Lucas Da Cunha: talento francese classe 2001

INFORMAZIONI: Lucas Da Cunha

Nome: Lucas Da Cunha
Ruolo: Ala sinistra/destra
Data di nascita: 09/06/2001
Altezza: 172 cm
Piede: Sinistro

Lucas Da Cunha

Lucas Da Cunha, ala sinistra/destra del Rennes, è indubbiamente uno dei migliori prospetti francesi classe 2001. Non a caso il club Rouge et Noir si è affrettato a far firmare al ragazzo il primo contratto da professionista, a soli 16 anni e 190 giorni (scadenza giugno 2021), un record per il Rennes, che ha così respinto le avances nei confronti della loro “stellina”, dei maggiori team transalpini.

Lucas è nativo di Roanne, ha iniziato a giocare a calcio in una delle squadre della sua città, il Roanne Matel SFC, nel 2010 è passato all’altra società del suo luogo d’origine, il Roannais Foot 42, dove è stato scovato dagli scout del Rennes nel 2016.

Negli ultimi 2 anni Lucas Da Cunha è praticamente esploso, ha avuto una crescita esponenziale, mettendosi in grande evidenza con il suo club di appartenenza ed entrando nel giro delle nazionali giovanili francesi, con 6 presenze nell’Under 16 e 11 nell’Under 17.

Vincent Decaluwe, allenatore di Lucas nell’U15 Elite del Roannais 42, riconosce la notevole crescita del suo pupillo: “Sinceramente, sapevamo che aveva un grande potenziale. È stato il miglior ragazzo che il club abbia conosciuto da molto tempo. Quello che ha mostrato lì per quindici mesi è stato grande, integrandosi nel nuovo club, diventando il più giovane contrattualizzato, venendo convocato nelle nazionali francesi…E’ andato a 2000 km/h. Lucas non ha avuto una semplice progressione, lui è veramente esploso!” (tratto da actufoot.com)

Armando Bianchi, il suo tecnico ai tempi dell’U13, conferma: “All’epoca, avevo già intuito che era già superiore agli altri. Aveva già tanto talento in U12-U13. Aveva tutte le qualità, un notevole piede sinistro, grandi capacità fisiche, era intelligente nel gioco, laborioso e attento. I suoi progressi sono stati molto rapidi. ma è stato paziente. Per due stagioni, negli U14 e U15, ha quasi portato avanti da solo la squadra d’élite. Era predestinato a ciò che gli stava succedendo in quel momento”, ha concluso l’allenatore francese, ex giocatore professionista di Paris Saint-Germain (dal 78 all’81).

Nella carriera della giovane ala, che Vincent Decaluwe ha usato come regista nella U15 Elite del Roanne, impiegato lì “per migliorare la squadra e per mandare in gol anche gli altri”, Lucas Da Cunha non ha avuto un percorso facile prima di arrivare al club della Ligue 1: “È stato un po’ un giro sulle montagne russe con Lucas. Ha fatto molti provini nei club dei professionisti, tra cui OL e Saint-Etienne, ma anche il Pole Espoirs di Digione. È stato rifiutato, ho ricevuto le risposte dai club professionisti ed è stato necessario comunicarle a Lucas e alla sua famiglia. Ma penso che questo sia stato il punto centrale della storia. Questo ha creato in lui una certa rabbia e fame per il successo, piuttosto che sprofondare nella delusione. Lo ha fatto esplodere”, ha affermato l’ultimo allenatore all’ RF42, che lo ha accompagnato ad ogni provino svolto da Lucas.

Prosegue Decaluwe: “È difficile spiegare perché non è stato preso, ci siamo sentiti dire che era un buon giocatore, ma non era ancora superiore agli altri durante i provini. È stato da febbraio a maggio (2016) che è esploso. Forse era troppo tardi per la maggior parte dei club che avevano già completato i provini con il ragazzo. Siamo un club partner dell’ASSE, ovviamente avremmo voluto che si fosse unito al Saint-Etienne, ma non abbiamo alcun risentimento nei loro confronti o nei confronti dell’OL”. (tratto da actufoot.com)

Proprio nel momento della grande crescita di Lucas Da Cunha, gli osservatori del Rennes si sono trovati al posto giusto nel momento giusto e hanno subito deciso di acquistare il talentino di origini portoghesi.

Con il club rossonero Lucas Da Cunha ha continuato a migliorare, diventando un punto di forza della squadra Under 19, ottenendo numerose convocazioni con le nazionali giovanili francesi.

Caratteristiche tecniche e tattiche

Il tecnico Vincent Decaluwe, che lo conosce a memoria, descrive così Lucas Da Cunha: “Tecnicamente sa fare tutto. Per noi è stato il giocatore completo. Sa come mettere in evidenza tutte le sue qualità, ma con noi è stato anche molto altruista. E’ in grado di fare la differenza in qualsiasi momento, è anche capace di migliorare l’attitudine al lavoro, sacrificandosi per i suoi compagni. Fisicamente, potrebbe aver avuto un ritardo muscolare negli U13, ma si è evoluto atleticamente, il che gli ha permesso di esplodere in U15. L’ho visto progredire sull’aspetto difensivo, sapendo dove posizionarsi, diventando anche più aggressivo. Ha lavorato molto sul piano difensivo. Durante quest’ultimo anno, è stato in grado di migliorare ulteriormente e mostrare un ulteriore crescita sul piano mentale”.

Sempre il suo ex tecnico ricorda con molto piacere una super prestazione di Lucas contro contro l’OL Under 15, nonostante la sconfitta per 2 a 3 a Gerland: “Era stato straordinariamente individualista ma aveva migliorato in modo sensazionale il gioco della squadra. Ad un certo punto mi sono fermato di allenare per guardarlo; lui poteva provare qualsiasi gesto, gli è riuscito tutto. Io non lo paragono a Zidane, ma Lucas aveva avuto un peso nell’incontro come Zidane in Francia-Brasile ai Mondiali del 2006. Per non parlare del suo doppio passo con cui aveva fatto la differenza, aveva camminato sull’acqua. Quel giorno tutti abbiamo pensato che non ci fosse stata più alcuna disputa sul suo futuro”.

Lucas è un ragazzo tranquillo con una buona famiglia alle spalle: “Li incontriamo tutti i giorni. Il papà è un dirigente dell’RF42, che ci aiuta molto. Abbiamo mantenuto ottimi rapporti con loro. Quando è stato firmato il contratto da pro, hanno offerto un pranzo agli allenatori del club per mostrare il loro apprezzamento. Lucas è un ragazzo che ha strutture intellettuali, umiltà, è generoso e va d’accordo con tutti. Molti giocatori che entrano a far parte dei rispettivi club non lasciano la grande immagine che ha lasciato lui qui. ” (tratto da actufoot.com)

Lucas Da Cunha è un’ala preminentemente sinistra, anche se può adattarsi bene a deatra, dove ha la possibilità di accentrarsi ed andare al tiro con il suo piede forte, il mancino.

E’ veloce, abbastanza abile nell’uno contro, buon crossatore ed anche un discreto tiratore dalla distanza.

Può irrobustirsi un po’ fisicamente, ma soprattutto deve imparare ad usare con più dimestichezza il piede destro.

Tatticamente il suo ruolo è quello di esterno offensivo di un 4-3-3 o di un 4-2-3-1, ma può tranquillamente giocare da esterno di centrocampo di sinistra di un 4-4-2.

Analisi finale

Punti di forza: Tecnica, cross, progressione palla al piede, velocità, intelligenza tattica, capacità balistiche, personalità.
Punti di debolezza: Deve migliorare con il piede destro e rafforzarsi fisicamente
A chi assomiglia: Xherdan Shaqiri
Valutazione: 3,5/5

(Fonte foto: www.scoopnest.com)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *