Callum Hudson-Odoi: 2000 – Inghilterra

Nome: Callum James Hudson-Odoi
Ruolo: Trequartista, ala sinistra/destra
Data di nascita: 07/11/2000
Altezza: 182 cm
Piede: Destro

BIOGRAFIA

Callum Hudson-Odoi è uno dei tanti prodotti dell’Academy del Chelsea, quella che negli ultimi anni è riuscita ad assicurarsi due UEFA Youth League. I “Blues” stanno investendo molto sui giovani prospetti e i risultati iniziano a vedersi, anche se ben pochi riescono a rimanere stabilmente con la prima squadra e così vengono ceduti in prestito altrove.
Hudson-Odoi è riuscito “nell’impresa”, diversamente da molti altri suoi predecessori di talento, di esordire con “i grandi”, il 28 gennaio 2018, in occasione della partita di FA Cup contro il Newcastle United. Si è alzato dalla panchina all’81° minuto, sostituendo Pedro in una vittoria casalinga per 3-0. Il suo esordio in Premier League è arrivato come subentrante, il 31 gennaio in una sconfitta per 3-0 contro Bournemouth.
Il ragazzo era già da tempo seguito dal tecnico italiano Antonio Conte, che ne aveva apprezzato il rendimento con la squadra Under 19 del Chelsea e soprattutto con la nazionale Under 17 inglese, con la quale il talentino londinese si è dapprima piazzato secondo all’europeo (ha anche segnato un inutile gol in finale contro la Spagna) e poi è diventato campione del mondo lo scorso autunno in India (ha segnato un gol, ma soprattutto “sfornato” 2 assist nella finale).
Quest’anno Hudson-Odoi può già vantarsi di aver ottenuto un piccolo record stagionale, quello di aver già giocato in cinque diverse fasce d’età. Attualmente si divide tra prima squadra, partecipa alla UYL Under 19 e gioca in Premier League 2, dove ha siglato 6 gol (e un assist) in 8 partite.
Callum è stato anche portato con la prima squadra in Champions League, in occasione dell’ultimo match contro il Barcellona negli ottavi di finale, ma vista la posta in palio, Conte ha deciso di non impiegarlo. In quella occasione Hudson-Odoi si è perso la possibilità di giocare i quarti di finale di UYL contro il Real Madrid, ma i suoi coetanei hanno comunque centrato la semifinale.
Nato a Londra, nello specifico a Wandsworth, Hudson-Odoi è indubbiamente uno dei giovani dalle prospettive più brillanti del calcio inglese. In futuro potrebbe anche decidere di indossare la maglia della nazionale ghanese (come fa suo fratello, l’attaccante del Sutton United Bradley Hudson-Odoi), ma difficilmente la federazione dei “3 leoni” si lascerà sfuggire quello che da molti è considerato una sorta di “piccolo Hazard”.
Callum è entrato a far parte del Chelsea con la squadra Under 8, progredendo nel settore giovanile si è sempre distinto come uno dei migliori. La scorsa stagione con la formazione Under 18 dei Blues ha veramente impressionato tutti, segnando persino nella finale della FA Youth Cup contro il Manchester City, uno dei suoi otto gol in 25 presenze.
“Sono venuto qui agli Under-8 e così sono diventato un grande fan del Chelsea. Quando giochi per il club che sostieni è una sensazione enorme. Non riesci a crederci. In tutti questi anni sono stato seduto sugli spalti e guardavo giocatori come Didier Drogba e come sono cresciuti Eden Hazard e Willian, perché sono nelle posizioni in cui gioco e mi piacerebbe provare ad emularli. Ovviamente ho dovuto essere paziente perché sono ancora giovane, ma quando mi è stato concesso il debutto, è stato allora che ho capito che era il mio momento per scendere in campo, fare quello che so fare, avere un impatto e mostrare che sono pronto”.
In estate, Hudson-Odoi è stato cercato dal Benfica e dalla Juventus, mentre QPR e Bristol City lo hanno chiesto in prestito, ma alla fine il ragazzo ha deciso di rimanere al Chelsea.

CARATTERISTICHE TECNICHE E TATTICHE

Callum Hudson-Odoi è un trequartista in grado di giocare con grande profitto anche nella posizione di ala (meglio a sinistra), abile nell’uno contro, potente, esplosivo, dinamico ed in possesso di una notevole tecnica di base; quando parte palla al piede è veramente difficile da fermare. La sua accelerazione palla al piede gli permette spesso di lasciare sul posto i suoi dirimpettai, ha un cambio di passo eccezionale.
Sa muoversi bene anche senza palla, posizionandosi tra le linee, facendosi trovare al posto giusto nel momento della finalizzazione. E’ bravo sia nella fase di finalizzazione, sia in quella di assistenza; i suoi passaggi filtranti smarcano i suoi compagni in maniera puntuale e precisa.
Ha notevole forza fisica, resiste bene ai contrasti, è reattivo ed inoltre ha un buon tiro dalla media-lunga distanza. Caratterialmente non sembra patire le pressioni, tentando spesso le giocate più difficili anche nei momenti più delicati della partita.
Tatticamente può essere impiegato nel ruolo di trequartista di un 4-2-3-1, ma anche da ala sinistra di un 4-3-3, posizione che gli permette di accentrarsi ed andare al tiro con il suo piede migliore, il destro.

ANALISI FINALE

Punti di forza: Tecnica, velocità, dribbling, potenza, senso del gol.
Punti di debolezza: Talvolta deve accelerare i tempi della giocata.
A chi assomiglia: Eden Hazard
Valutazione: 4/5

(Fonte foto: www.football.london)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *