Antonio Marin: 2001 – Croazia

Nome: Antonio Marin
Ruolo: Trequartista, Ala sinistra/destra
Data di nascita: 09/01/2001
Altezza: 179 cm
Piede: Destro

BIOGRAFIA

Antonio Marin sembra avere un nome e cognome italiano, magari originario del nord est, ma purtroppo per le nostre nazionali, il ragazzo è nato qualche centinaia di chilometri più a est, a Zagabria ed è uno dei fiori all’occhiello del prestigioso vivaio della Dinamo.
Nato a Zagabria, Marin è entrato a far parte della Dinamo all’età di 8 anni, nel 2009, immediatamente, gli allenatori dell’Academy del principale club croato si sono resi conto che Antonio aveva delle qualità troppo importanti per giocare con i suoi pari età e per questo viene subito fatto giocare con i ragazzi più grandi di un anno. Un aspetto questo da non sottovalutare, in quanto nella storia della Dinamo Zagabria, solo altri tre giocatori sono stati utilizzati sotto età: l’ex interista e attualmente in forza al Real Madrid, Mateo Kovacic, il fantasista dello Sporting Gijon, ma di proprietà del Barcellona, Alen Halilovic ed il grande Robert Prosinecki.
Marin, fin dalle sue prime stagioni, mette in mostra tutta la sua classe, realizzando 11 reti sotto gli ordini del tecnico Dean Klafuric, diventando spesso capocannoniere nei vari tornei disputati con le varie squadre delle diverse categorie, pur non essendo una punta centrale.
Nel 2012 Antonio vince con la Dinamo la ”Lech Cup” in Polonia, giocando un torneo da protagonista e venendo premiato come miglior giocatore della manifestazione. La sua notevole prestazione, attira per la prima volta l’attenzione di alcuni dei principali club europei, in particolare: Barcellona, Borussia Dortmund, Manchester City e Chelsea, ai quali si sono aggiunti in seguito anche i principali team italiani. Nel 2013 diviene capocannoniere (12 gol) nella Basler Cup e miglior giocatore del Torneo ”Medimurec”.
Nel febbraio del 2015, Marin ha firmato il suo primo contratto/borsa di studio con la Dinamo e queste sono state le sue parole subito dopo aver messo nero su bianco: “Sono contento che ho ottenuto il contratto borsa di studio, sicuramente continuerò a lavorare duro e dare il massimo sul campo. Si tratta di una conferma del mio lavoro, sono nella Dinamo da sei anni, e, naturalmente, questo mi piace, è un momento importante che significa molto per me.” (tratto da gnkdinamo.hr)
Il suo agente, Miroslav Bicanic, ne ha parlato così a calciomercato.com un anno fa: “I più grandi club inglesi e italiani lo seguono già, sanno tutto su di lui, l’hanno osservato più volte. Ma è impossibile prenderlo nei prossimi due o tre anni, la Dinamo vuole tenerlo per poi venderlo a una cifra molto alta. Nel 2017 tutti lo potranno vedere all’Europeo Under 17, dove potrà confermare di essere un grande talento”.
Proprio nel corso dell’Europeo Under 17, giocato un anno sotto età, Marin ha disatteso le aspettative, non palesando il grande bagaglio tecnico che ha a sua disposizione, mostrando al contrario una certa indolenza che potrebbe frenarlo nello sviluppo della sua carriera.
Marin può rappresentare un’importante occasione di mercato, in quanto il suo contratto è in scadenza nel 2018 e può svincolarsi, stando ai parametri FIFA, per circa 200mila euro. Il suo agente è al lavoro per trovargli una nuova squadra e le offerte non mancano. Il Milan lo segue con molta attenzione, ma anche in Germania ci sono alcuni club interessati al ragazzo.

CARATTERISTICHE TECNICHE E TATTICHE

Antonio Marin è principalmente un’ala che è in grado di giocare indifferentemente su entrambe le corsie, ma anche al centro sa dare il suo buon contributo, svolgendo sia il ruolo di “finto nove”, sia quello di trequartista, una qualità questa della duttilità, che oltre alle grandi doti tecniche, l’ha fatto spesso accumunare all’altro grande ex talento della Dinamo, Alen Halilovic. Marin è un giocatore molto abile nell’uno contro uno, velocissimo, in possesso di notevoli doti balistiche e di un cross quasi sempre ben calibrato. E’ un giocatore completo, in quanto abbina alla spiccata tecnica di base (la palla è sempre “incollata” ai suoi piedi), anche una buona fisicità ed in più, pur essendo un destro naturale, sa anche usare il piede mancino. Può migliorare in fase di copertura, una carenza questa, molto spesso presente nei giocatori balcanici, indolenti e poco propensi al sacrificio. Nella sua carriera nazionale ed internazionale (fa parte delle nazionali giovanili croate da quando aveva 14 anni), Marin ha sempre messo a segno un buon numero di reti, palesando un buon senso del gol e sfruttando la possibilità di calciare indifferentemente con entrambi i piedi, anche se il suo piede “forte” è il destro. Il suo stile di gioco prevede anche la capacità di venire a prendere la palla sulla trequarti e giocare spalla alla porta con una discreta capacità, avendo una struttura fisica già considerevole per l’età, che gli permette di difendere molto bene la sfera anche dal pressing aggressivo degli avversari.
Dal punto di vista caratteriale deve assolutamente crescere, deve partecipare di più all’azione, prendendosi meno pause durante la partita, cercando di dare un maggiore aiuto in fase difensiva. In sostanza deve imparare a lottare; in certe circostanze, soprattutto nel corso dell’ultimo europeo di categoria, è risultato apatico e poco concreto.
Tatticamente può svolgere tutti i ruoli di un tridente offensivo, essendo un giocatore che ama svariare molto, probabilmente in futuro potrebbe essere impiegato con maggiore continuità sulle fasce, dove può mettere meglio a frutto la sua tecnica in corsa ed il suo cambio di passo. Il 4-3-3 ed il 4-2-3-1 sono i moduli che si adattano perfettamente al suo stile di gioco. Per caratteristiche fisiche, tecniche e tattiche, Antonio Marin può essere paragonato, con le dovute proporzioni, al nazionale serbo Mijat Gacinovic.

ANALISI FINALE

Punti di forza: Forza fisica, velocità, abilità nell’uno contro uno, dribbling
Punti di debolezza: Talvolta troppo individualista e poco determinato.
A chi assomiglia: Mijat Gacinovic
Valutazione: 3/5

(Fonte foto: www.sportske.jutarnji.hr)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *