Adam Idah: 2001 – Repubblica d’Irlanda

Nome: Adam Idah
Ruolo: Punta centrale
Data di nascita: 11/02/2001
Altezza: 188 cm
Piede: Destro

BIOGRAFIA

Se l’Irlanda ha centrato la qualificazione all’europeo Under 17, che si disputerà dal 4 maggio in Inghilterra, molto lo deve alla grande vena realizzativa del suo centravanti, Adam Idah, autore di ben 8 reti in 10 presenze e capocannoniere della fase élite.
Nativo di Cork, ma di origini nigeriane, Cork ha iniziato a giocare a calcio nel College Corinthians FC, con sede proprio nella sua città natale, club dove è rimasto fino all’estate scorsa. Da luglio, infatti, Adam è diventato un giocatore del Norwich City; con i “Canarini” si è rapidamente imposto, segando 4 reti con la squadra Under 18 e mettendosi in luce agli occhi del selezionatore dell’Under 17 irlandese Colin O’Brien, che lo ha sempre schierato al centro del proprio attacco.
“Stabilirmi a Norwich ho pensato fosse abbastanza facile, perché così non sarei andato avanti e indietro con gli Under 15 e Under 16. Facendo così ho anticipato di 2 anni il mio effettivo trasferimento. Questo mi ha aiutato molto e mi ha permesso di ottenere risultati migliori.” (tratto da punditarena.com)
Questa stagione è stata molto significativa per Idah, che oltre ad aver firmato per il Norwich, ottenuto la qualificazione all’europeo di categoria ed aver ben figurato in FA Youth Cup (memorabile la tripletta a dicembre contro il Barnsley), ha anche firmato un accordo di sponsorizzazione con l’Adidas. “Sì, è stato davvero speciale. Un marchio così grande come quello per il qualeho firmato, è fantastico. Il fatto che loro mi stiano seguendo è una grande cosa. ”
I progressi del ragazzo non sono sfuggiti ad alcuni dei principali club inglesi, in particolare (secondo il sito calciomercato.com) il Manchester United di Mourinho ha puntato forte su di lui, rivedendo nel giovane irlandese un giocatore dalle qualità simili a Zlatan Ibrahimovic.
Per voce proprio di Idah, l’Irlanda Under 17 vuole puntare alla vittoria dell’europeo di categoria, in virtù del grande exploit nella fase di qualificazione (hanno vinto tutte le partite avendo il miglior attacco e la migliore difesa) e anche del grande affiatamento che c’è in squadra. Infatti, per gran parte la rosa è la stessa che aveva formato negli anni passati il gruppo dell’Under 15, inoltre, alcuni elementi provengono proprio da Cork, come: Alan Browne, Conor Hourihane, Kevin Long e David Meyler.
“Quest’anno, ad essere onesti, penso che abbiamo la possibilità di andare fino in fondo. Abbiamo ottime possibilità di vincere il torneo. Sono davvero contento di me stesso, ma se non fosse per la mia squadra non sarei mai stato in grado di ottenere tutto questo. Io finalizzo il lavoro che fanno tutti e ne sono davvero felice. ”
Idah ha notato come negli ultimi anni il calcio giovanile irlandese sia molto migliorato, puntando più sulla qualità tecnica rispetto alla ricerca continua della fisicità: “Ad essere onesti, penso che la gente sottovaluti il nostro livello giovanile. Partecipando alle diverse competizioni penso che le squadre avversarie restino sorprese della nostra qualità. Abbiamo molti giovani giocatori di qualità, penso che il fatto che molti di loro giochino in Inghilterra, ci aiuti e questo faccia la differenza. Presto vedremo grandi squadre nazionali in Irlanda. Ciò che sorprende di più le altre squadre è che oggi non lavoriamo molto sulle palle lunghe, ci concentriamo di più sul mantenere la palla e con i giocatori che abbiamo non abbiamo alcun problema nel farlo. Ora a livello giovanile stiamo iniziando a farlo più”. (tratto da punditarena.com)
In questa stagione Idah non ha avuto la possibilità di esordire con la prima squadra, nonostante molti addetti ai lavori già avevano ipotizzato per lui un precoce esordio in Championship.

CARATTERISTICHE TECNICHE E TATTICHE

Adam Idah è una punta centrale molto forte fisicamente, abile nel gioco aereo con i suoi 190 cm e brava nel gioco di sponda. Ha un buon senso del gol, sa spesso farsi trovare al posto giusto nel momento giusto, riuscendo ad anticipare con decisione i suoi marcatori, dimostrandosi un vero “opportunista” degli ultimi 16 metri.
Tecnicamente discreto, non è neanche così lento e impacciato considerando la mole imponente. Talvolta lo si può vedere effettuare delle giocate di qualità in piena corsa, che normalmente poco si addicono a dei giocatori longilinei come lui. Pur essendo di piede destro, sa però disimpegnarsi abbastanza bene con il mancino, risultando così meno prevedibile per i difensori avversari.
Non è un giocatore statico, ma ama partecipare alla manovra, favorendo gli inserimenti dei centrocampisti.
Fisicamente fa la differenza, pochi difensori della sua fascia d’età sono in grado di reggere un duello corpo a corpo con lui.
E’ in possesso di una forte personalità, è un ragazzo maturo e questo lo si nota anche in campo, in base alle scelte che compie nell’arco dei 90 minuti.
Tatticamente può rendere bene al centro di un tridente, dove ha la possibilità di finalizzare maggiormente i cross provenienti dalle corsie esterne, ma può adattarsi con disinvoltura anche ad un 4-4-2, magari affiancato da una punta brevilinea più rapida e tecnica di lui.

ANALISI FINALE

Punti di forza: Senso del gol, gioco aereo, forza fisica, gioco di sponda.
Punti di debolezza: Può migliorare tecnicamente, pur non essendo privo di questo fondamentale.
A chi assomiglia: Christian Benteke
Valutazione: 3,5/5

(Fonte foto: www.canaries.co.uk)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *