Nils Mortimer: 2001 – Spagna

Nome: Nils Mortimer Moreno
Ruolo: Ala destra/sinistra, mezzala destra
Data di nascita: 17/06/2001
Altezza: 176 cm
Piede: Sinistro

BIOGRAFIA

Nils Mortimer, ala destra del Barcellona, è uno di quei tanti talenti che i blaugrana pescano al di fuori della Catalogna; naturalmente per entrare a far parte de “La Masia” bisogna avere delle qualità tecniche e morali al di sopra della media. Doti che sono ampiamente presenti in questo ragazzo nativo di Malaga, a Mortimer nessuno ha mai regalato nulla, tutto quello che ha ottenuto lo ha fatto lavorando sempre alacremente.
La sua storia d’amore con il calcio inizia un giorno in cui stava giocando in spiaggia con il suo amico Pablo Triano, che aveva quattro anni più di lui e che in seguito divenne il suo riferimento in campo. Un amico della famiglia, vedendoli giocare, decise di proporre alla madre, Rocio, di portare Nils ad una buona scuola calcio da lui indicata. Così Nils, a quattro anni, inizia a giocare nel piccolo club de La Mosca, in Andalusia. Lì il ragazzino mette subito in mostra le sue notevoli qualità tecniche Francisco e così vedendo il suo potenziale, il tecnico Francisco lo manda ad allenarsi con giocatori più grandi di due anni. Nils ama tantissimo giocare e quando termina l’allenamento con il suo gruppo va a giocare in un’altra squadra che si sta allenando in quel momento. Questo si ripeteva tutti i giorni e Mortimer andava via solo quando si chiudevano i cancelli del centro sportivo.
Nils, come tutte le più grandi promesse del calcio andaluso, va al Campus Carrasco, lì viene notato dagli osservatori del Siviglia che decidono subito di prenderlo. Tuttavia, l’avventura con i Rojiblancos dura solo alcuni mesi. Nils infatti doveva percorrere la rotta Malaga-Siviglia quattro volte alla settimana, fare i compiti in macchina e tornare a casa molto tardi. Naturalmente non rimborsato. Pertanto, decide di tornare subito al club di provenienza dove vi resta un anno prima di essere acquistato dal Málaga.
Nel 2013 viene notato dagli osservatori del Barcellona che lo “scippano” al Malaga in un momento molto difficile per il club, che oltre ad essere coinvolto in una situazione societaria molto complicata, stava perdendo molti talenti interessanti della sua cantera, come era successo poco prima con Brahim Diaz passato al Manchester City.
Nel Barça Mortimer si è sempre distinto pur essendo parte di una generazione molto mediatica e piena di talento. Non è mai stato influenzato dai riflettori e si è sempre concentrato sul campo. Il risultato è stato ottimo. Nella Juvenil A, sotto gli ordini di Garcia Pimienta, Mortimer fa subito benissimo, pur essendo al suo primo anno a “La Masia”. In quella squadra gioca con lui anche Monchu Rodríguez, un giocatore che è stato strettamente legato alla carriera di Nils che lo ha sempre considerato un “fratello maggiore” nel La Masia. Al convitto del Barcellona il tempo scorre veloce e l’ex Malaga lo trascorre principalmente con i suoi compagni di classe, Josep Jaume e Antonio Jesús Cantón.
Nils Mortimer ha ancora una lunga strada da percorrere, ma vuole combattere per realizzare il suo sogno di giocare in giorno con la maglia del Barcellona dei “grandi”. Suo zio Dani e suo nonno Paco meritano di vederlo raggiungere la vetta del calcio professionistico. Non si perdono mai le sue partite e insieme ai loro genitori aiutano Nils a continuare a lavorare sodo senza perdere di vista il mondo reale, al di fuori del contesto “ovattato” de La Masia. Anche nelle nazionali spagnole, i tecnici hanno preso familiarità con il nome di Nils Mortimer; nell’ultimo europeo Under 17, ogni volta che è stato impiegato, il talentino del Barcellona ha sempre dimostrato il suo valore, andando anche a segno in un’occasione.

CARATTERISTICHE TECNICHE E TATTICHE

Nils Mortimer è principalmente un’ala destra, che talvolta viene impiegato anche a sinistra e da punta centrale. Veloce, molto tecnico ed abile nell’uno contro uno, ha un discreto senso del gol, cambio di passo e ottime capacità balistiche, con il suo piede sinistro può rendersi protagonista di splendide realizzazioni.
Elegante nelle movenze, bravo nel dribbling, sa essere un attaccante estremamente concreto, non perdendosi in inutili giocate ad effetto.
Fisicamente ha una discreta struttura fisica, che almeno nella categoria Juvenil B gli consente di difendere bene la sfera e di resistere con disinvoltura ai contrasti.
Tatticamente il ruolo dove rende di più è quello di ala, principalmente a destra, dove ha la possibilità di accentrarsi ed andare al tiro con il suo piede preferito, il sinistro. In un 4-3-3 può giocare tranquillamente sue entrambe le fasce, ma in passato è stato anche impiegato anche al centro del tridente.

ANALISI FINALE

Punti di forza: Velocità, dribbling, tecnica, progressione palla al piede, capacità balistiche, senso del gol.
Punti di debolezza: Deve migliorare nel gioco aereo e nella fase difensiva.
A chi assomiglia: Gerard Deulofeu
Valutazione: 3/5

(Fonte foto: www.fcbarcelona.com.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *