Daniel Cabral: talento brasiliano classe 2002

INFORMAZIONI: Daniel Cabral

Nome: Daniel Cabral De Oliveira
Ruolo: Mediano
Data di nascita: 15/05/2002
Altezza: 175 cm
Piede: Destro

Daniel Cabral

Daniel Cabral De Oliveira, più semplicemente chiamato Daniel, è il perno centrale del gioco della nazionale Under 17 brasiliana che sta partecipando in questi giorni al Torneo Sudamericano SUB 17 in Perù.

Il tecnico della selezione verdeoro, Guilherme Dalla Déa, lo impiega costantemente nel suo ruolo preferito, che è quello di mediano davanti alla difesa ma, nel corso dell’ultima partita contro l’Uruguay, verso la fine del match, il ragazzo si è adattato a giocare anche da mezzala destra, in quanto la sua posizione nello scacchiere tattico era stata presa dal neo entrato Fabinho.

Nato a Mesquita, nella Baixada Fluminense, Daniel è entrato a far parte del settore giovanile del Flamengo all’età di 7 anni, quando ancora giocava a futsal. Precedentemente ha giocato nel Tênis Clube Mesquita, ha partecipato al torneo Rio Futsal con il piccolo club del Cascadura, che ha sempre creato squadre competitive per affrontare i grandi team di Rio de Janeiro. Venendo notato in proprio in questa competizione, Daniel è stato subito invitato a far parte del vivaio “rubro-negro”.

Il giovane talento, durante il pur breve percorso professionale, ha visto crescere notevolmente la sua reputazione e il suo prestigio, venendo convocato, praticamente sempre, in Under 15 e successivamente in Under 17.

Con entrambe le selezioni brasiliane, il talento carioca ha partecipato ai tornei continentali di categoria e, con la SUB15, è stato anche vicecampione del Sudamerica.

La scorsa stagione, il talentino brasiliano ha pure preso parte all’importante torneo francese, Mondial de Montaigu, una manifestazione dedicata alle migliori nazionali Under 16 del mondo.

Con il suo club di appartenenza, Daniel ha vinto molti trofei: campionati statali Sub-15 e Sub-17, la BH Cup, la Copa 2 de Julho e il Torneo Internazionale di Dubai, in queste ultime due competizioni è stato anche nominato miglior giocatore.

Proprio dopo la vittoria del prestigioso torneo nel paese arabo (il Flamengo ha battuto in finale il Real Madrid), Daniel ha firmato un nuovo contratto con il club di Rio de Janeiro (scadenza 2021).

“Sono molto felice di prolungare nuovamente il rapporto con il Flamengo. Senza dubbio è un momento speciale che inizia nella mia carriera. Ho sempre sognato di indossare la maglia rossonera, e firmare questo contratto da professionista con la mia squadra preferita, dimostra che il mio lavoro è stato riconosciuto e molto ben svolto fin dalla scuola calcio. So che è l’inizio di una nuova sfida, e spero di continuare a dimostrare ogni giorno di essere in grado di dare tante gioie ai tifosi del Flamengo. Ringrazio la mia famiglia, che è la base di tutto nella mia vita, e l’intero consiglio direttivo del Flamengo, che mi ha sempre accolto con grande affetto e mi guida ogni giorno in modo continuo per migliorami, sia dentro che fuori dal campo”, ha dichiarato Daniel Cabral al sito del club.

Caratteristiche tecniche e tattiche

Daniel Cabral è un mediano (o volante, come viene definito il ruolo in Sud America) dotato di una buona tecnica di base, di una visione di gioco periferica e di straordinarie capacità balistiche, che gli consentono di essere pericoloso con tiri dalla lunga distanza, oltreché su calcio piazzato.

Giocatore molto pragmatico, intelligente tatticamente, che sa distribuire il gioco con grande sapienza, alternando precisi passaggi corti a lunghi lanci filtranti altrettanto accurati.

Ha una notevole facilità di calcio e ciò gli permette di effettuare continui cambi di gioco, che favoriscono notevolmente lo sviluppo della manovra della sua squadra.

Dotato di una velocità più che sufficiente per il ruolo che occupa (non è di certo lento), Daniel sa farsi valere in entrambe le fasi, risultando un centrocampista abbastanza completo.

Ama indietreggiare di qualche metro e ricevere la palla direttamente dai difensori, smarcandosi continuamente, palesando una spiccata personalità.

Fisicamente dotato di una discreta struttura, che potrà rinforzare ulteriormente nei prossimi anni, sa farsi valere nei duelli spalla a spalla, vincendo spesso i contrasti e mettendo il gioco anche una “sana” grinta.

Tatticamente può agire da vertice basso di un 4-3-3, ma anche in un 4-2-3-1, magari affiancato da un collega di reparto più dinamico e offensivo.

Analisi finale

Punti di forza: Capacità balistiche, senso della posizione, tecnica, tackle, intelligenza tattica, personalità, visione di gioco, passaggi, calci piazzati.
Punti di debolezza: Può migliorare il sinistro.
A chi assomiglia: Rúben Neves
Valutazione: 3,5/5

(Fonte foto: colunadoflamengo.com)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *