Anicet Grieco: talento italiano classe 2005

INFORMAZIONI: Anicet Grieco

Nome: Anicet Grieco
Ruolo: Difensore centrale, terzino destro
Data di nascita: 26/01/2005
Altezza: 182 cm.
Piede: Destro

Anicet Grieco

Anicet Grieco è sicuramente uno dei principali punti di forza dell’Under 15 interista guidata dal tecnico Paolo Annoni, oltre ad essere un punto fermo della nazionale italiana Under 15 del C.T. Patrizia Panico.

Grieco è stato protagonista di una grande stagione (almeno fino allo stop dovuto alla pandemia), è stato decisivo nel difendere la porta di Alessandro Calligaris (altro nazionale U15), perforata solo 11 volte in 20 gare e ha anche avuto l’opportunità di esordire da sotto età con la formazione Under 16.

Nato a Kinshasa in Congo il 26 gennaio del 2005, Anicet ha vissuto i primi anni della sua vita in Africa, prima che una famiglia italiana lo adottasse per regalargli una vita migliore.

Ha iniziato ad amare il calcio all’età di 6 anni quando, accompagnato dalla madre, ha iniziato a dare i primi calci ad un pallone in oratorio. La passione per il calcio è aumentata sempre più, ha comprato i suoi primi palloni per andare a giocare anche al parco, allenandosi anche da solo e migliorando giorno dopo giorno.

Giocando delle partitelle al parco, Grieco ha fatto nuove amicizie che si sono aggiunte a quella con Daniel Fois (di un anno più piccolo), altro ragazzo congolese dell’Inter con cui Anicet aveva legato da bambino quando era ancora in Africa, vivendo entrambi nell’albergo nel periodo di attesa dell’adozione (le famiglie che hanno adottato Anicet e Daniel si conoscono dai tempi del Congo).

Quando è arrivato in Italia, Anicet parlava solo francese ma, con grande intelligenza ed abnegazione, ha imparato presto l’italiano, facendo tante amicizie ed integrandosi rapidamente nel nuovo contesto sociale e famigliare.

Fino ad un paio di anni fa, Grieco veniva impiegato nel ruolo di esterno offensivo, ma nelle ultime stagioni ha trovato la sua definitiva dimensione tattica giocando nel pacchetto arretrato.

“E’ un ragazzo con tanti margini di miglioramento dal punto di vista sportivo ma prima di tutto è una persona eccezionale. E’ sempre sorridente e disponibile con gli altri ed inoltre in allenamento e partita dà sempre il massimo. Gli fa onore questo. Al di là degli enormi margini di miglioramento, può fare strada e può arrivare lontano”, queste sono state le parole del suo ex tecnico all’Under 14 Cristian Chivu al canale Youtube del club nerazzurro.

Naturalmente, come tutti i giovani calciatori, Anicet ha il sogno di esordire con la prima squadra oltreché giocare con la nazionale maggiore italiana.

Caratteristiche tecniche e tattiche

Anicet Grieco è un difensore centrale forte fisicamente e veloce, qualità che gli permettono di giocare con profitto anche da terzino destro.

Bravo in marcatura, in possesso di un buon senso dell’anticipo e di attente letture difensive, è un giocatore energico nel tackle, grintoso e che sa farsi valere anche nel gioco aereo.

Anche quando sbaglia un anticipo, può facilmente riprendere il suo avversario sfruttando la sua potente accelerazione.

Molto difficile da superare nell’uno contro uno, essendo rapido e ben strutturato fisicamente, Anicet è un difensore estremamente affidabile che, anche in fase d’impostazione dimostra di essere discretamente tecnico.

Ha dimostrato di saper svolgere delle buone marcature preventive anche se, in certe occasioni risulta essere un po’ irruento. Pur essendo di piede destro, Grieco si disimpegna sufficientemente bene anche con il sinistro (ma può migliorare), una qualità che lo rende molto più disinvolto in fase d’impostazione.

Fisicamente già abbastanza strutturato (ma ha ulteriori margini di crescita), Anicet sembra già superare i 180 cm.

Ha una forte personalità, è un giocatore attivo, attento che non sembra patire particolarmente le pressioni esterne.

Tatticamente può giocare da difensore centrale di destra di una linea difensiva a 4 come anche in un reparto arretrato a 3 ed inoltre, può adattarsi a giocare nel ruolo di terzino destro.

Analisi finale

Punti di forza: Velocità, fisicità, senso dell’anticipo, marcatura, gioco aereo, tecnica, tackle, personalità, accelerazione.
Punti di debolezza: Ha ancora ulteriori margini di crescita a livello fisico e può essere meno irruento in certe occasioni.
A chi somiglia:  Dayot Upamecano
Valutazione: 3,5/5

(Fonte foto: Instagram)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *