Dragões” hanno provato a convincere l’organo internazionale affermando che il ragazzo aveva dovuto seguire la madre Turid Gunnes in Portogallo, la quale avrebbe voluto continuare la carriera di attrice proprio nel paese sulle rive dell’Atlantico, ma la FIFA non ha creduto alla versione della società biancoblu e ha bloccato tutto.

Così, Bobb è tornato a giocare in patria, nello specifico al Vålerenga, dove si è messo in grande evidenza, attirando l’attenzione degli osservatori dei “Citizens”, che l’hanno fatto tesserare nel luglio scorso, al compimento del 16esimo anno d’età.

In questo avvio di stagione, Bobb è riuscito a mettere a segno 3 reti in 7 presenze con la squadra Under 18 del Manchester City, non subendo particolarmente il fatto di giocare sotto età.

Nazionale Under 16 norvegese, Oscar ha già totalizzato 12 caps con la selezione vichinga, ma le presenze sarebbero potute essere ancora di più se non avesse avuto dei problemi all’anca.

Igor Aase, tecnico delle giovanili Valerenga, ha descritto così a Dagbladet il giovane Bobb: “È un giocatore esaltante, ma molto giovane. Bobb è meglio in fase offensiva che difensiva, ma è un buon giocatore, molto tecnico. Spero che possa essere più orientato al gol, in modo da poter influenzare ancora di più le partite. Ma ha una base che lo rende molto promettente. Bob deve compiere dei passi avanti e li deve fare sia nel club che nella squadra nazionale. Poi vedremo come va”. (tratto da Dagbladet).

Caratteristiche tecniche e tattiche

Oscar Bobb è un’ala di piede mancino, in grado di giocare con profitto su entrambe le fasce anche se, nelle categorie inferiori, veniva utilizzato anche da trequartista.

Veloce ed abile nell’uno contro uno, può creare con facilità la superiorità numerica nel suo settore di competenza, superando con irrisoria facilità i suoi marcatori, anche in virtù dello straordinario controllo di palla, la quale resta sempre “incollata” ai suoi piedi ispirati.

In possesso di una visione di gioco periferica, Bobb sa essere determinante sia in fase di finalizzazione che di assistenza.

Ha una grande variazione di ritmo ed una potente accelerazione palla al piede, che gli consente di superare in slancio più avversari in una sola azione.

Ha in dote una notevole facilità di calcio, qualità che gli permette di essere pericoloso dalla media lunga distanza, di crossare in modo preciso e di effettuare dei cambi di gioco calibrati.

Fisicamente normolineo, deve ulteriormente irrobustire la sua struttura corporea, in modo tale da essere più performante nei duelli spalla a spalla. Inoltre, può migliorare il destro, così da essere ancora meno leggibile per i suoi dirimpettai.

Non ha mai paura di tentare le giocate più difficili, sembra quasi sfacciato nel suo modo di affrontare gli avversari e nell’interpretare la partita.

Tatticamente la posizione dove rende meglio è quella di ala destra, dove ha la possibilità di accentrarsi ed andare al tiro con il mancino, ma può anche adattarsi a giocare a sinistra e nel ruolo di trequartista.

Analisi finale

Punti di forza: Dribbling, velocità, capacità balistiche, assist, tecnica, accelerazione palla al piede, personalità, controllo di palla in corsa.
Punti di debolezza: Può rafforzarsi fisicamente, migliorare il destro, gestire meglio le energie nell’arco della partita e perfezionare la fase difensiva.
A chi somiglia: Jadon Sancho (anche se destro)
Valutazione: 4/5

(Fonte foto: vaaju.com)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *