Mateu Morey: 2000 – Spagna

Nome: Mateu Jaume Morey Bauzà
Ruolo: Terzino destro
Data di nascita: 02/03/2000
Altezza: 171 cm
Piede: Destro

BIOGRAFIA

Mateu Jaume Morey Bauzà, più semplicemente Mateu Morey, terzino destro di grande qualità, potrebbe essere il prossimo grande talento blaugrana a lasciare “La Masia”, in quanto non ha ancora rinnovato il suo contratto che scade alla fine di questa stagione. Bayern Monaco, Juventus, Real Madrid seguono da vicino gli sviluppi della vicenda, anche perché il Barcellona sta cercando di trattenere il ragazzo in tutti i modi. Prendere un talento come Morey a parametro 0, sarebbe un affare straordinario, è il classico “colpo” che fa le fortune di un direttore sportivo.
In caso di partenza, Morey non sarebbe un caso isolato in casa Barcellona, il suo addio si andrebbe ad aggiungere a quello del difensore Eric Garcia (passato al City), di Jordi Mboula (andato al Monaco) e a tanti altri giovani di talento che hanno lasciato la prestigiosa cantera catalana allettati sia da contratti più vantaggiosi, sia dalle maggiori possibilità d’impiego che possono trovare altrove.
Nato a Petra, un comune dell’isola di Maiorca, Mateu ha iniziato a giocare a calcio con la squadra della sua cittadina, l’UE Petra, in seguito è passato al CD Manacor, poi finalmente all’RCD Mallorca, venendo selezionato più volte anche per la rappresentativa delle Isole Baleari. Al Mallorca, nel 2015, è stato notato dagli scout del Real Madrid e del Barcellona, con quest’ultimi che in extremis sono riusciti a battere la concorrenza dello storico club rivale, proprio quando il ragazzo sembrava ormai indirizzato verso la “Casablanca”.
Il quell’anno il Barcellona aveva stabilito che il 90% dei ragazzi acquistati doveva essere di provenienza catalana e Mateu Morey è entrato a fa parte di quel restante 10 % di ragazzi non provenienti da quella zona. Lui, Guiem Romaguera, sempre dal Mallorca (2000) e Marc Baró (1999), che apparteneva a La Salle, sono stati i 3 balearici a trasferirsi a Barcellona in quella finestra estiva di mercato. In quella stagione il numero totale dei ragazzi provenienti dalle Baleari e presenti ne “La Masia” era salito a 8 (gli altri erano Joan Campins, Jordi Tur, Denis Otto, Monchu e Josep Jaume), una cifra considerevole, considerando che fin ad allora i grandi club non puntavano molto su quella zona della Spagna.
Al Barcellona, Mateu ha fatto subito vedere le sue indiscutibili qualità tecniche e di corsa, entrando a far parte delle selezioni giovanili iberiche. In particolare con l’Under 17 si è laureato campione d’Europa, disputando un torneo straordinario, risultando per distacco il migliore nel suo ruolo. Successivamente, lo scorso novembre, Morey ha preso parte anche al mondiale di categoria in India, una manifestazione che ha visto la Spagna perdere in finale contro l’Inghilterra.
In questa stagione, Morey ha giocato la UEFA Youth League con l’Under 18 del Barça ed è stato stabilmente nella squadra Juvenil A Blaugrana dopo essere stato due anni in Juvenil B.

CARATTERISTICHE TECNICHE E TATTICHE

Mateu Morey è il classico terzino destro di spinta, che privilegia nettamente la fase offensiva a quella difensiva. Il suo appoggio alla manovra offensiva è sempre costante, dando un continuo sbocco al gioco sulla sua corsia di competenza. Ha capacità aerobiche straordinarie, percorre incessantemente chilometri sulla sua fascia, facendosi trovare pronto sia in fase di assistenza, sia in quella di finalizzazione. Mateu è un buon “crossatore” e conosce molto bene i tempi d’inserimento offensivi, non a caso nell’ultimo europeo di categoria ha realizzato ben 3 reti.
Ha un buon piede, dribbling, discrete capacità balistiche e notevole tecnica di base, mentre soffre nel gioco aereo (con i suoi 171 cm), nei duelli fisici e deve perfezionare la sua fase difensiva.
Il suo stile di gioco, molto propositivo, denota il suo carattere generoso, ma anche una forte personalità; nei momenti più importanti della partita, Morey non si nasconde, anzi è spesso uno dei trascinatori.
Tatticamente Morey viene utilizzato nel ruolo di terzino destro di una difesa a 4, ma può giocare anche da esterno di centrocampo, un po’ come ha fatto il suo connazionale Bernat sulla fascia opposta.

ANALISI FINALE

Punti di forza: Tecnica, corsa, dribbling, velocità, cross, inserimenti offensivi.
Punti di debolezza: Fase difensiva, gioco aereo.
A chi assomiglia: Daniel Carvajal
Valutazione: 3,5/5

(Fonte foto: www. www.rac1.cat)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *