Adam Hrdina: talento slovacco classe 2004

INFORMAZIONI: Adam Hrdina

Nome: Adam Hrdina
Ruolo: Portiere
Data di nascita: 12/02/2004
Altezza: 188 cm.

Adam Hrdina

Negli ultimi anni si è particolarmente distinta la scuola dei portieri polacca, ma anche altri paesi dell’Est Europa stanno sfornando degli estremi difensori veramente promettenti.

In precedenza abbiamo segnalato un paio di prospetti cechi molto interessanti (in particolar modo Hruby), mentre oggi ci soffermeremo su un Adam Hrdina che insieme a Michal Lukac rappresenta il meglio nel ruolo in Slovacchia a livello giovanile.

Adam, talento classe 2004 dello Slovan Bratislava, è sempre cresciuto con la passione per il calcio, essendo il figlio di Miroslav Hrdina ex preparatore dei portieri dell’Academy dello Slovan e attualmente inserito nello staff della prima squadra.

Adam ha iniziato a giocare nel settore giovanile del Nitra, dove è rimasto fino alla squadra Under 14 inoltre, prima di entrare a far parte dello Slovan Bratislava (ha frequentato la Brankárska akadémia – Mesároš & Dobiáš), club che gli ha permesso di mettersi in mostra e di entrare nel giro delle selezioni nazionali slovacche (ha veramente ben figurato con l’Under 16).

Caratteristiche tecniche e tattiche

Adam Hrdina è un portiere che colpisce immediatamente per la sua struttura fisica considerevole (sembra sfiorare i 190 cm.) abbinata ad una grande reattività (è anche un discreto pararigori).

Ha un grande senso della posizione che gli consente di effettuare degli interventi efficaci e mai troppo spettacolari.

Agile, coraggioso, concentrato, molto bravo nelle parate basse, quando si fionda verso l’attaccante avversario spalancando le braccia e coprendo il più ampio spazio possibile (in stile Neuer).

Non di rado respinge i tiri con i piedi, ma non lo fa per pigrizia o per vezzo, ma facendo sempre la scelta più giusta. Performante nelle uscite alte dove sfrutta tutta la sua altezza, Hrdina può migliorare nel gioco con i piedi. Infatti, soprattutto quando subisce un accenno di pressione da parte degli avversari, tende a spazzare la palla in modo alquanto casuale.

Analisi finale

Punti di forza: Tecnica, uscite basse, fisicità, coraggio, personalità, senso della posizione, uscite alte, reattività, uno contro uno, pararigori.
Punti di debolezza: Può migliorare il gioco con i piedi e perfezionare la presa.
A chi somiglia: Dean Henderson
Valutazione: 3/5

(Fonte foto: Instagram)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *