Alexandru Pantea: talento rumeno classe 2003

INFORMAZIONI: Alexandru Pantea

Nome: Alexandru Grigoraş Pantea
Ruolo: Terzino destro/sinistro
Data di nascita: 11/09/2003
Altezza: 172 cm.
Piede: Entrambi

Alexandru Pantea

La Steaua Bucarest ha iniziato la stagione con una rosa giovanissima, nella quale figurano molti talenti Under 19 e Under 17. Infatti, oltre al 2003 Adrian Nita e al mediano classe 2002 Ovidiu Perianu, si sta ritagliando il suo spazio in prima squadra in terzino “ambifascia” classe 2003 Alexandru Pantea. Quest’ultimo ha debuttato in Liga 1 il 21 giugno scorso e, da quel momento, tra campionato e coppa nazionale, è riuscito a totalizzare 6 presenze.

Il ragazzo che aveva rimpiazzato il giorno del debutto l’infortunato Bogdan Vintila, ha così descritto la sua prima esperienza tra i pro: “Sono contento della decisione del Mister di farmi scendere in campo alla mia età. Sono felice, nell’ultima partita con il Craiova facevo il raccattapalle, mentre in questa partita ero nell’undici di partenza. Un momento indescrivibile! Ho 16 anni e 8 mesi, ho battuto un record. Mi alleno tutti i giorni, sono felice, ho il piacere di giocare a calcio”. (tratto da digisport.ro)

Alexandru Pantea è infatti diventato il primo calciatore nato nel 2003 a giocare in Lega 1. Oltre ad essere nazionale Under 17 rumeno, Pantea è un prodotto al 100% del settore giovanile rossoblu, è il classico “local boy” nato nella città di Bucarest e tifoso della squadra per cui gioca.

Il suo esordio in prima squadra è stato commentato anche dal selezionatore della nazionale Mirel Radoi: “È un terzino destro, ma è stato usato a sinistra. È un giocatore che, al momento, ha un futuro brillante. Dipende solo da lui e dai fattori che lo circondano. Qui intendo l’allenatore, ma anche la direzione del club. Per lui, la pressione potrebbe essere troppo grande. L’FCSB deve intervenire ed essere molto chiara su ciò che vogliono da lui. È l’età in cui non può permettersi di giocare tutte le partite, non importa quanto sia talentuoso, biologicamente non può continuare a questo ritmo”, ha dichiarato Mirel Rădoi, al sito ProX, dopo la sconfitta dello Steaua per 3 a 2 contro l’Astra, match successivo al debutto nel quale il ragazzo è rimasto in panchina, ma la stampa nazionale avrebbe voluto vederlo ancora in campo.

Caratteristiche tecniche e tattiche

Alexandru Pantea è un terzino destro che nella prima squadra della Steaua Bucarest, nel giorno del suo esordio, è stato impiegato con profitto a sinistra in virtù della sua abilità nel giocare con entrambi i piedi.

Successivamente, il ragazzo è stato riproposto a destra, riuscendo comunque a dare il suo ottimo contributo, distinguendosi per un’attenta e aggressiva fase difensiva e per una buona qualità nel palleggio.

Sulla fascia destra ha subito trovato un buon feeling con l’altro talento classe 2003 Adrian Nita; i due ragazzini rumeni si sono spesso scambiati la palla e sono riusciti anche a creare qualche pericolo alle retroguardie avversarie.

Rapido, ha un buon controllo della sfera, sa disimpegnarsi bene sia negli spazi stretti che larghi, oltre ad essere efficace nel cross (ha anche un buon lancio).

Talvolta, spinto dall’ardore agonistico, tende ad andare a pressare l’avversario molto alto creando dei pericolosi spazi alle sue spalle. Inoltre, non è molto alto, è questo può penalizzarlo nell’esecuzione delle diagonali difensive quando deve marcare un avversario più prestante di lui.

Fisicamente brevilineo, Alexandru può ulteriormente rinforzare la sua struttura corporea in modo da essere più performante nei contrasti e nei duelli spalla a spalla.

Nelle sue prime esperienze tra i professionisti, Pantea si è dimostrato molto disciplinato tatticamente, non ha voluto strafare, palesando maturità, abnegazione ed intelligenza tattica.

Tatticamente versatile, può giocare sia nel ruolo di terzino destro che sinistro.

Analisi finale

Punti di forza: Tecnica, versatilità, rapidità, cross, senso della posizione, personalità, accelerazione, versatilità, lanci lunghi.
Punti di debolezza: Non è molto alto. Può perfezionare il pressing sull’avversario ed essere più intraprendente in fase offensiva.
A chi somiglia: Santiago Arias
Valutazione: 3/5

(Fonte foto: Instagram)

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *