Come si muove il calciomercato giovanile Juventus

Il calciomercato giovanile Juventus è sempre in movimento. Sempre più prospetti di belle speranze vengono provinati dal club bianconero.  E’ notizia di qualche giorno fa la convocazione a Torino di due ragazzi della Nuova Tor Tre Teste Jacopo Tarantino, classe 2005, e Gabriele Gentile, portiere classe 2006.

Il team bianconero vanta con la società dilettantistica di Roma, sita a Via Candiani, un rapporto di collaborazione, che in passato ha portato a Vinovo anche il portiere classe 2002 Giovanni Garofano e la punta del 2004 Simone Condello. Con questa partnership i bianconeri sono riusciti a vincere la concorrenza di quasi tutti gli altri importanti club italiani (società romane in primis), che da tempo erano sulle tracce dei talentini della NTTT.

Il settore giovanile della Juventus dai pulcini alla prima squadra

La Juventus, con il suo ds Marco Paratici (coadiuvato dal suo staff), è riuscita a costruire una struttura sportiva molto efficiente. Infatti ha portato campioni in prima squadra e giovani dal futuro assicurato nelle squadre del settore giovanile, investendo in modo oculato e bilanciato per quanto riguarda i giovani talenti.  I ragazzi vengono formati non solo calcisticamente, ma anche come uomini, venendo seguito a scuola e assistiti per ogni eventuale bisogno.

Tutte le diverse categorie, non solo partecipano a delle competizioni nazionali, ma vengono impiegati anche in prestigiosi tornei internazionali. Questi tornei permettono ai ragazzi di crescere sportivamente e culturalmente, confrontandosi con giovani appartenenti a contesti geografici diversi.

La struttura dell’organigramma del settore giovanile della Juventus

Un ruolo centrale nel settore giovanile della Juventus lo recita la Juventus Primavera, allenata dall’ex campione d’Italia con gli allievi della Roma Francesco Baldini. Scendendo più in giù con l’età, troviamo l’Attività Agonistica del Settore Giovanile bianconero, con le due squadre Allievi (U17 guidati da Francesco Pedone e U16 allenata da Paolo Beruatto) e le due dei Giovanissimi (U15 e Under 14 guidata dal duo Lampo-Sacchin). Le due squadre giocano sia a livello regionale che – nelle fasi finali dei rispettivi campionati – a livello nazionale.

Nel settore giovanile della Juventus i giovanissimi U15 sono il fiore all’occhiello, avendo buone possibilità di vincere lo scudetto. In questo inizio di stagione, sono stati trascinati proprio da Simone Condello, ex punta della Nuova Tor Tre Teste.

C’è, infine, un universo di entusiasmo ed energia allo stato puro, l’Attività di Base del Settore Giovanile. Composto da circa 250 bambini nati dal 2003 al 2009. Nel settore giovanile della Juventus i pulcini recitano un ruolo importante, che ora è ancora più sotto la lente d’ingrandimento in quanto tra loro è presente il figlio di Cristiano Ronaldo.

I Primi Calci 2010 avranno come tecnici Marco Battaglia e Lorenzo Niello. Il primo di lunga data in casa Juve, il secondo appena arrivato ma proveniente dalla Sisport, scuola Calcio Juventus. La categoria invece di Piccoli Amici 2012 vedrà come allenatori Luca Giglio e Gianfilippo Boscolo. Arrivato la scorsa stagione il primo, guidava la classe 2011, mentre è al suo primo anno in Juventus Boscolo, anche lui proveniente dalla Sisport.

Come si svolgono i provini nel settore giovanile della Juventus

Per perfezionare gli organici la Juventus svolge nel settore giovanile provini in modo continuativo. Pescando ragazzini di talento in tutta Italia, sfruttando soprattutto le tante Academy distribuite su tutto il territorio (abbiamo già citato quella romana della Nuova Tor Tre Teste).

Naturalmente, la gran parte dei ragazzi che entrano a far parte della Juve, sono stati precedentemente visionati per lungo tempo. In seguito portati a Vinovo per svolgere un periodo di prova (che può durare dai 3 ai 10 giorni).

Il club bianconero usufruisce anche della piattaforma social www.fbplayer.com per cercare nuovi talenti. Una sorta di concorso legato a questo social network che permette ai vincitori di svolgere dei provini con le squadre giovanili della Juventus.

L’importanza dei giovani talenti per la Juventus

Chi ha assistito agli ultimi europei Under 19 e Under 17, ha potuto notare la cospicua presenza di giovani calciatori provenienti dal vivaio della Juventus. Da Fagioli, passando per Gozzi Iweru e Leone, fino ai ragazzi dell’Under 21 di Gigi Di Biagio, il bianconero è sempre molto presente. Investire molto sui giovani di talento è per la Juventus qualcosa di fondamentale.

Così facendo le squadre giovanili della Juventus diventano super competitive e i giovani talenti. Una volta cresciuti diventano importanti in fase di calciomercato giovanile (e non), venendo inseriti nelle varie trattative, facendo così delle interessanti plusvalenze. Il mercato dei giovani talenti della Juventus è sempre in continua evoluzione e sempre più numerosi sono i ragazzi passati nelle giovanili della Juventus che arrivano al professionismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *