Álvaro Carrillo: talento spagnolo classe 2002

INFORMAZIONI: Álvaro Carrillo

Nome: Álvaro Carrillo Alacid
Ruolo: Difensore centrale
Data di nascita: 06/04/2002
Altezza: 181 cm
Piede: Destro

Álvaro Carrillo

Álvaro Carrillo è stato il migliore difensore centrale della Spagna Under 17, battuta in semifinale dalla forte e solida Olanda del super bomber Brobbey.

Proprio il poderoso centravanti “oranje” ha spesso incrociato la strada con Alvaro, il quale è riuscito a contenere lo strapotere fisico della punta classe 2002 dell’Ajax.

Purtroppo per gli iberici, un’invenzione di Taabouni ha permesso agli olandesi di accedere alla finale, ma negli occhi resta l’ottima prestazione del difensore centrale del Real Madrid.

Nato a Murcia il 6 aprile del 2002, Álvaro (così semplicemente chiamato in Spagna) ha iniziato a giocare a calcio nel Barnés dove è stato dal 2007 fino al 2014, successivamente è passato alla Real Murcia nella stagione 2014-15 e, inoltre, è stato convocato dalla selezione Murciana dalle categorie Benjamín a Infantil.

Al termine del 2015 entra a far parte de “La Fábrica” del Real Madrid, dove si mette subito in evidenza per la buona fisicità applicata alla tecnica, diventando un punto fermo della selezione Under 17 iberica allenata da David Gordo, con la quale collezione ben 17 presenze.

Il sito del Real Madrid lo descrive così: “Difensore molto potente nel tackle e con un eccellente gioco aereo. Giocatore dotato di una buona struttura fisica che dà sicurezza nelle azioni con la grande qualità che evidenzia sia nei passaggi lunghi che corti. Inoltre, sa anche uscire palla al piede dalle retrovie”.

Caratteristiche tecniche e tattiche

Effettivamente, Álvaro Carrillo è un difensore centrale dotato di un’ottima tecnica di base, in grado di impostare il gioco dalla difesa con grande precisione e qualità, fungendo talvolta da playmaker arretrato.

Molte volte esce palla al piede dalla propria area di rigore (anche rischiando troppo), palesando una grande sicurezza nei propri mezzi.

Bravo sia nei passaggi lunghi che corti, se la cava abbastanza bene nel gioco aereo, pur essendo alto poco più di un metro e ottanta.

E’ un difensore grintoso, dotato di una forte personalità (certe volte anche un po’ troppo polemico); nel pacchetto arretrato della Spagna Under 17 era indubbiamente il leader.

Bravo nell’anticipo, sa leggere qualche secondo prima dove può scaturire il pericolo, inoltre, non è neanche così lento e riesce a contenere con discreta disinvoltura anche gli attaccanti più rapidi.

Fisicamente ha bisogno di irrobustire la sua struttura corporea, in modo tale da essere più competitivo nei duelli spalla a spalla quando arriverà tra i professionisti.

Tatticamente il suo ruolo è quello di centrale di destra di una difesa a 4 ma, nella Spagna Under 17, ha giocato anche a sinistra.

Analisi finale

Punti di forza: Tecnica, personalità, passaggi, gioco aereo, intelligenza tattica, tackle.
Punti di debolezza: Deve rafforzarsi fisicamente.
A chi assomiglia: Jorge Meré
Valutazione: 3,5/5

(Fonte foto: www.ffrm.es )

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *