Néstor: talento spagnolo classe 2003

INFORMAZIONI: Néstor

Nome: Néstor Lucas Rey
Ruolo: Mediano/regista
Data di nascita: 05/01/2003
Altezza: 174 cm
Piede: Destro

Néstor

Néstor Lucas Rey, più semplicemente Néstor, è uno dei talenti più interessanti de “La Fábrica” del Real Madrid: mediano di grandi qualità tecniche e nazionale Under 16 spagnolo (4 presenze per lui), è stato capitano della formazione Cadete A nella passata stagione.

In forza quest’anno alla Juvenil C, Néstor è già noto agli attenti osservatori del calcio giovanile internazionale, in quanto alcune sue belle prestazioni sono state pubblicate su Youtube, in particolare quelle nella Liga Promises in Colombia, quando il centrocampista era ancora bambino.

Nato a Toledo il 5 gennaio del 2003, Néstor ha iniziato a giocare a calcio giovanissimo nel Recas, dove è rimasto fino al 2011, per poi trasferirsi un anno all’Illescas e venire ingaggiato dal Real Madrid nel 2012. I “Blancos” hanno subito inserito Néstor nella categoria Benjamín A.

Caratteristiche tecniche e tattiche

“Centrocampista di alta qualità e molto dinamico, con un tiro eccellente da tutte le distanze. Sa incanalare il gioco ed è sempre nel vivo della manovra. Polivalente e partecipativo in tutte le azioni, si distingue anche per i suoi aiuti difensivi”, è la descrizione che fa di Néstor il sito del Real Madrid.

Néstor è un mediano molto intelligente tatticamente, che sa svolgere perfettamente entrambe le fasi, smarcandosi e distribuendo il gioco con grande sapienza tattica.

Abile negli spazi stretti, anche quando è pressato in modo serrato dagli avversari, con la sua buona tecnica di base riesce sempre ad uscire vincitore dalle situazioni più complicate.

E’ mobile, elegante nelle movenze, recupera sempre un buon numero di palloni durante la partita, facendo poi ripartire l’azione con precisione, alternando passaggi lunghi e corti.

Molto pericoloso dalla media-lunga distanza, Néstor è spesso al posto giusto nel momento giusto, coprendo una grossa fetta di campo.

Fisicamente normolineo, può ulteriormente rafforzarsi fisicamente, in modo tale da essere più competitivo nei duelli spalla a spalla.

E’ indubbiamente un leader delle squadre dove gioca e, non a caso è stato spesso capitano, essendo una guida della squadra e un giocatore che non ha mai paura di tentare la giocata difficile.

Tatticamente il suo ruolo è quello di vertice basso in un 4-3-3.

Analisi finale

Punti di forza: Tecnica, visione di gioco, recupero palla, lanci, capacità balistiche, personalità, intelligenza tattica.
Punti di debolezza: Deve rafforzarsi fisicamente.
A chi assomiglia: Xabi Alonso
Valutazione: 3,5/5

(Fonte foto: www.realmadrid.com)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *