Maxence Rivera: talento francese classe 2002

INFORMAZIONI: Maxence Rivera

Nome: Maxence Rivera
Ruolo: Ala destra/sinistra
Data di nascita: 30/05/2002
Altezza: 168 cm.
Piede: Destro

Maxence Rivera

Maxence Rivera ha esordito dal primo minuto con la prima squadra del Saint-Étienne in Coppa di Lega l’8 gennaio scorso, in occasione della partita persa nettamente per 6 a 1 contro il PSG.

Il giovane esterno offensivo, considerato da anni uno dei migliori prospetti del settore giovanile dei “Verts”, ha anche avuto la possibilità di debuttare il Ligue 1 4 giorni dopo , a 17 anni 7 mesi e 13 giorni, quando da subentrante ha partecipato alla sconfitta in casa per 2 a 0 contro il Nantes.

Sicuramente per Rivera non sono stati due match fortunati, ma le qualità del ragazzo nativo di Bourgoin-Jallieu (come Kévin Monnet-Paquet) non possono essere messe in discussione.

Formatosi calcisticamente nell’FC Bourgoin-Jallieu, Maxence fin da piccolo aveva fatto intravedere il suo grande potenziale tecnico, attirando l’attenzione degli scout di OL e appunto Saint-Étienne, due club storicamente grandi rivali.

“Si è unito a noi quando aveva 10 anni proveniente da Roche. È stato subito individuato e seguito da club come OL e l’ASSE. L’OL lo seguiva, ma il club di Lione aveva già giocatori della sua età con un profilo simile. Improvvisamente, il Saint-Etienne forzò e presentò un progetto che fece piacere ai suoi genitori”, ricorda il Manuel De Almeida, direttore sportivo dell’FC Bourgoin-Jallieu, ex club di Rivera. (tratto da Dauphiné Libéré)

Entrato a far parte dell’Academy del Saint-Etienne nel 2015, Maxence ha giocato in Under 15 e poi nella squadra Under 17 lo scorso anno. Titolare a livello regionale durante una stagione deludente per i giovani “Verts”, quella del 2017-2018 (con 11 sconfitte in 22 partite), l’ala è comunque riuscita a diventare capocannoniere della sua squadra con dodici marcature.

Con la squadra U17 ha fatto subito bene, mettendo a segno 9 reti ad inizio stagione, in seguito ha poi partecipato da sotto leva alla grande annata della squadra Under 19 che ha ottenuto la vittoria della Coupe Gambardella battendo in finale il Tolosa.

Protagonista il 17 febbraio 2019 di una partita completa con l’U19 contro del Cannes, mettendo a segno 1 gol e 2 assist, Rivera ha quindi disputato i suoi primi minuti in National 2 verso la fine della stagione. Un’opportunità che ha colto al balzo, andando subito in gol il 25 maggio contro lo Stade Montois. Il resto è storia di questi giorni, con Maxence aggregato stabilmente alla prima squadra del Saint-Etienne.

Caratteristiche tecniche e tattiche

Arthur Barrière, suo ex tecnico all’ nell’FC Bourgoin-Jallieu, lo ricorda così: “All’epoca, Maxence aveva già grandi qualità sotto l’aspetto atletico, qualità piuttosto impressionanti di velocità e rapidità che gli hanno permesso di fare molta differenza sui cambi di ritmo e di direzione. Sull’aspetto tecnico Maxence era già un giocatore “molto pulito”. Aveva la capacità di giocare spesso nel modo giusto, soprattutto perché apprendeva le informazioni più velocemente degli altri, cosa che molto spesso gli permetteva di essere un passo avanti il gioco. Il suo unico piccolo difetto era principalmente legato alle sue dimensioni fisiche piuttosto minute e al fatto che non era in grado di difendere abbastanza bene la palla dai difensori atletici usando il “corpo come ostacolo”. (tratto da envertetcontretous.fr)

Ancora oggi Maxence Rivera è un’ala che fa della notevole tecnica di base e dell’abilità nell’uno contro uno i suoi principali punti di forza.

In possesso di una struttura fisica minuta e di baricentro basso, ha comunque migliorato la protezione della palla, risultando sgusciante negli spazi stretti.

In grado di giocare indifferentemente su entrambe le fasce, in alcune occasioni si è adattato persino a giocare da “finto nove”.

Veloce, ha un grande cambio di ritmo e un ottimo dribbling, qualità che gli permettono di creare spesso la superiorità numerica nel suo settore di competenza.

Bravo dalla metà campo in avanti, può migliorare nella fase difensiva, oltre a rinforzare la sua struttura fisica brevilinea, in modo tale da essere più performante nei duelli spalla a spalla.

In possesso di buone capacità balistiche (anche il piede mancino non è così male), riesce a segnare un buon numero di reti stagionali sfruttando i suoi tempi d’inserimento offensivi.

Non è assolutamente un giocatore egoista, ma sa essere maturo nelle scelte, passando la palla ai compagni quando sono meglio posizionati di lui.

In campo non sembra patire particolarmente le pressioni esterne palesando una forte personalità, qualità che è esaltata maggiormente dal suo stile di gioco intraprendente e vivace, fatto di continui scatti ed accelerazioni palla al piede.

Tatticamente il suo ruolo è quello di ala destra/sinistra di un 4-3-3 o esterno offensivo di un 4-2-3-1.

Analisi finale

Punti di forza: Tecnica, rapidità, cambio di ritmo, controllo di palla, finalizzazione, imprevedibilità, velocità, cross, dribbling, assist, progressione palla al piede, personalità.
Punti di debolezza: Deve rafforzarsi fisicamente, migliorare nella fase difensiva e nella continuità.
A chi somiglia: Ludovic Giuly
Valutazione: 3/5

(Fonte foto: www.time24.news)

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *