Casper Widell: talento svedese classe 2003

INFORMAZIONI: Casper Widell

Nome: Casper Widell
Ruolo: Difensore centrale
Data di nascita: 05/05/2003
Altezza: 185 cm.
Piede: Destro

Casper Widell

L’Helsingborgs non ha avuto un buon inizio di stagione, avendo racimolato un solo punto (un pareggio contro l’Elfsborg nell’ultimo incontro) nelle prime 3 partite di Allsvenskan ma, il club può comunque consolarsi con le buone prove di alcuni interessanti talenti “lanciati” nella massima serie svedese dal tecnico Olof Mellberg.

Tra questi si è sicuramente messo in luce il centrale classe 2003 Casper Widell, nazionale svedese Under 17 e, in precedenza, capitano e leader della squadra Under 19 dell’Helsinborgs.

“Ho scoperto che avrei giocato quando sono arrivato allo stadio. Mi ero preparato come meglio potevo, come qualsiasi altra partita prima. Perchè se avessi dovuto giocare mi sarei fatto trovare pronto. Il solo fatto di iniziare dal primo minuto ha reso ancora più divertente”, ha affermato Casper dopo l’esordio che, purtroppo, non è stato bagnato da una vittoria (sconfitto dal Varberg). (tratto da fotbollskanalen.se)

Successivamente, Widell ha anche avuto l’opportunità di entrare in campo nel match contro Kalmar, subentrando ad un monumento del calcio scandinavo come l’ex Genoa Andreas Granqvist, capitano dell’Hensinborg (anche in questa occasione la sua squadra è stata nettamente sconfitta per 4 a 0).

Pur avendo ottenuto con la sua squadra un solo un punto nella prime tre giornate di campionato, le prestazioni di Widell sono state abbastanza buone, non patendo particolarmente la pressione dell’evento e palesando una spiccata personalità, aspetto da non sottovalutare considerando che il ragazzo è solamente un classe 2003.

Tutte le ore di lavoro sono valse la pena lo scorso inverno, o meglio il 22 gennaio, quando, a 16 anni, ha fatto il suo debutto nel contesto della squadra A in una partita amichevole. Casper, arrivato all’HIF dall’IK Wormo 2016 e, da quel momento, si è guadnato costantemente la fiducia dei tecnici dell’Academy del club rossoblu, come ad esempio Lars Dalsborg, che era tra i primi allenatori che aveva in HIF.

“Lars ha spinto sul alcuni aspetti che nessun altro ha osato fare ed è stato molto chiaro su ciò che voleva. Spesso ero stanco e maledivo gli allenamenti, ma quando ci ripenso sono molto felice per essere sviluppato migliorato molto”, ha dichiarato Widell qualche mese prima del suo esordio ufficiale tra “i grandi”.

Anche gli allenatori dell’U19 e dell’U17 Alvaro Santos e Max Lindén hanno significato molto per Casper: l’hanno modellato l’uomo e come giocatore di calcio, donandogli anche la fascia di capitano della squadra.

Oltre a Casper, la famiglia Widell è composta dalla madre, dal padre, dal fratello maggiore e dalla sorellina. Solo il fratello maggiore, Melker, ha avuto una grande influenza su Casper. Infatti, Melker ha un anno in più e gioca a calcio nella squadra U19 di Malmö FF, quindi c’è costantemente un derby interessante in famiglia. Casper è sempre stato più talentuoso del fratello, come dimostra il fatto che ai tempi dell’IK Wormo entrambi giocavano nella stessa squadra nonostante il difensore dell’HIF fosse più giovane. (tratto da hif.se)

Caratteristiche tecniche e tattiche

Casper Widell è da tempo uno dei migliori difensori svedesi a livello giovanile, come dimostrano le sue convocazioni con le diverse selezioni nazionali.

Dotato di una buona struttura fisica con i suoi 185 cm., sa anche impostare il gioco in maniere pulita e ordinata, giocando con la sicurezza di un veterano.

Abile nel gioco aereo (ha una buona elevazione), solido nella marcatura ed energico nel tackle, Widell ha senso dell’anticipo e si dimostra costantemente aggressivo (ma corretto) sull’uomo.

Non è molto veloce nei primi metri di corsa e può patire i giocatori dotati di una decisa accelerazione palla al piede.

Come già accennato, se la cava abbastanza bene in fase d’impostazione, dimostrandosi discretamente preciso sia nel gioco corto che lungo.

Talvolta deve essere più concentrato, soprattutto quando piovono traversoni dalle corsie esterne a perdere il contatto visivo con la punta avversaria peccando in senso della posizione.

Fisicamente longilineo, Casper può sicuramente rinforzare la struttura corporea con qualche muscolo in più, in modo da essere ancora più competitivo nei contrasti e nei duelli spalla a spalla.

Casper è uno stedente di economia, un ragazzo serie e introverso, che in campo dimostra sempre una una spiccata personalità, come dimostra la fascia di capitano al braccio con le squadre giovanili dell’Helsinborgs e con le selezioni del suo paese.

Tatticamente il suo ruolo è quello di centrale di destra di un reparto arretrato a 4.

Analisi finale

Punti di forza: Fisicità, tecnica, gioco aereo, marcatura, personalità, passaggi, senso dell’anticipo, tackle.
Punti di debolezza: Può ancora rafforzarsi fisicamente. Non molto rapido nei primi metri. Può migliorare nei posizionamenti difensivi.
A chi somiglia: José Luis Palomino
Valutazione: 3,5/5

(Fonte foto: Instagram)

(A cura di Massimiliano Palma e Alessio Croce)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *