Ilias Takidine: talento belga classe 2001

INFORMAZIONI: Ilias Takidine

Nome: Ilias Takidine
Ruolo: Ala destra
Data di nascita: 05/02/2001
Altezza: 165 cm.
Piede: Destro

Ilias Takidine

Ilias Takidine è stato uno dei giocatori che ha messo in maggiore difficoltà il pacchetto arretrato del Napoli U19 in occasione della partita contro il Genk.

La minuta ala destra ha più volte superato in dribbling i suoi dirimpettai, arrivando spesso al cross e alla conclusione, peccando però in concretezza.

Nato a Genk il 5 febbraio del 2001 da una famiglia di origini marocchine, Ilias è entrato a far parte della florida Academy dei “Mijnjongens Genkies” (I Ragazzi di Genk) all’età di 9 anni.

Dal momento del suo arrivo al Genk, Takidine si è sempre distinto come uno dei migliori prospetti, a tal punto da essere convocato sia in nazionale Under 16 (4 presenze e 2 gol), sia in Under 18, con la quale ha racimolato 2 caps.

Nel corso dell’attuale stagione, il giovane esterno offensivo è stato aggregato con profitto alla squadra Riserve dove, nelle tre partite disputate, è stato sempre impiegato dal primo minuto.

Inoltre, come già citato, dal match contro il Napoli (il secondo del girone) è stato inserito nella squadra U19 del Genk partecipante alla UYL.

Caratteristiche tecniche e tattiche

Ilias Takidine è un’ala destra velocissima e brevilinea, “frizzante”, in grado di creare costantemente la superiorità numerica nel suo settore di competenza, essendo “letale” nell’uno contro uno.

L’esterno offensivo belga ha uno stile di gioco molto divertente, esegue tanti “tricks” spettacolari e delle serpentine funamboliche che strappano applausi al pubblico.

“Taki”, così viene chiamato dai compagni, è un giocatore estroso, con grandi capacità aerobiche, che percorre tante volte la sua fascia di competenza, sfiancando i difensori suoi dirimpettai con le sue frequenti accelerazioni.

Ha un ottimo controllo di palla in piena corsa, ma deve sicuramente irrobustire il suo fisico, ancora un po’ troppo gracile.

In possesso un discreto tiro, deve essere più “cinico sotto porta”, riuscendo a gonfiare la rete avversaria con maggiore frequenza (non è di certo un bomber infallibile).

E’ un giocatore intraprendente, che non ha mai timori nel tentare la giocata più difficile nei momenti decisivi della partita.

Inoltre, si smarca continuamente, è propositivo e i compagni gli affidano moltissimi palloni.

Tatticamente il suo ruolo è quello di ala destra in un 4-3-3 o esterno offensivo in un 4-2-3-1.

Analisi finale

Punti di forza: Tecnica, velocità, dribbling, accelerazione palla al piede, assist, cambio di ritmo, personalità.
Punti di debolezza: E’ gracile e minuto. Deve migliorare nella gestione delle energie e nella concretezza.
A chi assomiglia: Ludovic Giuly
Valutazione: 3/5

(Fonte foto: www.krcgenk-jeugd.be)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *