Luis Rojas: talento cileno classe 2002

INFORMAZIONI: Luis Rojas

Nome: José Luis Esteban Rojas Zamora
Ruolo: Trequartista
Data di nascita: 06/03/2002
Altezza: 180 cm
Piede: Destro

Luis Rojas

Con 4 gol al suo attivo, Luis Rojas è stato uno dei grandi protagonisti della nazionale cilena che ha chiuso il Sub-17 con gli stessi punti dell’Argentina campione della manifestazione.

A causare la sconfitta degli uomini di Mr Capuuto è stata la peggiore differenza reti (sarebbe bastato subire un gol in meno).

José Luis Esteban Rojas Zamora, più semplicemente Luis Rojas, ma per gli amici “Lucho”, è il figlio di Luis Rojas Alvarez, ex “volantino” che tra il 1980 e il 1985 ha totalizzato 17 presenze con la “Roja”, oltre a difendere i colori dell’U. Española, del Colo Colo e del Palestino.

“Luis Rojas è venuto alla “U” dal Colo Colo all’età di 13 anni. Quando ero nel club, ‘Lucho’ era tra i ragazzi con più di prospettive; un volantino con una forte personalità, tecnicamente completo, buon fisico e abile nel gioco aereo”, così lo descrive Luis Musrri, in passato ex allenatore anche della nazionale maggiore cilena.

Il papà del talentino dell’Under 17 cilena, Luis Rojas Alvarez (che in passato ha avuto nell’U17 anche l’altro figlio Silvio), completa la descrizione di Luis: “Ho sei figli e ‘Lucho’ è il mio ‘concho’, era al Colo Colo con Lizardo Garrido, lì lo hanno amato molto, l’hanno usato come libero. Con Vicente (Vicente Pizarro, altro giocatore dell’U17 cilena, pure lui figlio d’arte) ha giocato insieme nella scuola calcio, hanno vinto per cinque anni consecutivi i campionati di categoria. Alla fine della U13 ha deciso di andare alla “U”, solo perché era più vicino a casa. Il cambiamento è stato un duro colpo, ma si è abituato. E’ stato persino fatto giocare più avanti. Io gli chiedo solo di divertirsi, non mi faccio coinvolgere.” (tratto da redgol.cl)

‘Luchito’ è stato fermo fino 20 ottobre dello scorso anno a causa di un brutto infortunio. “Avevo apprensioni riguardo al suo livello, ma è andata bene. Né Vicente (Pizarro) né mio figlio si preoccupano dei confronti con i loro genitori, non hanno nulla a che fare con noi”, ha dichiarato Luis Rojas Álvarez. (tratto da redgol.cl)

“Non siamo sorpresi la sua qualità, perché da sempre sta mostrando di essere uno dei ragazzi dalle migliori prospettive”, ha dichiarato Marcelo Jara, capo allenatore della Under 17 della “U”.

“Oltre alla forza fisica, ha anche delle notevoli abilità tecniche. Ciò lo rende in grado di fare la differenza. Ora è in quel processo dove deve imparare a giocare collettivamente, che è una parte importante della formazione. Capisce il gioco e ha dei passaggi che gli permettono di avere una visione più globale del campo.”

“Il suo gioco è molto particolare, le sue caratteristiche non si vedono molto negli altri giocatori. Si può fare dell’esercizio mentale e, così, posso individuare caratteristiche fisiche comuni ad Aránguiz e qualche giocata geniale di Valdivia, ma non posso paragonarlo a lui, perché Rojas non è così forte”, ha chiosato Jara. (tratto da publimetro.cl)

Caratteristiche tecniche e tattiche

Luis Rojas è stato un giocatore determinante per il gioco dell’U17 cilena: i suoi improvvisi inserimenti offensivi hanno spesso aperto i pacchetti arretrati avversari, creando grossi scompensi tattici a chi doveva controllarlo.

Rojas è un centrocampista incursore dotato di un buon passo, bravo nel gioco aereo, in possesso di una struttura fisica già buona e di un buon senso del gol.

Tecnicamente è abbastanza abile, sa trattare con delicatezza la sfera. A questa qualità nel palleggio, Luis aggiunge anche una potente progressione centrale, che è indubbiamente uno dei suoi principali punti di forza.

E’ un giocatore che sa essere determinante dalla trequarti in avanti, avendo una buona visione di gioco che gli consente di essere incisivo anche in fase di assistenza.

Dotato di un buon tiro, sa resistere bene ai contrasti, ma può perfezionare la sua fase difensiva e migliorare nella continuità nell’arco dei 90 minuti.

Tatticamente il suo ruolo è quello di trequartista incursore in un 4-2-3-1 o in un 4-5-1, ma può adattarsi anche al ruolo di interno di centrocampo (con attitudini offensive).

Analisi finale

Punti di forza: Velocità, tecnica, dribbling in corsa, accelerazione palla al piede, fisicità, capacità balistiche, inserimenti offensivi, assist.
Punti di debolezza: Deve essere più continuo e, talvolta, partecipare di più alla manovra.
A chi assomiglia: Simone Perrotta
Valutazione: 3,5/5

(Fonte foto: publimetro.cl)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *