Matthew Longstaff: talento inglese classe 2000

INFORMAZIONI: Matthew Longstaff

Nome: Matthew Ben Longstaff
Ruolo: Mediano
Data di nascita: 21/03/2000
Altezza: 171 cm.
Piede: Destro

Matthew Longstaff

Ha avuto un esordio da sogno Matthew Longstaff, mediano classe 2000 del Newcastle che, con un suo gol è riuscito a regalare la vittoria nell’importante match di Premier League contro il Manchester United, rendendo sempre più traballante la panchina del tecnico dei “Red Devils” Ole Gunnar Solskjaer.

Un altro aspetto che rende ancora più dolce l’esordio di Matthew nella massima serie inglese è il fatto che al suo fianco vi era anche il fratello maggiore Sean, di tre anni più grande. Era dai tempi dei fratelli Ameobi che non capitava una situazione simile.

“Giocare con Sean è stato incredibile. Ci siamo presi a calci a vicenda nel giardino di casa, poi siamo cresciuti insieme nella stessa squadra, giocando per la squadra della nostra città, e vincere contro Man Utd, che è una buona squadra, è un po’ surreale. Ho scoperto che ero nella squadra dopo l’allenamento ieri. Ho subito iniziato ad avere un po’ di mal di pancia, ero diventato un po’ nervoso e poi non avevo dormito molto. Poi sono andato a letto sognando ma non pensi mai che tutto ciò sarebbe accaduto. Sono al settimo cielo.” (tratto da bleacherreport.com)

Longstaff in precedenza aveva giocato tutti i 90 minuti contro Leicester City nella EFL Cup di questa stagione, quando la sua squadra ha perso il match del secondo turno 5-3 ai rigori.

Entrambi i fratelli Longstaff sono molto apprezzati dalle parti di Newcastle e il fratello maggiore Sean già quest’anno è stato seguito con molta attenzione da diversi top club, incluso il Manchester United.

L’intenzione del tecnico del “Magpies” Steve Bruce, è quella di tenere il più a lungo possibile i due fratelli che sono già degli idoli dei tifosi locali.

Matthew Longstaff è nato a Newcastle il 21 marzo del 2000, il papà David è un ex giocatore di hockey e l’attuale coach dei Whitley Warriors, la mamma Michelle è invece una star del netball, una variante del basket.

Matt ha sempre preferito il calcio, dando i primi calci ad un pallone al North Shields Juniors, seguendo le orme dello zio Alan Thompson (bronzo ai mondiali U20 con l’Inghilterra nel 1993 e 5 volte campione di Scozia con il Celtic), oltre a giocare a calcio insieme al già citato fratello maggiore Sean (classe 1997) che ha raggiunto al Newcastle nel 2018.

Caratteristiche tecniche e tattiche

Matthew Longstaff è un centrocampista difensivo molto dinamico, dotato di una buona tecnica di base e di una visione di gioco periferica.

Abile in entrambe le fasi, sa recuperare un buon numero di palloni durante la partita, rendendosi pericoloso anche in avanti, soprattutto quando aziona il suo potente tiro dalla distanza, come si è potuto notare nel gol e nella traversa colpita contro il Man Utd.

E’ ordinato, ha un buon controllo di palla, sa dettare i tempi della manovra privilegiando un gioco di passaggi corti, mostrando uno stile di gioco che permette alla manovra di fluire velocemente.

Nella partita d’esordio si è alternato con il fratello in “cabina di regia”, dando sempre tanta intensità al suo gioco.

Fisicamente brevilineo (è più piccolo del fratello), ma massiccio, sa farsi valere nei contrasti e nei duelli corpo a corpo, mettendo in gioco tanta grinta e determinazione.

E’ dotato di una spiccata personalità, gioca con grande autorevolezza e dimostra di non patire minimamente le pressioni esterne.

Intelligente tatticamente, si smarca in continuazione, rendendosi pronto per ricevere la palla dai compagni. Il suo ruolo è quello di mediano davanti alla difesa, ma per caratteristiche atletiche e fisiche può anche adattarsi a giocare da mezzala.

Analisi finale

Punti di forza: Dinamismo, capacità balistiche, recupero palla, intensità, cattiveria agonistica, passaggi, contrasti, visione di gioco, capacità aerobiche, personalità.
Punti di debolezza: Può rafforzarsi fisicamente ed è carente nel gioco aereo.
A chi assomiglia: Sandro Tonali
Valutazione: 3,5/5

(Fonte foto: www.teamtalk.com)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *