Paul Glatzel: talento inglese classe 2001

INFORMAZIONI: Paul Glatzel

Nome: Paul Glatzel
Ruolo: Punta centrale
Data di nascita: 20/02/2001
Altezza: 182 cm
Piede: Sinistro

Paul Glatzel

Paul Glatzel, centravanti della squadra e capitano dell’Under 18 del Liverpool, ha avuto un inizio di stagione straordinario, mettendo a segno 6 reti in 4 presenze.

Indimenticabile è stata, lo scorso agosto, la sua tripletta contro il West Bromwich, con successivi elogi in pubblico del tecnico Barry Lewtas.

Inoltre, Glatzel ha avuto anche la possibilità di giocare il primo match di UEFA Youth League contro il PSG. La sua prestazione è stata molto buona, anche se poco fortunata in fase di finalizzazione.

Nato a Liverpool da genitori tedeschi, Glatzel è entrato a far parte dei “Reds” prima del suo decimo compleanno e, da quando è arrivato, è migliorato notevolmente nelle diverse squadre giovanili del Liverpool.

È stato promosso regolarmente nella squadra degli Under 18 all’inizio della scorsa stagione, ma una serie di infortuni hanno ostacolato i suoi progressi durante la gestione di Steven Gerrard.

Questo ha limitato Glatzel a due sole apparizioni dal primo minuto con i giovani U18, insieme ad altre sette apparizioni come subentrante e 2 brevi comparsate in UYL.

Al suo primo gettone di presenza sotto gli ordini di Gerrard, il Liverpudlian (nativo di Liverpool) è stato schierato al fianco di Elijah Dixon-Bonner, nel ruolo di centrocampista centrale, sostituendo Tagseth come il più avanzato della coppia, da numero 10.

Come già detto, in questa stagione Paul Glatzel ha avuto un ulteriore picco nel suo rendimento avendo pienamente recuperato dall’infortunio ed usufruito del concomitante infortunio di Rhian Brewster.

Tim Lees, suo ex tecnico delle giovanili, lo descrive così: “Paul è un talento d’élite; è brillante nell’uno contro uno soprattutto con il difensore alle spalle, ha un movimento così intelligente da arrivare negli spazi e segna ogni tipo di gol”, ha dichiarato entusiasta l’allenatore, che ha proseguito. “Era molto piccolo di statura quando era più giovane, ma la sua intelligenza, con e senza la palla, gli dava sempre un vantaggio sugli avversari. Ciò che lo ha reso diverso è stata la sua mentalità. Aveva un atteggiamento contagioso nei confronti del match, diventando un trascinatore per gli altri; non saltava mai un allenamento, prendeva spesso dei colpi ma non si lamentava mai di nulla, era incredibilmente motivato e stimolava gli altri. Fuori dal campo si è sempre dedicato alla scuola, imparando varie lingue. Paul proviene da una grande famiglia.” (tratto da thisisanfield.com)

Glatzel continua la tradizione degli ultimi anni di giovani attaccanti provenienti dall’Academy dei “Reds” dopo Rhian Brewster e Ben Woodburn, con quest’ultimo che ha avuto già spazio in prima squadra.

Glatzel non ha ancora ottenuto una convocazione a livello di nazionali giovanili, ma è seguito costantemente dai tecnici di due nazionali diverse: quella inglese e quella tedesca. Infatti, essendo in possesso del doppio passaporto, Paul Glatzel ha la possibilità di scegliere, ma tutt’ora non sembra aver fatto la sua scelta definitiva.

Caratteristiche tecniche e tattiche

Paul Glatzel è una punta centrale forte fisicamente e dotata di una buona tecnica di base che gli consente di mettere a segno dei gol di pregevole fattura.

Abile nel gioco spalle alla porta, protegge bene la palla e fa salire la sua squadra facendo delle sponde molto utili.

Gioca ad alta intensità, lotta su ogni pallone rimanendo spesso lucido sia in fase di finalizzazione che di assistenza, risultando così un centravanti abbastanza completo.

Ha buone capacità balistiche, sa farsi valere nel gioco aereo sfruttando la sua stazza, è potente quando parte in progressione (non è lento) scattando sul limite del fuorigioco.

Tatticamente il suo ruolo è quello di punta centrale, sia all’interno di un tridente, sia affiancato da un attaccante che gli gira attorno.

Analisi finale

Punti di forza: Tecnica, forza fisica, capacità balistiche, gioco aereo, senso del gol, personalità, protezione della palla.
Punti di debolezza: Può essere più continuo nell’arco dei 90 minuti.
A chi assomiglia: Andrea Belotti
Valutazione: 3,5/5

(Fonte foto: www.thisisanfield.com)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *