Vincenzo Millico: talento italiano classe 2000

INFORMAZIONI: Vincenzo Millico

Nome: Vincenzo Millico
Ruolo: Ala sinistra, seconda punta
Data di nascita: 12/08/2000
Altezza: 173 cm
Piede: Destro

Vincenzo Millico

Probabilmente senza la rottura del menisco, avvenuta la scorsa stagione, Vincenzo Millico avrebbe avuto possibilità di debuttare a 17 anni in prima squadra del Torino.

Il ragazzo si è dovuto “accontentare” solo di alcune convocazioni tra “i grandi” (una al derby), soprattutto avvenute a causa dei tanti infortuni occorsi ai giocatori dell’allora tecnico Sinisa Mihajlovic.

E’ particolare il caso infortunio avvenuto a Vincenzo Millico, proprio nel match che vale una stagione, il derby cittadino con la Juventus Primavera.

“Forse il destino voleva che la mia partita durasse solo 8 minuti ma il mio difetto più grande è stato sempre quello di essere testardo e l’illusione di riuscire a correre mi ha fatto credere che non fosse successo niente e forse mi sarei dovuto fermare ma la voglia di giocare una partita così bella in quello stadio era tanta, forse troppa da rimetterci il mio ginocchio… Ora si pensa positivo e si pensa a recuperare con tanta forza e volontà! Un brutto infortunio che non ci voleva, spero di tornare il prima possibile e ce la metterò tutta. E comunque posso dire di aver giocato il derby con crociato rotto!”, ha scritto Millico scherzandoci un po’ sul suo profilo Instagram.

Talmente elevato il tasso tecnico di questa ala, che se avesse militato in qualche altro campionato straniero, con ogni probabilità avrebbe già esordito tra i pro.

Memorabile è stata la sua stagione (2016/17) con l’Under 17 di Sesia dove furono ben 18 i gol messi a segno in campionato, in una stagione che peraltro lo vide mettere già il naso in Primavera con anticipo di due anni.

Gli anni successivi il ragazzo si è confermato su buoni livelli, giovando stabilmente da sotto età nella squadra di Mr Coppitelli, grandissimo estimatore del ragazzo, a tal punto di nominarlo anche capitano.

In questo avvio di stagione, disputato con la Primavera del Toro, Vincenzo sta impressionando con i suoi colpi da funambolo, abbinati ad una velocità straordinaria e la categoria sembra andargli abbastanza stretta.

D’altronde Millico non è un “Carneade”, il suo percorso nel settore giovanile granata è stato costellato di successi, sia personali che di squadra (l’ultimo è stata la vittoria della Coppa Italia della passata stagione). Nelle varie selezioni giovanili italiane, Vincenzo è stato sempre convocato, dall’Under 16 fino all’Under 19.

Nato a Torino il 12 agosto del 2000, Millico ha iniziato a dare i primi calci ad un pallone all’Atletico Mirafiori, poi a 8 anni viene preso dalla Juventus, ma la storia con i bianconeri dura solo 3 anni e il ragazzo passa a titolo gratuito agli acerrimi rivali del Torino.

Un breve passato alla Juventus che forse ha dato fastidio a qualche tifoso del Toro, che non ha apprezzato un “like” del ragazzo ai post ufficiali del club bianconero. Millico ha però voluto immediatamente precisare: “Voglio rispondere a tutte quelle persone che mi hanno insultato o si sono sentite offese perché ho messo dei “mi piace” alla pagina della Juventus. Io non tifo nessuna squadra: se guardate attentamente metto dei like anche a Inter, Roma, Milan e Fiorentina, perché mi piace il calcio in generale. Inizio ad odiare le squadre avversarie solo quando entro nel rettangolo di gioco, mentre fuori da parte mia non c’è nessun astio verso nessuno. Non mi sembra di fare nulla di sbagliato, perché amo semplicemente il calcio”.

Nel suo percorso nel settore giovanile del Toro, Millico è stato spesso corteggiato da altri club, soprattutto stranieri, ma alla fine ha deciso di firmare per i granata il primo contratto da pro con scadenza giugno 2020.

Caratteristiche tecniche e tattiche

È un tipico attaccante esterno da 4-3-3, che gioca preferibilmente a piede invertito, quindi a sinistra, per poter accentrarsi e tirare col destro. Ha tiro, personalità e sfrontatezza; non ha paura di provare giocate anche difficili e di saltare l’uomo. Adesso quel che deve fare lui è imparare da chi gli sta intorno come una spugna. A chi si ispira? Il tipo di giocatore a cui secondo me assomiglia è Insigne. Caratterialmente, per fortuna, è tutto campo e casa. Molto attaccato alla famiglia e determinato. Sa di avere una chance importante e farà di tutto per sfruttarla, ne sono sicuro”, così lo descrive dettagliatamente a toronews.net Gaetano Paolillo, l’agente di Vincenzo Millico.

Effettivamente, Millico è un giocatore in grado di creare la superiorità numerica sulla sua fascia di competenza, sfruttando la sua super velocità e la sua spiccata abilità nell’uno contro uno.

Il suo stile di gioco frizzante, fatto di continui scatti e progressioni sulla fascia, è un vero piacere per gli spettatori che amano i giocatori creativi come lui.

La sua tipica azione prevede lo scatto sulla fascia sinistra, con il conseguente accentramento per andare a concludere con degli spettacolari tiri a giro.

Fisicamente può irrobustire un po’ la sua struttura fisica, in modo tale da essere più competitivo nei duelli corpo a corpo.

Tatticamente perfetto per svolgere il ruolo di ala sinistra di un 4-3-3, ma anche l’esterno offensivo di un 4-2-3-1, in passato ha anche giocato da seconda punta.

Analisi finale

Punti di forza: Tecnica, dribbling, velocità, dinamismo, progressione, personalità, capacità balistiche.
Punti di debolezza: Può essere più continuo nel suo rendimento e rafforzare la sua struttura corporea, oltre a migliorare nella fase difensiva.
A chi assomiglia: Lorenzo Insigne
Valutazione: 4/5

(Fonte foto: www.torcidagranata.net)

Una risposta a “Vincenzo Millico: talento italiano classe 2000”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *