Billy Gilmour: talento scozzese classe 2001

INFORMAZIONI: Billy Gilmour

Nome: Billy Clifford Gilmour
Ruolo: Centrocampista centrale, trequartista
Data di nascita: 11/06/2001
Altezza: 172 cm
Piede: Destro

Billy Gilmour

In questo avvio di stagione, Billy Gilmour, centrocampista offensivo del Chelsea, è stato subito determinante mettendo a segno una tripletta in UEFA Youth League contro il Molde, realizzando inoltre 2 reti e 3 assist nella Premier League 2.

Gilmour già da qualche anno è considerato il nuovo “wonderkid” del calcio scozzese, basti pensare che già a 15 anni si allenava con la prima squadra dei Rangers di Glasgow, club nel quale si è formato calcisticamente.

Billy è entrato a far parte del “Blues” nel 2017, dopo aver rifiutato un contratto professionale con i “Gers”. Il Club di Londra per assicurarselo ha vinto la concorrenza di Bayern Monaco e Barcellona, che da tempo seguivano da vicino i progressi del giovane talento.

Billy Gilmour è nato l’11 giugno 2001 a Glasgow ed è cresciuto ad Ardrossan, nel nord dell’Ayrshire. Suo padre prestò servizio nella Royal Navy e giocò nelle squadre giovanili dell’Ardrossan Winton Rovers.

Gilmour ha frequentato la Stanley Primary School di Ardrossan e la Grange Academy di Kilmarnock, dove ha fatto parte del programma per le scuole della Scottish Football Association (SFA).

A Glasgow Gilmour era molto considerato, aveva esordito con la squadra Under 20 nel dicembre 2016 e successivamente era entrato a far parte della prima squadra sotto gli ordini del manager Mark Warburton. Al giovane talento era è stato dato anche il numero di maglia, e dopo l’addio di Warburton dal club, era stato incluso due volte nella lista provvisoria per la Coppa di Scozia.

Il tecnico seguente, Graeme Murty, ha detto che nel periodo in cui lui era alla guida della squadra, il giocatore era stato “molto, molto vicino” a diventare il più giovane esordiente del club.

Pedro Caixinha, il successore di Murty, ha descritto Billy Gilmour come un giocatore dal “brillante futuro”; il portoghese a più riprese ha discusso con la famiglia del giocatore nel tentativo di persuaderlo a rimanere con il club. I Rangers, tuttavia, hanno annunciato nel maggio 2017 di aver raggiunto un accordo affinché Gilmour potesse unirsi al Chelsea in cambio di una “tassa significativa”.

Il Chelsea ha pagato una commissione iniziale di sviluppo di circa 500.000 sterline, con ulteriori premi potenzialmente dipendenti dalle prestazioni del ragazzo.

L’SFA Performance Director Malky Mackay aveva consigliato a Gilmour e alla sua famiglia di restare a Rangers, poiché avrebbe avuto più possibilità di giocare presto in prima squadra. Mackay ha detto: “Ha un grande potenziale. E ‘stato nel nostro radar da quando aveva 11 anni. Craig Mulholland e tutti gli allenatori dell’Academy dei Rangers gli hanno dato una base favolosa. Ora ha fatto un altro passo, un passo molto coraggioso da fare, quello di andare al Chelsea. Deve rimanere con i piedi per terra. Per il suo bene spero davvero che vada in prestito in fretta a qualcuno gli dia la possibilità di progredire”. (tratto da goal.com)

Al Chelsea Gilmour è diventato immediatamente il perno del gioco della squadra di Jody Morris. In questa stagione si divide tra la squadra Under 18 del tecnico Andy Myers e quella Under 21 guidata da Joe Edwards, suo allenatore anche in UYL.

Nelle selezioni giovanili scozzese Billy Gilmour è un vero punto fermo, attualmente fa parte dell’Under 21, con la quale ha ottenuto il quarto posto al Torneo di Tolone (con la fascia di capitano al braccio), venendo premiato come giocatore rivelazione della kermesse francese.

Gilmour è un ragazzo molto sicuro di sé, come si può chiaramente evincere dalle sue parole dopo la premiazione al Torneo di Tolone.
“E’ sempre stata la mia ambizione diventare il giocatore migliore al mondo. Penso che dovrebbe essere il sogno di ogni bambino. Se qualcuno è migliore di me, io voglio essere migliore di lui. Ho sempre avuto una mentalità vincente e odio perdere, quindi, quando vedo qualcuno che è meglio me, devo subito raggiungerlo”. (tratto da goal.com)

Caratteristiche tecniche e tattiche

Ha delle capacità tecniche assolutamente favolose e ha una grande mentalità. Molti ragazzi hanno talento, ma per giocare al più alto livello hai bisogno di temperamento e in questo momento siamo sicuri di vederlo in Billy. Ha un potenziale in crescita, ma la sua è una progressione di un giocatore potenzialmente molto, molto buono“, sono state le parole di Malky Mackay. (tratto da goal.com)

Billy Gilmour non è il classico centrocampista inglese dotato di una corporatura imponente, ma è un giocatore dal fisico ancora da costruire, non molto alto, che ha nella notevole tecnica di base il suo principale punto di forza.

Molto bravo ad impostare il gioco, ha una spiccata visione di gioco, organizza con ordine la manovra della sua squadra, rendendosi molto pericoloso in fase di realizzazione, sfruttando il suo preciso tiro dalla distanza (è insidioso anche sui calci da fermo).

Riesce spesso a smarcare in modo illuminante i compagni di squadra, mettendoli in condizione di tirare in porta.

Dotato di un buon dribbling stretto, Gilmour ha nel suo bagaglio tecnico anche un discreto cambio di passo, che gli consente di superare nell’uno contro uno i suoi dirimpettai.

Tatticamente può ricoprire diversi ruoli del centrocampo, in particolare può svolgere il regista e il trequartista in un 4-2-3-1 (o 3-4-1-2) ed anche la mezzala offensiva in un 4-3-3.

Analisi finale

Punti di forza: Tecnica, assist, visione di gioco, personalità, capacità balistiche, tiro, visione di gioco, tiri da fermo.
Punti di debolezza: Deve irrobustire la sua struttura fisica ed è carente nel gioco aereo. Può migliorare nella fase di non possesso palla.
A chi assomiglia: Ante Coric
Valutazione: 3,5/5

(Fonte foto: www.talkingbaws.com )

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *