Gabriel Pec: talento brasiliano classe 2001

INFORMAZIONI: Gabriel Pec

Nome: Gabriel Fortes Chaves
Ruolo: Ala destra, trequartista
Data di nascita: 11/02/2001
Altezza: 175 cm.
Piede: Sinistro

Gabriel Pec

Il Vasco de Gama continua a produrre incessantemente dei talenti molto interessanti e tra questi vi è indubbiamente Gabriel Pec, esordiente nella partita di Série A di una settimana fa contro l’Esporte Clube Bahia, l’ala destra classe 2001 ha messo in mostra immediatamente una spiccata personalità.

Pupillo del tecnico Vanderlei Luxemburgo, Gabriel si è particolarmente distinto per le sue giocate d’alta scuola nel settore giovanile del Vasco, dove è arrivato nel 2009.

Originario della città di Petrópolis (RJ), Gabriel Pec era stato individuato dagli osservatori del “Gigante da Colina”, quando segnava gol a grappoli nel Petrópolis Esporte Clube (a calcio indoor).

Successivamente ha un po’ subito il passaggio al Vasco (nel periodo tra l’U14 e l’U15), soprattutto a causa della sua corporatura più gracile rispetto ai compagni ma, questo momento di difficoltà, è stato superato con grande determinazione dal ragazzo che, nel 2017, ha firmato il primo contratto da professionista (poi esteso al 2024).

Eppure, anche i primi tempi al club “Cruzmaltino” non sono stati facili per il ragazzino che, per arrivare agli allenamenti, doveva percorrere sempre 120 km al giorno (in quel periodo studiava al Colégio Vasco da Gama).

“Vivo una grande emozione oggi. Lavoro dal mio arrivo al club per vivere questo momento. Oggi, grazie a Dio, sono stato in grado di firmare il mio primo contratto. Ora mi impegnerò ancora di più in allenamento e mi preparerò a regalare le future gioie al Vasco da Gama. Dedico questo contratto ai miei genitori per aver sempre creduto al mio sogno “, aveva dichiarato il giovane talento al sito del club nel momento della firma sul suo primo contratto da pro.

In questa stagione, dopo essersi messo particolarmente in evidenza con la squadra Under 20 del Vasco, con la quale ha messo a segno 7 reti in 32 partite, Gabriel è andato in gol e ha sfornato un assist nella partitella di allenamento di mercoledì scorso tra la prima squadra e la formazione U20.

Luxemburgo, colpito dall’ottimo stato di forma del ragazzo, non ci ha pensato due volte nel confermarlo tra “i grandi” ed impiegarlo nella parte finale del match di campionato del 7 settembre contro il Bahia.

“È un atleta che ha un’abilità tecnica e cognitiva molto al di sopra della media. È un atleta “diverso”. Mancino, ha senso del goal e sa essere un buon rifinitore. Ha molto potenziale per svolgere più di un ruolo in campo. Ha anche una capacità decisionale che va evidenziata. Vedo in lui la possibilità di essere un protagonista”, così lo descrive Bruno Almada, suo ex tecnico nelle giovanili del Vasco.

Caratteristiche tecniche e tattiche

Gabriel Pec è un esterno destro offensivo di piede mancino, rapido, molto tecnico, bravo nell’uno contro uno, che può spesso creare la superiorità numerica nel suo settore di competenza.

E’ un giocatore intelligente tatticamente, che sa anche applicarsi nella fase difensiva, non perdendo la lucidità nelle scelte quando si trova nella metà campo avversaria.

La sua classica azione prevede il “taglio” da destra verso il centro del campo, per poi andare alla conclusione con il sinistro.

Segue bene l’azione offensiva, facendosi spesso trovare smarcato e pronto nel momento della finalizzazione.

Dotato di una bella progressione palla al piede, è un esterno che ama avere la palla tra i piedi, ricevendola sulla trequarti avversaria per poi partire in accelerazione.

In possesso di un notevole tocco e controllo di palla e di buone capacità balistiche, Gabriel Pec è anche un ottimo crossatore.

Fisicamente ha bisogno di irrobustire ulteriormente la sua struttura corporea longilinea, in modo tale essere più competitivo nei duelli spalla a spalla.

E’ un giocatore vivace, intraprendente, dotato di una spiccata personalità, come dimostra il suo esordio tra i pro contro il Bahia.

Tatticamente il suo ruolo è quello di ala destra (a piede invertito) ma, in passato, ha anche agito sulla fascia opposta e da trequartista.

Analisi finale

Punti di forza: Tecnica, dribbling, progressione palla al piede, dinamismo, velocità, assist, capacità balistiche, visione di gioco, cross, personalità.
Punti di debolezza: Deve rafforzarsi fisicamente e migliorare il destro.
A chi assomiglia: Pedrinho
Valutazione: 3,5/5

(Fonte foto: vasconoticias.com.br)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *