Helinho: talento brasiliano classe 2000

INFORMAZIONI: Helinho

Nome: Hélio Júnio Nunes de Castro
Ruolo: Ala destra
Data di nascita: 25/04/2000
Altezza: 175 cm
Piede: Sinistro

Helinho

Hélio Júnio Nunes de Castro, più semplicemente chiamato Helinho, è uno dei tanti interessanti talenti brasiliani nati nell’anno 2000.

La sua fama e probabilmente la sua qualità, non è ancora al livello dei suoi più noti coetanei come Vinicius Jr, Paulinho e Lincoln, ma in prospettiva può comunque affermarsi come uno dei prospetti più interessanti della sua fascia d’età a livello mondiale.

Sostituto di Vinicius Jr al mondiale Under 17 in India, in quanto il Flamengo non aveva concesso al suo ex talento di partire con la “Canarinha” Sub-17, Helinho si è sempre distinto tra le varie categorie del São Paulo.

Nato a Sertãozinho il 25 aprile del 2000, Helinho è entrato a far parte del settore giovanile del club paulista a 12 anni.

La sua carriera con il “Tricolor” è stata costellata di successi e di reti. A livello Under 15 ha segnato 15 gol in 37 partite, mentre nella categoria Under 17, da sotto età, ha messo a segno 9 gol sempre in 37 partite.

Lo scorso anno il talentino verdeoro si è ripetuto su ottimi livelli, andando in rete per 11 volte in 19 partite.

Nel suo palmares sono presenti prestigiosi trofei come: l’Aspire Tri-Series Under-17 2017, il Campeonato Paulista U17 2016, la Gold Cup dell’APF Under 17 2016, la Coppa del Salvador Under 17 2016, la Coppa Belo Horizonte 2016 e la Coppa Belo Horizonte 2017. Con il São Paulo ha un contratto lungo che scade nell’aprile del 2023.

Quest’anno ha ben figurato da sotto età a livello Under 20, venendo conseguentemente integrato dall’allora tecnico Diego Aguirre nella prima squadra, esordendo in 4 novembre in occasione della partita contro il Flamengo, nella quale il giovane attaccante esterno è anche andato in gol, diventando il primo giocatore del São Paulo a segnare nel giorno del debutto.

Liziero, suo compagno anche nelle giovanili, non è stato sorpreso dal gol del suo amico. “Non è niente di nuovo. Ho visto fare da quel ragazzino tre-quattro gol come quello, quando era nelle categorie giovanili. È tipico del suo modo di giocare, accentrarsi e fare quel tiro “, ha detto il “volantino” a Gazeta Esportiva. Helinho ha poi raccontato che dopo quel suo bellissimo gol non è riuscito a dormire per un bel po’ di tempo.

Con la prima squadra, Helinho è già riuscito a totalizzare 5 presenze, attirando anche l’interesse da parte di alcuni club del Vecchio Continente.

Caratteristiche tecniche e tattiche

Helinho è un attaccante esterno destro dotato di un fisico normolineo e di baricentro basso, rapido, abile nel dribbling ed in possesso di notevoli capacità balistiche (ha un calcio forte e “pulito”).

Molto pericoloso dalla media-lunga distanza, Helinho ama accentrarsi per andare al tiro con il piede mancino.

Per questo suo stile di gioco, si trova spesso ad agire da trequartista, una posizione che gli consente di sfornare degli assist di precisione millimetrica. E’ infatti dotato di una buona visione di gioco, poco comune a molti calciatori, anche molto più esperti di lui.

Purtroppo non è molto forte fisicamente e ha evidentemente bisogno di irrobustire la sua struttura corporea, soprattutto se vorrà essere competitivo anche nei campionati europei.

E’ un giocatore creativo, che ama avere la palla tra i piedi, indietreggia verso la propria metà campo e oltre a questo, tenta spesso l’uno contro uno, creando così la superiorità numerica nel suo settore di competenza.

Helinho è un giocatore di personalità, che non ha paura di tentare la giocata difficile anche davanti a platee esigenti come quelle brasiliane.

Tatticamente il suo ruolo è quello di esterno destro in un 4-2-3-1, una posizione che interpreta abbastanza saggiamente nonostante la giovane età, applicandosi nella fase difensiva e rincorrendo spesso i suoi dirimpettai.

Analisi finale

Punti di forza: Tecnica, progressione palla al piede, velocità, dribbling, dinamismo, personalità, capacità balistiche, visione di gioco.
Punti di debolezza: Può migliorare tatticamente e soprattutto rafforzarsi fisicamente. Inoltre deve migliorare a giocare con il destro.
A chi assomiglia: David Neres
Valutazione: 3,5/5

(Fonte foto: www.m.diarioonline.com.br)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *