Mohammed Kudus: talento ghanese classe 2000

INFORMAZIONI: Mohammed Kudus

Nome: Mohammed Kudus
Ruolo: Mezzala sinistra/destra
Data di nascita: 02/08/2000
Altezza: 177 cm
Piede: Sinistro

Mohammed Kudus

Mohammed Kudus, mezzala classe 2000 del Nordsjaelland, è indubbiamente uno dei talenti più interessanti del continente africano: il nazionale Under 20 ghanese è già riuscito a totalizzare 31 presenze, 2 assist e 4 gol con la prima squadra, l’ultimo dei quali messo a segno nel suo primo match stagionale (contro il Randers), dopo un periodo di inattività a causa di un infortunio.

Mohamed è stata una delle poche note positive di questo negativo inizio di stagione del Nordsjaelland, che si trova al sesto posto con 6 punti in 4 partite.

Kudus ha iniziato a giocare a calcio in un club a 12 anni, entrando a far parte della Right to Dream Academy, società che gli ha permesso di mettersi in mostra e di venire convocato nelle nazionali Under 17 e Under 20 del suo paese (ha giocato entrambi i mondiali di categoria).

Proprio nel corso delle competizioni intercontinentali, Kudus ha catturato l’attenzione degli scout del club danese che, nel 2017, lo hanno tesserato insieme ad altri due compagni di squadra, Ibrahim Sadiq e Gideon Mensah.

“Abu Sadiq e Kudus Mohammed sono davvero bravi e devono essere fatti crescere tranquillamente”, ha dichiarato Kasper Hjulmand, allenatore dell’FCN.

Effettivamente, Kudus ha avuto un impatto graduale con il calcio professionistico danese, venendo impiegato per 6 mesi nella squadra riserve, prima di essere promosso tra “i grandi” ad inizio 2018.

Il giovane ghanese ha esordito in prima squadra contro il Brøndby, 3 giorni dopo il suo 18esimo compleanno, diventando il nono debuttante più giovane nella storia del Nordsjælland.

Le sue ottime prestazioni durante l’arco della passata stagione, hanno attirato l’interesse di alcuni club inglesi, con Manchester City ed Everton in prima fila.

Per ora il club danese è riuscito a respingere le offerte per Kudus rinnovandogli il contratto fino al 2021 (per l’occasione gli è stato anche assegnato il numero 10).

“Siamo molto lieti di poter continuare a lavorare con Kudus. È un grande talento, ma ha anche dimostrato una grande volontà e capacità di voler migliorare nell’anno in cui è stato con noi al FCN. Non è un segreto che ci sia stato, e c’è ancora, un grande interesse per lui dall’estero, ma riteniamo che possa ancora crescere nel nostro ambiente e siamo molto contenti che Kudus la veda allo stesso modo e pertanto ha scelto di estendere il suo contratto e di continuare a far parte dello sviluppo del club e del team”, ha dichiarato al sito del club Jan Laursen, direttore sportivo.

Caratteristiche tecniche e tattiche

Mohammed Kudus è principalmente una mezzala offensiva (anche se nell’ultima partita è stato impiegato da punta), che abbina ad una notevole fisicità una buona tecnica di base.

Esplosivo e potente, è dotato di un “educato” piede mancino, che gli consente di essere pericoloso dalla distanza e di sfornare degli assist invitanti.

Ha una visione di gioco periferica, gioca già con una discreta maturità tattica, alternando con sapienza passaggi verticali e orizzontali, risultando un giocatore ordinato ed intelligente.

Dotato di buon dribbling, sa controllare bene la sfera, disimpegnandosi con abilità negli spazi stretti, dove fa leva anche sulla sua esplosività muscolare e forza nelle gambe.

In possesso di un passo veloce, ha anche un prepotente progressione palla al piede, che gli consente di inserirsi centralmente all’interno dei pacchetti arretrati avversari.

Fisicamente massiccio, è performante nei duelli corpo a corpo, risultando un buon recuperatore di palloni, pur avendo maggiori qualità offensive.

Ha una spiccata personalità, non è un giocatore che ha paura delle responsabilità, ma anzi, le pressioni esterne sembrano scivolargli addosso.

Tatticamente il suo ruolo è quello di mezzala di un 4-3-3, ma può anche essere impiegato anche da trequartista incursore.

Analisi finale

Punti di forza: Tecnica, potenza, visione di gioco, dinamismo, lanci lunghi, fisicità, velocità, contrasti, capacità balistiche, personalità
Punti di debolezza: Deve migliorare il destro ed essere più continuo.
A chi assomiglia: Ross Barkley
Valutazione: 3,5/5

(Fonte foto: ghanasoccernet.com)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *